Home page

News

 

  02/05/2010 - L'Atletico cede solo nei supplementari. Finisce a S.Croce la stagione dell'Atletico Catania che vede infrangere i propri sogni promozione perdendo per 4 a 2 ai tempi supplementari la sfida Play Off contro il S.Croce. Una sconfitta che sicuramente sarà dura da digerire ma che ha messo in mostra il grande attaccamento alla maglia di tutti i giocatori, onorandola e combattendo dal primo fino all'ultimo minuto. Quella col S.Croce, più che una partita, è stata una battaglia calcistica, condizionata da episodi e dal pessimo terreno di gioco pieno di zolle, che impediva la costruzione del gioco. L'Atletico Catania non ha comunque demeritato, anzi per larghi tratti della partita è stato padrone del campo mettendo sotto, e non poco, la compagine allenata da mister Di Giacomo che è riuscita ad affondare la corazzata Atletico solo nei tempi supplementari. Una sconfitta che comunque fa uscire a testa alta i ragazzi allenati da Mister Richichi, che a fine gara ha comunque ringraziato l'operato di tutti i giocatori. Mister Richichi decide di optare per il solito 4-3-3, con Noto tra i pali, Zumbo, Leonardi, Sciuto e Scaravilla in difesa, Tasca, Pidatella e Calì a centrocampo, Ventura, Mirabella e Passanisi in attacco. Il S.Croce risponde con Di Giacomo, Guarino, Brugaletta, Iurato, Boncompagni, D'Iapico, Scifo S., Nasello, Zuppardo, Rizzo, Ruscica. Per vedere la prima conclusione si deve aspettare il 22', tiro di Calì dalla distanza, ma non impensierisce Di Giacomo che para in due tempi. Al 25' corner di Tasca, appostato sul secondo palo c'è Ventura, ma il suo colpo di testa, sporco, viene parato da Di Giacomo. Al 29' ancora Atletico Catania in avanti, Ventura smarca Mirabella che entra il area e tira al volo, ma il pallone finisce alto sopra la traversa. Al 30' primo affondo del S.Croce con Rizzo che crossa per Zuppardo, ma il suo tocco sfiora il palo alla sinistra di Noto. Al 31' Pidatella lancia Ventura, Guarino sembra in vantaggio toccando il pallone di testa per Di Giacomo, ma quest'ultimo viene beffato dal tocco del difensore che può solo osservare la palla depositarsi in RETEEE!!! S.Croce 0 - Atletico Catania 1! Il S.Croce reagisce e trova subito il pari al 40', Rizzo salta Sciuto sulla sinistra, entra in area, serve Ruscica che batte Noto per l'1 a 1! Finisce così il primo tempo. Nella ripresa l'Atletico parte in avanti e conquista un corner battuto da Tasca, ma Mirabella da due passi non riesce a dare la potenza giusta al colpo di testa favorendo la parata di Di Giacomo. Sul capovolgimento di fronte al 47' il tiro cross beffardo di Rizzo serve involontariamente Zuppardo che in corsa di testa deposita la palla in rete! S.Croce 2 - Atletico Catania 1! Al 54' si riaffaccia l'Atletico in avanti con un corner di Pidatella, ma il colpo di testa di Mirabella viene parato senza problemi. Al 60' Zuppardo raccoglie un lancio dalle retrovie e nel tentativo di anticipare Ventura spazza il pallone verso la sua porta, Di Giacomo è fuori da pali, la palla sembra entrare in rete ma viene salvata sulla linea da Boncompagni, ma Passanisi più lesto di tutti tocca il pallone di testa quanto basta per buttare la palla in RETEEE!!! S.Croce 2 - Atletico Catania 2! Il S.Croce spinge sull'acceleratore e va vicino al nuovo vantaggio prima con Rizzo, ma Noto risponde una splendida parata deviando in corner e poi con Ruscica che coglie il palo a un metro dalla porta. Cominciano le sostituzioni, escono Passanisi e Mirabella per Tricomi e Merola. Per il S.Croce escono Ruscica e Nasello, entrano Tricomi e Rosignoli. All'81 ci prova Guarino con un tiro-cross dalla trequarti, ma Noto devia in corner. All'89' l'ultimo sussulto prima dei supplementari è di Merola con una punizione dai 30 metri tirata alta. Finisce così il secondo tempo, si va ai supplementari. Supplementari che cominciano subito male per l'Atletico Catania che va sotto al 95' con un tiro di Rizzo deviato da Noto ma nei piedi di D'Agosta che deposita la palla in rete. S.Croce 3 - Atletico Catania 2. Esce Zuppardo entra D'Agosta D. per il S.Croce. Finisce senza particolari emozioni il primo tempo supplementare. Nel secondo tempo supplementare al 106' cross di Brugaletta, Noto esce riuscendo a bloccare il pallone che gli scivola dalle mani servendo involontariamente Rizzo che di testa deposita in rete! S.Croce 4 - Atletico Catania 2! E' il gol che taglia le gambe agli uomini allenati da Richichi, che comunque sfiorano il 4 - 3 prima con un pallonetto di Tricomi che finisce di poco a lato, poi con una punizione di Tasca dai trenta metri bloccata da Di Giacomo. Finisce 4-2 per il S.Croce che adesso giocherà la finale del girone contro l'Avola. Una gara condizionata dagli episodi e dalla sfortuna, giocando in un campo dove il manto erboso non ha niente da invidiare ad un campo di patate. Come detto prima rimane la voglia e la forza dei giocatori Atletisti che hanno ONORATO la maglia uscendo a TESTA ALTA dai Play Off e disputando un campionato a dir poco eccezionale tutto in rimonta, partendo dalla penultima posizione della settima giornata concludendolo alla quinta posizione all'ultima giornata. ONORE a questi ragazzi e soprattutto al Mister RICHICHI che è stato capace di dare un CARATTERE a questa squadra, oltre ad un gioco e tante motivazioni partita dopo partita. Grande merito va a LUI e tutto lo STAFF TECNICO. A fine gara, Richichi intervistato dall'Addetto Stampa analizza l'incontro così: "E' un peccato aver perso quest'incontro ai supplementari, una sconfitta che ci lascia l'amaro in bocca ma che tutto sommato ci fa uscire a Testa Alta. Come avete visto il campo era quello che era e costruire gioco era praticamente impossibile. Una gara ben giocata da noi, spesso abbiamo avuto il pallino del gioco in mano, ma purtroppo il S.Croce è stato più bravo a sfruttare i nostri errori difensivi. Rimane il bel lavoro svolto in questi mesi e la grande impresa per aver raggiunto i Play Off dopo un campionato all'insegna della rimonta"

PLAY-OFF PROMOZIONE GIR.D - 2 Maggio 2010, ore 16

Stadio "Comunale" di S.Croce Camerina

S.CROCE - ATLETICO CATANIA: 2 - 2 * * 4 - 2 dts

S.CROCE: Di Giacomo, Guarino, Brugaletta, Iurato, Boncompagni, D'Iapico, Scifo S., Nasello (84' Russo), Zuppardo (103' D'Agosta D.), Rizzo, Ruscica (76' D'Agosta F.). ALL.Di Giacomo. A disp. Scifo G., Pasile M., Fazio S., Guastella.

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Sciuto, Pidatella, Spadaro (1' Passanisi)(70' Tricomi), Mirabella (82' Merola), Calì, Ventura. ALL.A.Richichi. A disp. Rovito, Giuffrida, Bianca, Rosignoli.

ARBITRO: Boscia Pietro di Messina (voto 7) ASSISTENTI: Garofalo e Fregapane (AG) (voto 7)

RETI: 31' Guarino (autorete), 40' Rizzo (s.croce), 47' Zuppardo (s.croce), 60' Passanisi, 95' D'Agosta F. (s.croce), 106' Rizzo (s.croce)

AMMONITI: Sciuto, Ventura e Merola per l'Atletico Catania, Guarino, Rizzo e Scifo S. per il S.Croce.

NOTE: Terreno in pessime condizioni, giornata calda, circa 300 spettatori, di cui 100 pervenuti da Catania per sostenere l'Atletico.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  18/04/2010 - L'Atletico fa 2 - 2 ! Ragazzini in Eccellenza. Sarà il S.Croce l'avversario dell'Atletico Catania nei Play Off, che si disputeranno il 2 Maggio. Negli ultimi novanta minuti della stagione la Ragazzini è riuscita a vincere a Comiso per uno a zero e conquistare di fatto la promozione diretta in Eccellenza precedendo proprio il S.Croce in classifica. L'Atletico andrà quindi a giocarsi la stagione a S.Croce, non avendo più l'handicap del doppio risultato, infatti da quest'anno non conterà più la posizione in classifica ma in caso di parità si disputeranno prima i supplementari e poi i calci di rigore. L'Atletico quest'oggi ha centrato un 2 a 2 contro uno Scicli arrivato a Catania in cerca di punti per evitare la retrocessione, riuscendo a strappare un punto, meritatamente, alla compagine di Richichi. Mister Richichi ridisegna la formazione degli undici titolari lasciando in panchina i diffidati e facendo giocare chi ha avuto meno spazio nell'arco del campinato. Solito 4-3-3 offensivo con Noto tra i pali, Gentile, Leonardi, Giuffrida e Longhitano in difesa, Merola, Messina e Rosignoli a centrocampo, in avanti Tricomi e Spadaro a supporto di Passanisi. Lo Scicli risponde con Calabrese, Sammito, Vaccaro, Grimaldi, Savà, Tumino, Voi, Arrabito, Adamo, La China, Campailla. Avvio un pò a rilento, ma è l'Atletico ad andare per primo vicino al gol al 14' con un passaggio filtrante di Rosignoli per Passanisi che entra in area ma conclude alto sopra la traversa. Lo Scicli risponde al 18' con un cross di Sammito per Campailla che anticipa Giuffrida in area ma conclude alto. Al 21' bello scambio Passanisi - Tricomi, quest'ultimo entra in area ma solo davanti al portiere spara addosso a quest'ultimo. Al 29' Rosignoli conquista palla a centrocampo, serve Tricomi sulla sinistra che crossa per Passanisi abile ad anticipare Calabrese di testa e depositare la palla in RETE ! Atletico Catania 1 - Scicli 0! Al 40' reagisce lo Scicli: lancio dalle retrovie per Adamo in area di rigore che calcia al volo da posizione defilata e beffa Noto per l' 1 -1! Al 45' ancora Scicli pericoloso, cross di Arrabito per Grimaldi che a tu per tu con Noto spedisce il pallone fuori. Finisce il primo tempo. 1 - 1 ! Nella ripresa parte subito bene l'Atletico Catania, al 46' Spadaro entra in area serve Passanisi che di punta tocca il pallone quanto basta per spedire il pallone in RETE!! Atletico Catania 2 - Scicli 1! Reazione immediata dello Scicli al 48' con un tiro dal limite di Adamo che si stampa sulla traversa. Entrano in successione Fiume, Pidatella e Blanco per Tricomi, Merola e Messina. Al 67' lo Scicli vicino al pareggio con un cross di Campailla e conseguente tiro di La China ma la palla finisce di poco a lato. Al 68' Passanisi salta un avversario conclude a rete, ma Calabrese respinge con i pugni, la palla arriva a Fiume che a porta vuota spedisce alto. Al 72'cross di Sammito, azione convulsa in area di rigore, batti e ribatti, la palla arriva ad Adamo che deposita in rete! Pareggio 2 a 2! Timida reazione dell'Atletico Catania nei minuti finali che sfiora il vantaggio prima con Passanisi e poi con Fiume, ma la gara si conclude sul 2 a 2. Ultima gara di campionato per l'Atletico Catania che da domani volterà sicuramente pagina, massima concentrazione per affrontare al meglio i Play Off, in un campo difficile come quello di S.Croce. A Fine gara mister Richichi analizza la gara così: "Oggi ho dato spazio a chi ha giocato meno, lasciando in panchina i diffidati per non rischiare nulla per i Play Off. Mi sembra che la squadra abbia onorato questa gara disputando una buona gara. Lo Scicli sicuramente aveva qualche stimolo in più rispetto a noi. Da domani si torna a lavorare seriamente, adesso è importante affrontare la gara di S.Croce con il massimo impegno e la massima concentrazione, la squadra vuole fare bene e cercheremo di dare il massimo. Complimenti alla Ragazzini Generali che ha vinto questo difficile campionato".

ULTIMA GIORNATA - Campionato di Promozione Gir.D

18 Aprile 2010 - Ore 16 - Stadio "Nino Todaro" S.Agata li Battiati

ATLETICO CATANIA - SCICLI : 2 - 2

ATLETICO CATANIA: Noto, Gentile, Longhitano, Messina (69' Blanco), Giuffrida, Leonardi, Passanisi, Spadaro, Tricomi (49' Fiume), Merola (51' Pidatella), Rosignoli. All. Richichi. A disp. Scaravilla, Tasca, Calì, Tasca, Ventura.

SCICLI: Calabrese, Sammito, Vaccaro, Grimaldi, Savà, Tumino, Voi, Arrabito, Adamo, La China, Campailla. All. G.Spatola. A disp. Taranto, Lasagna, Donzella, Morigi, Giannone.

ARBITRO: Pirrotta (Barcellona P.d.G.) Voto 7 - ASSISTENTI: Totaro e Pizzino (ME)

RETI: 29' e 46' Passanisi, 40' e 72' Adamo.

AMMONITI: Fiume per l'Atletico Catania

ESPULSI: Nessuno

NOTE: Circa 100 spettatori, giornata fredda, terreno in discrete condizioni.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  11/04/2010 - Sconfitta ininfluente a Canicattini per 2 - 1. L'Atletico Catania esce sconfitto dall'incontro di Canicattini per due reti a uno in una gara che non ha offerto tante emozioni e priva di ogni stimolo calcistico per entrambe le formazioni. L'Atletico Catania si presentava a Canicattini già con la certezza di poter disputare i Play Off mentre il Canicattini, dopo la retrocessione matematica, cercava di onorare al meglio l'ultima gara tra le mura amiche. L'ha spuntata il Canicattini alla fine per due a uno, la gara è servita a Richichi per tastare le condizioni di alcuni giocatori e per far giocare chi ha avuto meno spazio nell'arco del campionato. Richichi opta per il solito 4-3-3 con Noto tra i pali, Gentile, Sciuto, Bonaventura e Zumbo in difesa, Calì, Pidatella e Rosignoli a centrocampo, Spadaro, Passanisi e Fiume in attacco. Il Canicattini risponde con Ficara, Iurato, Randazzo M., Presti, Modica, Di Lorenzo, Salemi, Carrabino, Tinè, Carruba, Randazzo S.. Parte subito bene il Canicattini che passa in vantaggio all'8 con un errore difensivo di Bonaventura che si fa scavalcare da un lancio dalla mediana di Di Lorenzo, favorendo l'inserimento di Tinè in area che non lasciava scampo all'incolpevole Noto. Canicattini 1 - Atletico Catania 0! L'Atletico tenta di reagire al gol subito e trova il pari al 26': lancio di Passanisi, sponda di Fiume e palla che finisce a Spadaro che entra in area e piazza la palla all'angolino della porta difesa da Ficara. Canicattini 1 - Atletico Catania 1! Al 28' Altra sponda di Fiume per l'accorrente Passanisi, ma il suo tiro al volo finisce alto sopra la traversa. Al 32' azione offensiva del Canicattini, ma il tiro finale di Tinè finisce di poco a lato. Al 37' ci prova Salemi da calcio piazzato, ma il suo tiro finisce alto sopra la traversa. Finisce così il primo tempo. 1-1! Nella ripresa parte subito bene l'Atletico Catania con un corner di Calì e colpo di testa di Zumbo a botta sicura, ma Ficara riesce a deviare il pallone sulla traversa. La gara continua su ritmi lenti, poche occasioni e pochi tiri in porta. Al 71' Sciuto stoppa un pallone con il braccio in area, ma l'arbitro non vede e lascia proseguire. Al 72' Carrabino entra in area lascia partire un tiro che Noto riesce a deviare in corner. All'80' altro movimento errato della difesa atletista che si fa tagliare in contropiede dagli avversari, Randazzo si invola indisturbato e batte Noto per il definitivo 2 a 1! L'Atletico tenta una timida reazione andando vicino al pareggio a 92' con Rosignoli, che non riesce a deviare un pallone sotto porta. Finisce 2 a 1 per il Canicattini. Atletico Catania che è sembrato un pò distratto in fase difensiva e forse già con la testa ai Play Off, ma mister Richichi avverte: "Dobbiamo onorare tutte le partite di campionato, sicuramente questa sconfitta non ci tocca particolarmente, ho dato spazio a chi ha giocato meno perchè è giusto che tutti possano giocare. Da domani cominceremo a lavorare pesantemente per cercare di preparare al meglio l'ultima gara in campionato e i Play Off, sia a livello calcistico che mentale. Adesso dobbiamo concentrarci e non sbagliare più perchè ci giochiamo tutta la stagione".

29° GIORNATA - Campionato di Promozione Gir.D

Stadio "Comunale" di Canicattini Bagni, 11 APRILE 2010, Ore 16

CANICATTINI - ATLETICO CATANIA 2 - 1

CANICATTINI: Ficara, Iurato, Randazzo M. (50' Amenta), Presti, Modica, Di Lorenzo, Salemi, Carrabino, Tinè, Carruba (60' Guida), Randazzo S.. All. Infanti.

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo (68' Ventura), Gentile (51' Longhitano), Pidatella, Bonaventura, Sciuto, Passanisi, Spadaro, Rosignoli, Calì, Fiume (60' Messina). All.Richichi. A disp. Rovito, Scaravilla, Tasca, Tricomi.

ARBITRO: Spadaro di Messina (Voto 6)

RETI: 8' Tinè, 26' Spadaro (atl.ct), 80' Randazzo S.

AMMONITI: Modica per il Canicattini.

NOTE: Giornata calda, terreno in buone condizioni, circa 50 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  24/03/2010 - Pareggio per 1 - 1 con l'Atletico Gela. Atletico Catania certo della matematica partecipazione ai Play Off cerca di onorare al meglio le ultime gare di campionato, pareggiando per uno a uno contro un buon Atletico Gela. Gelesi a caccia di punti salvezza, per evitare i play out o cercare un buon piazzamento per gli spareggi salvezza. Per l'Atletico spazio a chi ha giocato meno, debutta infatti il terzino Juniores Bottino, alla sua prima presenza in promozione e fiducia al forte juniores Bonaventura posizionato al centro della difesa. Avvio di gara fulmineo per i Gelesi che passano in vantaggio al 17' con Domicoli sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Al 25' si complica la gara per l'Atletico Gela per l'espulsione di Cristian Commandatore. L'Atletico approfitta della situazione e perviene al pareggio con il bomber Alessio Ventura. Nella ripresa un Atletico Catania più pimpante va vicino al vantaggio con Rosignoli e Ventura ma senza fortuna. A fine gara un pareggio ininfluente per l'Atletico, ma un punto che muove la classifica per l'Atletico Gela.

RECUPERO XXVI GIORNATA - CAMPIONATO DI PROMOZIONE GIR. D

24 Marzo 2010 - ore 15, Stadio "MATTEOTTI" di GRAVINA

ATLETICO CATANIA - ATLETICO GELA 1 - 1

ATLETICO CATANIA: Noto, Giuffrida, Bottino, Tasca (55’Sciuto), Bonaventura, Pidatella, Passanisi, Rosignoli (75’Messina), Tricomi (70’Mirabella), Calì, Ventura. Allenatore: Richichi.

ATLETICO GELA: Sciascia, C.Comandatore, Maddiona, D.Comandatore, Rivecchio, Battaglia, I.Comandatore, Pardo, Ascia (70’M.Comandatore), Mezzasalma (59’Accomando), Domicoli. Allenatore: Vella.

ARBITRO: Favata di Agrigento, assistenti: Pizzino e Spanò di Messina

RETI: 17’Domicoli, 30’Ventura

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  21/03/2010 - Atletico: adesso sei nei Play - Off !. "Siamo nei Play-Off e Vinciamo", è questo il verdetto del campo al triplice fischio di Atletico Catania - Moticea, una vittoria per l'Atletico Catania a suon di gol che serve a metter in cassaforte i tanti inseguiti e sospirati Play-Off a due gare dal termine. L'Atletico Catania con il rotondo 5 - 1 di quest'oggi e la contemporanea sconfitta del Francofonte ha quindi matematicamente raggiunto la quinta posizione, peraltro con una gara ancora da recuperare. Gli uomini di Mister Richichi hanno dominato per l'intero incontro la modesta Moticea, forse affaticata dalla gara di mercoledì contro il Grammichele. Grande festa a fine gara per il primo e vero obiettivo raggiunto dalla squadra del presidente Orofino che adesso concentrerà le proprie forze per conquistare l'obiettivo più grande, ovvero l'Eccellenza. Quest'oggi l'Atletico può contare su tutti gli effettivi ad eccezione di Rosignoli squalificato. Mister Richichi opta per il consueto 4-3-3, con Noto tra i pali, Scaravilla, Leonardi, Sciuto e Zumbo in difesa, Calì, Merola e Tasca a centrocampo, in avanti Ventura, Spadaro e Mirabella. La Moticea risponde con Buscema, Fidone, Conato, Novello L., Covato, Melilli, Puma, Novello S., Candiano, Gugliotta, Militello. Parte subito bene l'Atletico al 5' con un passaggio filtrante di Tasca per Ventura che entra in area ma disturbato dal difensore ospite tira a lato a tu per tu col portiere. Al 13' a Moticea con Novello S. si fa spazio in area saltando due avversari, ma il suo tiro finisce di poco a lato. Al 20' Ventura con un pallonetto serve Mirabella che indisturbato entra in area e da due passi si fa deviare il tiro in corner da Buscema. Al 24' disimpegno difensivo errato della difesa modicana che regala il pallone a Merola, quest'ultimo salta due avversari entra in area e batte Buscema per l'1 a 0!! RETE ! Atletico Catania 1 - Moticea 0 ! Al 33' Moticea vicina al pareggio con un tiro ravvicinato di Novello S., ma Noto riesce a spazzare. Finisce così il primo tempo. Nella ripresa entra Lazzarini per la Moticea al posto di Melilli. Al 49' calcio di punizione di Novello S. e colpo di testa di Puma, ma Noto risponde con una gran parata deviando in corner. Sul seguente corner di Novello S. colpo di testa vincente di Gugliotta e palla in rete! 1 - 1! L'Atletico reagisce ed al 51' Calì calcia alla perfezione una punizione dalla trequarti per la testa di Tasca che insacca la palla in RETE ! Atletico Catania 2 - Moticea 1 ! Esce Merola per Pidatella. Al 57' Ventura si fa spazio in area, ma la sua conclusione finale viene bloccata in due tempi da Buscema. Al 65' esce Ventura per Passanisi. Al 67' sugli sviluppi di un corner, cross di Tasca e da due passi Spadaro spedisce alto il pallone. Al 72' la Moticea sostituisce Militello con Gugliotta. Al 74' Tasca si invola sulla sinistra, crossa per l'accorrente Mirabella che tocca il pallone quanto basta per battere Buscema per la terza volta. RETE! 3 a 1 ! Al 77' lancio di Pidatella, liscio di Fidone che serve Spadaro, quest'ultimo entra il area e di piatto insacca il pallone in RETE! 4 a 1 ! Al 79' antro lancio dalle retrovie per Spadaro che entra in area e viene atterrato, l'arbitro indica il dischetto. Dagli undici metri va Passanisi che batte Buscema per il 5 a 1! All'80 esce Spadaro per Fiume. Ed è proprio il nuovo entrato ad andare vicino al sesto gol, con un dribbling mal riuscito a tu per tu col portiere, ma Buscema ci mette una pezza e riesce a scampare il pericolo. Finisce così 5 a 1 al triplice fischio ! Una grande soddisfazione per tutto lo staff e giocatori che a fine gara hanno festeggiato l'ingresso nei play off, il primo vero obiettivo che fino a 6 mesi fa sembrava irraggiungibile. Grande merito va allo straordinario lavoro di Mister Richichi capace di tenere unito lo spogliatoio, avendo creato un grande gruppo e avendo dato a questa squadra un gioco, forse il migliore della categoria. Merito anche al preparatore Mirabella e l'allenatore dei portieri Presti che hanno affiancato Richichi aiutandolo dimostrando professionalità e serietà. Il tutto coordinato dal direttore sportivo Santo Palma, che aveva scommesso fin dalla prima giornata che questa squadra avrebbe raggiunto i play off, ed i risultati gli hanno dato ragione. A fine gara, il festeggiato mister Antonio Richichi dichiara: "Non riesco a crederci, siamo riusciti ad entrare nei play off, sembra un sogno, nessuno fino a qualche tempo fa ci avrebbe pensato, oggi invece possiamo dirlo. Il merito va soprattutto ai ragazzi che hanno compiuto un autentico miracolo, ringrazio anche lo Staff, perchè tutto questo è pure merito loro. Sono contento per questo obiettivo raggiunto, adesso andremo a giocarci le ultime gare e poi massima concentrazione perchè quest'Atletico merita l'Eccellenza".

XXVIII GIORNATA - CAMPIONATO DI PROMOZIONE GIR. D

21 Marzo 2010 - ore 15, Stadio "NINO TODARO" di S.A.Li Battiati

ATLETICO CATANIA - MOTICEA 5 - 1

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Sciuto, Calì, Spadaro (80' Fiume), Mirabella, Merola (52' Pidatella), Ventura (65' Passanisi). All.Richichi. A disp. Lisi, Castorina, Giuffrida, Tricomi

MOTICEA: Buscema, Fidone, Conato, Novello L., Covato, Melilli (46' Lazzarini), Puma, Novello S., Candiano (88' Sayadi), Gugliotta, Militello (72' Campailla). All. Adamo. A disp. Abbate.

ARBITRO: VISALLI di Messina (voto 6.5), ASSISTENTI: PIRI e RAIMONDO di Barcellona (Voto 6)

RETI: 24' Merola, 49' Gugliotta (Moticea), 51' Tasca, 74' Mirabella, 77' Spadaro, 79'Passanisi.

AMMONITI: Merola e Mirabella per l'Atletico, Novello L. per la Moticea.

ESPULSI: Nessuno

NOTE: Circa 100 spettatori, giornata calda, terreno in buone condizioni.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  13/03/2010 - Lo Sporting Misterbianco vince per 3 - 1. L'Atletico Catania esce sconfitto dalla gara di Misterbianco per 3 reti a 1. La formazione atletista è scesa in campo con ben sei Juniores dominando per tutto il primo tempo un modesto Misterbianco. A passare in vantaggio è però il Misterbianco al 43' con un rigore di Pecorini. Il pareggio immediato avviene al 45' con un calcio di punizione di Pidatella per la testa di Bonaventura che deposita la palla in rete. Nella ripresa entrano Zumbo e Longhitano, altri due Juniores, per Passanisi e Spadaro. Il Misterbianco spinge in avanti e trova la rete al 72' con un calcio di punizione di Coriolano. Al 75' il Misterbianco raddoppia con un tiro cross di Napoli deviato a rete da Longhitano che beffa Lisi con un pallonetto che si deposita in rete per il definitivo 3 a 1.

27° Giornata di Campionato Promozione Gir. D

13 Marzo 2010 - Ore 15 - Stadio: "Toruccio La Piana" di Misterbianco

SP. MISTERBIANCO - ATLETICO CATANIA 3 - 1

SPORTING MISTERBIANCO: Saglimbene, Fasanaro (80' Filetti), Messina, Siciliano, Fazio, La Pera, Venticinque, Marletta, Pecorini, Coriolano (73' Russo), Capobianco (62' Napoli). All. Zingherino. A disp. Borzì, Sirna, La Porta, Bozzanga.

ATLETICO CATANIA: Lisi, Aliquò, Castorina, Bonaventura, Leonardi, Messina, Passanisi (55' Zumbo), Spadaro (62' Longhitano), Rosignoli, Pidatella, Mirabella (70' Giuffrida). All.Richichi. A disp. Noto, Scaravilla, Merola, Tasca.

ARBITRO: Musumeci di Catania

RETI: 43' Pecorini (rig.), 45' Bonaventura (atl.ct), 72' Coriolano, 75' Longhitano (autorete)

AMMONITI: Aliquò, Lisi, Giuffrida e Rosignoli

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  10/03/2010 - Atletico Ct. - Grammichele  2 - 0, mister Richichi: "Questi ragazzi vanno solo elogiati". L'Atletico Catania conquista tre punti fondamentali in chiave Play Off andando a vincere tra le mura amiche contro il Grammichele per 2 reti a 0, nel recupero della ventitreesima giornata di campionato. Vittoria importante per gli uomini di mister Richichi che a cinque giornate dal termine, peraltro con un'altra gara in meno, si ritrovano in quinta posizione a +6 dal Francofonte, sesto in classifica, e a -5 dal Comiso, quarto in classifica. Un campionato esaltante quello condotto dalla compagine atletista che ha compiuto un vero e proprio miracolo in 18 gare, risalendo la classifica dal penultimo posto fin al 5 posto. Contro il Grammichele non è stata una gara facile, anzi, per tutto il primo tempo seppur tenendo il pallino del gioco, l'Atletico Catania non è riuscito a costruire azioni da gol al cospetto di un Grammichele che si è reso pericoloso in contropiede. Al 20' infatti Benefico servito da Manzella sfiora il gol da buona posizione in area di rigore, ma il suo tiro finisce di poco alto. Nell'intervallo i rimproveri e la rabbia di Richichi cambiano volto ad un Atletico che trasformato trova la rete del vantaggio al 53' con Spadaro che raccoglie una respinta di Carobene su tiro di Mirabella. L'Atletico spinge sull'acceleratore e va vicino al raddoppio con un tiro di Ventura respinto con i piedi da Carobene. Al 60' bella percussione in area di Spadaro ma il suo tiro in diagonale sorvola la traversa. Al 65' è ancora Carobene a salire in cattedra che compie una gran parata sulla mezza rovesciata di Ventura destinata ad entrare in rete. Per il bomber atletista però la rete arriva al 67' complice un errore di Carobene che sbaglia lo stop di petto consegnando il pallone a Ventura che tutto solo si invola indisturbato insaccando la palla in rete. Finisce così l'incontro, Atletico Catania batte Grammichele 2 a 0. A fine gara mister Richichi elogia i suoi ragazzi dichiarando: "Abbiamo affrontato un avversario molto ostico, questa era una delle partite più difficili delle ultime sei. Il primo tempo sicuramente l'abbiamo giocato un pò sotto-tono ma può capitare di avere un calo, nella ripresa ho visto una squadra più tonica e le due reti parlano da sole. Io mi sento di elogiare tutti i giocatori di questa squadra perchè sono autori di un autentico miracolo, non è facile riuscire a fare quello che hanno fatto loro, in 18 partite sono riusciti a salire dal penultimo al quinto posto, avendo un vantaggio di sei punti sul Francofonte, peraltro con una gara in meno. Ripeto che questo io lo considero un vero e proprio miracolo sportivo e nessuno si deve permettere di contestare questi ragazzi se sbagliano un pallone, una giocata o un primo tempo. Dal primo all'ultimo, dal Capitano in giù, questi sono ragazzi che danno l'anima per la maglia che portano e meritano tutto il rispetto possibile di tutti."

RECUPERO 26° Giornata di Campionato Promozione Gir. D

10 Marzo 2010 - Ore 15 - Stadio: "Nino Todaro" di S.A.Li Battiati

ATLETICO CATANIA - N.A.GRAMMICHELE 2 - 0

ATLETICO CATANIA: Lisi, Giuffrida, Scaravilla, Tasca (65’Passanisi), Leonardi, Pidatella, Calì, Spadaro, Mirabella (65’Messina), Merola, Ventura (79’Rosignoli). Allenatore: Richichi

N.A.GRAMMICHELE: Carobene, De Maria, Airò, Miseremini, Vicino, Scimonetti, Giaquinta, Benefico, Manzella, Nicotra, A.Guarino. Allenatore: M.Guarino.

ARBITRO: Di Gregorio di Catania. Assistenti: Rasà e Reina di Catania

RETI: 53’Spadaro, 67’Ventura

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  07/03/2010 - Atletico Ct. - Atletico Gela: rinvio per pioggia. Atletico Catania - Atletico Gela è stata rinviata, lo ha deciso il direttore di gara, sig. Maddocco di Messina per impraticabilità del terreno di gioco. Troppi allagamenti sparsi per il rettangolo di gioco che hanno costretto l'arbitro a decretare il rinvio. Per l'Atletico un'altra gara rinviata, dopo quella col Grammichele, che dovrebbe essere recuperata mercoledì 10 marzo, tempo permettendo. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

  28/02/2010 - Un altra vittoria ! Sempre più su !. L'Atletico Catania vince e continua a macinare gioco e risultati, la squadra allenata da Richichi con la vittoria odierna aumenta il proprio distacco dall'inseguitrice Francofonte, bloccata in casa sull'1 a 1 dal S.Croce, e adesso i Play Off sono ancora più vicini, peraltro con una gara in meno, quella contro l'A.Grammichele da recuperare (giorno 10 Marzo). Atletico Catania che quindi sale a quota 38 punti in classifica, a + 3 dal Francofonte e - 5 dal Comiso, quarto in classifica. L'Atletico visto oggi ha forse disputato uno dei migliori primi tempi della versione Richichi, squadra corta, fraseggi in mezzo al campo e manovre di gioco che difficilmente vediamo in questi campionati. E' un Atletico che diverte e macina punti e gioco partita dopo partita. Tutto frutto della genialità di Mister Richichi e del Preparatore Mirabella condita dell'esperienza e professionalità del Preparatore dei portieri Vito Presti, che ha fatto maturare e crescere calcisticamente un valido giovane, quale Marco Lisi, classe 90', peraltro protagonista quest'oggi per aver neutralizzato un calcio di Rigore sul 2 a 0. Uno Staff e una squadra che si trova in piena sintonia e che sta raccogliendo risultati importanti. L'Atletico visto oggi come detto ha disputato un primo tempo a dir poco perfetto per poi calare il ritmo nella ripresa, rischiando qualcosa. Il Gravina di mister Caramel, inguaiato in zona Play Out dopo questa partita, ha disputato una gara impostata sulle ripartenze creando nel secondo tempo qualche azione pericolosa non concretizzata dagli attaccanti. Per il Gravina sicuramente rimane il rammarico per non aver realizzato il Penalty al 69' che avrebbe riaperto la partita, trovando il 2 a 1 solo alla fine. Ma andiamo alla cronaca: l'Atletico Catania cambia modulo e mister Richichi opta per un 3-4-3 con Lisi tra i pali, Scaravilla, Sciuto e Leonardi in difesa, Calì, Merola, Pidatella e Tasca al centrocampo, in avanti Mirabella e Passanisi a supporto di Ventura. Il Gravina schiera: Esposito, Bergamo, Cascio, Viola, Sapienza, Chisari, Coniglione, Montalto , Maccarrone, Caponnetto e Villani. Parte subito bene l'Atletico Catania al primo giro di orologio Cross dalla sinistra di Tasca e colpo di testa in corsa di Ventura, ma Esposito para in due tempi. Al 2' il Gravina spazza una palla sporca dall'area di rigore che finisce a Merola che prova il tiro dalla distanza, ma la palla si perde alta. All'11' si affaccia il Gravina in avanti con una punizione di Coniglione che tocca per Caponnetto ma la sua girata al volo è facile preda per Lisi. Al 13' Tasca da calcio d'angolo tocca il pallone per Passanisi che restituisce palla a Tasca, il suo cross finisce a Mirabella che da due passi si fa deviare il pallone in corner da Esposito. Al 19' ripartenza dell'Atletico Catania con Ventura che effettua un lancio millimetrico per Passanisi che entra in area tutto solo e batte Esposito con la palla che finisce in RETEE!! ATLETICO CATANIA 1 - GRAVINA 0! Al 21' la reazione ospite si spegne con un tiro di Villani alto sopra la traversa. Al 24' Pidatella lancia Ventura che tutto solo entra in area tenta di servire il solo Mirabella ma il recupero di Viola è decisivo e riesce a spazzare in corner. Al 38' ottimo fraseggio a centrocampo per l'Atletico, Calì serve con un lancio Ventura che salta un avversario, entra in area e con un pallonetto batte Esposito per la seconda volta! RETEE!! ATLETICO CATANIA 2 - GRAVINA 0! Finisce così il primo tempo. Nella ripresa entra per il Gravina Bonnici per Caponnetto e al 58' La Ferlita per Cascio. Al 62' ci prova Tasca su calcio piazzato da posizione centrale, ma Esposito blocca senza problemi. Al 68' corner di Coniglione e colpo di testa di Viola, palla di poco fuori. Al 69' Maccarrone salta due avversari entra in area e viene atterrato da Sciuto, è calcio di RIGORE! Dagli undici metri va Chisari, ma il suo tiro viene Parato a terra da Lisi!! Si rimane sul 2 a 0! Entrano per l'Atletico Tricomi e Fiume al posto di Mirabella e Ventura. All'80' solito corner di Coniglione e tocco vincente al volo di Viola per il 2 a 1! Qualche responsabilità di troppo della difesa atletista che ha lasciato libero il difensore ospite in area. Il Gravina crede nel pareggio e Caramel inserisce Reitano al posto di Montalto. L'Arbitro concede 4 minuti di recupero. Al 92' Tasca va vicino al 3 a 1 su calcio piazzato dalla destra, ma Esposito riesce a deviare in angolo. L'Atletico tiene bene il campo e riesce a contenere gli attacchi ospiti fine al triplice fischio che mette fine alle ostilità. Atletico Catania batte Gravina 2 a 1! Un Atletico Catania che gioca e costruisce molto, ma che rischia di complicarsi inesorabilmente la vita, rischiando di compromettere il risultato per qualche errore difensivo. Quest'oggi comunque grande sintonia tra i reparti e un centrocampo disarmante con il duo Calì-Pidatella fondamentali nella costuzione del gioco e Tasca-Merola che hanno recuperato palloni a non finire. Grande momento di forma anche per Alessio Ventura, autore di un assist e un gol, affiancato da un grande Passanisi. A fine gara Mister Richichi analizza l'incontro così: "Abbiamo disputato un grandissimo primo tempo, ricco di manovre di gioco, schemi tattici e trame interessanti, mi è piaciuto lo spirito dei miei ragazzi che sono entrati in campo volendo fare risultato a tutti i costi. Nella ripresa siamo calati e infatti abbiamo subito la rete del 2 a 1 a fine gara. Il Gravina ha comunque disputato la sua onesta partita, ma credo che la vittoria sia meritata. Ovviamente al Gravina e a mister Caramel vanno i miei più cordiali auguri per il raggiungimento degli obiettivi stagionali. Ringrazio il pubblico sempre caloroso e a sostegno della squadra, adesso massima concentrazione per la gara contro l'Atl.Gela. ". Nell'altra panchina ritroviamo una vecchia gloria, Vladimiro Caramel centrocampista dell'Atletico Catania negli anni d'oro, che analizza l'incontro così: "Un primo tempo giocato male, dove l'Atletico ha segnato su due nostri errori difensivi, due gol che ci hanno tagliato le gambe. Nella ripresa è venuta fuori la mia squadra e se Chisari avesse fatto gol su Rigore sarebbe stata un altra partita, avremmo avuto più minuti per attaccare alla ricerca del pari. Adesso con i risultati di oggi ci ritroviamo in zona Play Out e domenica abbiamo una delicata sfida contro la Ragazzini Generali. Ma da qui fino alla fine sarà importante non perdere punti".

25° Giornata di Campionato Promozione Gir. D

28 Febbraio 2010 - Ore 15 - Stadio: "Nino Todaro" di S.A.Li Battiati

ATLETICO CATANIA - GRAVINA: 2 - 1

ATLETICO CATANIA: Lisi, Sciuto, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Pidatella, Passanisi, Merola (62' Giuffrida), Mirabella (70' Tricomi), Calì, Ventura (72' Fiume). All.A.Richichi. A disp. Rovito, Aliquò, Bonaventura, Zumbo.

GRAVINA: Esposito, Bergamo, Cascio (58' La Ferlita), Viola, Sapienza, Chisari, Coniglione, Montalto (83' Reitano), Maccarrone, Caponnetto (46' Bonnici), Villani. All. V.Caramel. A disp.: Litrico, D'Agostino, Trapani, Barbagallo.

ARBITRO: BLANCO di Acireale ASSISTENTI: DONZUSO e TUCCITTO di Siracusa

RETI: 19' Passansi, 38' Ventura, 80' Viola (Gravina).

AMMONITI: Sciuto per l'Atletico Catania, Viola, Cascio e Coniglione per il Gravina.

ESPULSI: Nessuno

NOTE: Circa 150 Spettatori, giornata soleggiata, terreno in discrete condizioni.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  21/02/2010 - L'Atletico vince e trova i Play Off. L'Atletico Catania ritorna alla vittoria e lo fa alla grande, andando a vincere per 3 - 2 sull'ostico campo di Pachino contro una squadra in cerca di punti salvezza che ha creato non pochi pericoli al team allenato da mister Richichi. L'Atletico Catania nonostante le assenze dell'ultimo minuto ha saputo condurre una gara maiuscola portando a casa la vittoria. Una giornata decisiva quella di oggi, che esalta le qualità e la continuità di risultati dell'Atletico Catania che per la prima volta entra nei Play Off, superando il Francofonte e raggiungendo la quinta posizione solitaria in classifica. Giornata importante anche per l'indiscussa qualità dei Juniores, decisivi in questa partita, infatti due marcature sono state segnate da Zumbo (classe 91) alla sua prima marcatura in Promozione e da Tricomi (classe 91) alla sua seconda marcatura quest'anno. La gara contro il Pachino non si era presentata nel migliore dei modi, infatti poco prima della gara Tasca e Leonardi vanno out, il primo influenzato si accomoda in panchina, il secondo in tribuna per un risentimento muscolare. Tensione alta, tenuta dal mister prima della gara, che considera la partita una delle più difficili del campionato, il campo di Pachino infatti è considerato uno dei più ostici della Promozione. Ostilità confermata nel corso della partita dove un gruppo di tifosi lanciavano ripetutamente oggetti in campo, con Mister Richichi costretto a fare da pacere. L'Atletico oggi scendeva in campo con Noto tra i pali, Zumbo, Sciuto, Giuffrida e Scaravilla in difesa, Calì, Messina e Pidatella a centrocampo, Spadaro, Passanisi e Ventura in avanti. Il Pachino risponde con Luciano, Cultrera, Salerno, Caruso, Fazzino, Battaglia, Iacono A., Maltese M., Sessa, Incatasciato, Romeo. Parte subito bene l'Atletico Catania, che cerca di imprimere il proprio gioco fin dalle prime battute. Al 14 Spadaro affonda sulla sinistra e crossa un pallone per Ventura, ma quest'ultimo viene anticipato da Cultrera in corner. Al 24' Pidatella batte un corner alla perfezione, come è perfetto il colpo di testa di Zumbo che insacca la palla in RETEEE!! Pachino 0 - Atletico Catania 1! L'Atletico abbassa il ritmo, e il Pachino tenta di colpire in contropiede. Al 32' calcio di punione di Incatasciato, ma la palla si perde alta sopra la traversa. Al 42' Pachino pericoloso con un cross di Sessa per l'accorrente Iacono, ma il suo colpo di testa si perde di poco a lato. Finisce così il primo tempo. Nella ripresa sale in cattedra il Pachino, che si rende pericoloso al 54' con un tiro di Incatasciato, parato a terra da Noto. Al 58' l'Atletico va vicino al raddoppio con un pallonetto di Passanisi, lanciato da Pidatella, ma il pallone si perde di poco a lato lambendo il palo destro. Entra Accarpio al posto di Iacono per il Pachino e Tasca per Passanisi per l'Atletico. Al 65' Pachino pericoloso con un cross di Salerno per Sessa che solo in area manca la deviazione vincente lisciando il pallone. Al 66' dormita generale della difesa Atletista, Caruso fa il fenomeno in area, salta due avversari e tira un bolide che colpisce prima la traversa e poi si deposita in rete. E' il gol del pareggio! 1 - 1! Il Pachino ci crede e si sbilancia in avanti. Entra Mallia al posto di Sessa per il Pachino e Tricomi per Messina per l'Atletico. Al 33' contropiede dell'Atletico con Ventura che lancia Calì, quest'ultimo entra in area da destra crossa per l'accorrente Tricomi che in mezza rovesciata deposita la palla in RETE ! Pachino 1 - Atletico Catania 2! Si scatenano le proteste del pubblico, con un lancio ripetuto di oggetti in campo. Le forze dell'ordine fanno finta di non vedere, nonostante vengano chiamati per calmare gli animi. Una situazione veramente vergognosa, dove la maleducazione e l'inciviltà ha il sopravvento. Riprende la partita e all'88' Ventura sugli sviluppi di un azione offensiva, entra in area e viene atterrato da Fazzino, il bravo sig. Iannello fischia il fallo e indica il dischetto. Il calcio di Rigore viene battuto perfettamente da Spadaro che segna la rete del 3 a 1!! L'arbitro concede 5 minuti di recupero e al 91' il Pachino accorcia le distanze con un calcio di punizione di Mallia che beffa Noto sul secondo palo. E' il gol del 2 - 3! Dopo 5 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine e manda entrambe le squadre negli spogliatoi. Una gara difficile per l'Atletico Catania che nonostante tutto è riuscito nell'impresa di portare a casa i tre punti nonostante le assenze. Giornata da ricordare per il raggiungimento momentaneo del quinto posto con una gara in meno. A fine gara mister Richichi analizza la gara così: " E' stata una partita delicatissima perchè reduci dall'eliminazione in coppa immeritata anche se dobbiamo dare merito alla compagine di Mirto. Vittoria meritata, filtrata da belle trame di gioco, grande merito va ai ragazzi che nonostante la settimana lavorativa un po' anomala hanno finalmente raggiunto la tanta sospirata ma meritata quota play off. Cercheremo da ora in poi di stare agganciati il piu' possibile questo obiettivo".

24° Giornata di Campionato Promozione Gir. D

21 Febbraio 2010 - Ore 15 - Stadio: "Sasà Brancati" di Pachino

PACHINO - ATLETICO CATANIA 2 - 3

PACHINO: Luciano, Cultrera, Salerno, Caruso, Fazzino, Battaglia, Iacono A. (59' Accarpio), Maltese M., Sessa (70' Mallia), Incatasciato, Romeo. A disp. Modica, Iacono G., Cuccia, Malandrino, Maltese A..

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo, Scaravilla, Messina (68' tricomi), Giuffrida, Sciuto, Passanisi (59' tasca), Spadaro, Pidatella, Calì, Ventura (89' Aliquo'). All. A.Richichi. A disp. Lisi, Castorina, Bonaventura, Mirabella.

RETI: 24' Zumbo, 66' Caruso (Pac.), 78' Tricomi, 88' Spadaro (Rig), 91' Mallia (Pac.)

AMMONITI: Cultrera e Fazzino per il Pachino, Ventura, Spadaro, Noto e Tricomi per l'Atl.Ct.

ARBITRO: Iannello di Enna (voto 7). ASSISTENTI: Sciortino e Saieva di Agrigento (voto 6.5).

NOTE: Circa 150 spettatori, giornata calda, terreno di gioco in buone condizioni.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  17/02/2010 - Col Giarre finisce 0 - 0 tra le polemiche. Atletico Catania e Giarre pareggiano per 0 - 0 nel ritorno dei quarti di coppa italia promozione, un pareggio amaro per l'Atletico Catania che si sente pesantemente danneggiata dall'arbitro per la non concessione di un calcio di rigore al 92' che poteva in qualche modo regalare la vittoria all'Atletico e assicurarsi il passaggio del turno. A passare sono i Giallo Blù, forti del 2 a 1 dell'andata, che hanno disputato una gara di contenimento creando poche occasioni da rete, disputando una gara concentrata sulla fase difensiva riuscendo a portare a casa lo 0 a 0 e la qualificazione. Gara equilibrata dove l'Atletico ha fatto quel che ha potuto, creando non poche occasioni da gol con Spadaro, trovando di fronte a se un Tasinato in giornata super. L'Atletico, privo di Noto, Giuffrida, Sciuto e Ventura squalificati, scendeva in campo con Lisi tra i pali, Zumbo, Tasca, Leonardi e Scaravilla in difesa, Calì, Merola e Pidatella a centrocampo, in avanti Passanisi, Rosignoli e Spadaro. I Giallo Blu rispondono con Tasinato, La Guzza, Cannizzaro, Caggegi, Giaquinta, D'Angelo, Messina, Patti, Longo, Torre, Barbagallo. Parte bene l'Atletico che cerca di imporre il proprio gioco, al 10' Passanisi fa sponda per Spadaro che in rovesciata volante tira alto. Al 14' Rosignoli affonda sulla destra e lascia partire un cross spizzicato da Passanisi per Pidatella, ma il suo tiro viene deviato col busto da un difensore ospite in corner. Al 20' la prima conclusione dei Giallo Blu con Torre direttamente da calcio piazzato, ma il suo tiro viene parato agilmente da Lisi. Al 25' corner di Calì, pallone spazzato dalla difesa in malo modo sulla ribattuta Pidatella tenta il tiro, il pallone viene deviato da una selva di gambe, il pallone finisce a Passanisi che deposita la palla in rete! Il guardalinee (sig.Giunta) non segnala nessun fuorigioco, visto invece dall'arbitro che si prende la responsabilità di annullare la rete! Decisione discutibile perchè Passanisi era tenuto in gioco da Giaquinta. Al 31' altra occasione da rete per l'Atletico Catania con Spadaro che chiede e ottiene un uno-due con Passanisi, Spadaro entra in area ma spara addosso al portiere da due passi!! Finisce così il primo tempo! Atletico Catania 0 - Giallo Blu 0. Nella ripresa entra Bianca al posto di Merola infortunato. Dalle prime battute il Giarre sembra più convinto e al 48' Torre sfiora la rete del vantaggio su calcio di punizione, ma Lisi con una gran parata blocca il pallone a terra. Al 52' è ancora Lisi a salire in cattedra che neutralizza un gran tiro di Torre dalla distanza e la ribattuta di Messina, deviando il pallone in corner! Una serie di parate che confermano lo strepitoso momento di forma del portiere classe 90'. Al 55' torna ad attaccare l'Atletico con Passanisi che entra in area dalla destra crossa per Spadaro ma il suo colpo di testa impreciso si perde di poco a lato. Al 63' ancora Spadaro salta due avversari entra in area da sinistra va verso l'interno e lascia partire un tiro indirizzato all'angolino basso, ma Tasinato riesce a deviare in corner. Per il Giarre esce Barbagallo, al suo posto entra Consoli. Ed è proprio quest'ultimo al 72' ad andare vicino al gol con una conclusione a girare dal limite dell'area, ma Lisi risponde con una gran parata andando a deviare il pallone in corner. I giocatori Giallo Blu cominciano con le solite simulazioni e perdite di tempo che spesso interrompono le manovre di gioco. All'80' Spadaro converge al limite dell'area di rigore e conclude di potenza, ma Tasinato riesce a respingere con i pugni. L'Atletico perde per infortunio all'85' Rosignoli per un entrata assassina di Messina direttamente sulle caviglie, probabile rottura della caviglia per lui. Al suo posto entra Mirabella. Mister Richichi inserisce un altra punta, Tricomi, togliendo dal campo Zumbo. L'Arbitro concede 6 minuti di recupero. Al 92' corner di Calì e rovesciata di Mirabella di poco alta. Al 93' lancio di Pidatella per Mirabella che entra in area e viene atterrato da Caggegi, RIGORE NETTO! Ma l'Arbitro lascia proseguire ammonendo lo stesso Mirabella per proteste, tra lo stupore e le polemiche di giocatori, dirigenti e pubblico. Finisce così la partita sullo 0 a 0. Tante proteste a fine gara all'indirizzo del direttore di gara. Un Atletico Catania che ha cercato di vincerla la partita, e magari lo avrebbe meritato, ma la rete annullata e un rigore non concesso hanno macchiato questo risultato che a fine gara risulta bugiardo. Solita "lezione di Stile" dei Giallo Blu che hanno confermato di avere uno stile unico e inequivocabile, pervenendo al "Nino Todaro" con circa 30 Carabinieri per paura di chissà che cosa, dopo le pseudo-minacce della gara di andata inventate dal sito ufficiale. Ma daltronde nel loro "stile" è facile fare le vittime. A Fine gara mister Richichi non nasconde la sua amarezza ma dichiara: "Oggi abbiamo dato tutto, purtroppo gli episodi arbitrali hanno condizionato la partita, non ci rimane altro che accettare questo pareggio e andare avanti per la nostra strada. Devo elogiare i miei ragazzi perche nonostante tutto ci hanno sempre creduto a vincere la partita ma non ci siamo riusciti. Rimane rammarico per non esser riusciti a vincere ma da domani si volta pagina pensando alla gara di Pachino".

Quarti di finale Coppa Italia Promozione

17 Febbraio 2010 - Ore 15 - Stadio: "Nino Todaro" di S.A.Li Battiati

ATLETICO CATANIA - GIALLO BLU' GIARRE 0 - 0

ATLETICO CATANIA: Lisi, Zumbo (88'Tricomi), Scaravilla, Tasca, Leonardi, Merola (46' Bianca), Passanisi, Spadaro, Rosignoli (84' Mirabella), Calì, Pidatella. All.A.Richichi. A disp. Rovito, Castorina, Messina, Fiume.

GIALLO BLU: Tasinato, La Guzza, Cannizzaro, Caggegi, Giaquinta, D'Angelo, Messina (91' Bonanno), Patti, Longo (86' Curcuruto), Torre, Barbagallo (65' Consoli). All.Mirto. A Disp. Plastini, Scirto, Mancuso.

ARBITRO: TILARO di Enna (voto 4.5), ASSISTENTI: Bevacqua e Giunta di Enna (Voto 5.5)

RETI: nessuna

AMMONITI: Tasca, Merola, Lisi, Mirabella e Passanisi per l'Atl.Catania,, Giaquinta e Tasinato per i Giallo Blu.

NOTE: Circa 150 spettatori, buona rappresentanza di tifosi atletisti che hanno incitato la squadra per tutti i 90 minuti. Terreno in discrete condizioni. Circa 30 Carabinieri che hanno gestito l'ordine pubblico e scortato i giocatori del Giarre all'arrivo e al ritorno.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 14/02/2010 - Gara rinviata per campo impraticabile. Gara rinviata tra Atletico Catania e Grammichele per impraticabilità del campo, causata dalla fitta pioggia che è caduta nelle giornate di ieri e oggi, causando enorme pozzanghere nel rettangolo del terreno di gioco, che hanno indotto l'arbitro (Sig.Di Gregorio) a decretare il rinvio della gara. Per l'Atletico un occasione per recuperare un pò di forze in vista del delicato incontro di mercoledì contro il Giarre in coppa Italia. Per il Grammichele questo è il secondo rinvio in 4 giorni, dopo la gara di Pachino si è aggiunta anche quella odierna. Risultati importanti dagli altri campi dove il Francofonte è stato sconfitto in casa dal Priolo per 4 a 1, risultato che va benissimo agli uomini di mister Richichi che con una gara in meno possono sorpassare il Francofonte avanti di due punti. Importanti pareggi di Scicli e Canicattini che fermano le capoliste sul pari. Tante sorprese in questa XXIII Giornata dove le prime 5 non sono riuscite a vincere, ad eccezione dell'Avola vittoriosa per 3 a 1 Sabato a Misterbianco. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


08/02/2010 - Atletico Ct, l'impresa sfuma al novantesimo. Finisce in parità il big match. la squadra di Richichi si conferma ancora una volta in salute e riesce a fermare un'altra corazata del campionato. Anzi fino al 90' l'Atletico aveva quasi accarezzato il sogno di portare a casa i tre punti, poi infranto dal gol di Intagliata proprio in piena zona Cesarini. L'Atletico non ha sopperito alle assenze di Ventura e Pidatella, giocando un match di sostanza contro un buon Real Avola, che è stato bravo a crederci fino alla fine. Al 20' arriva la prima occasione da gol per l'Atletico con Spadaro, che gira bene su punizione di Merola chiamando Randazzo ad una grande intervento per evitare il gol. Al 33' angolo di Maieli, arriva Marziano che di testa spedisce la sfera di poco alta sopra la traversa. La gara si vivacizza nella ripresa, quando al 66' l'arbitro vede un tocco di mano in area. Dal dischetto è bravo Spadaro a mandare il pallone in rete. A metà ripresa è Catania, che in due occasioni entrambi su calcio piazzato, impensierisce Noto che salva il risultato. Il Real Avola dimostra di essere squadra di alta classifica. All' 88' è Randazzo che sfiora il pareggio mandando il pallone sulla traversa. Ma pochi minuti dopo, proprio al 90' è intagliata a pareggiare i conti, grazie ad un passaggio filtrante di Catania. (dal giornale "La Sicilia")


31/01/2010 - Atletico Catania show tre gol al Frigintini. Brutto epilogo, per il Frigintini. Prima di subire il gol, Empolo per ben due volte impegna Lisi. Subito dopo lo svantaggio ancora Empolo, prima di colpisce la traversa e poi a porta vuota calcia debolmente. Al 64' contropiede di Cali' e cross al centro per la testa di Ventura. Poi un pasticcio difensivo concede il tris agli ospiti, per merito di Tricomi. (dal giornale "La Sicilia")

  24/01/2010 - L'Atletico ferma la corazzata S.Croce. L'Atletico Catania dopo aver fermato domenica scorsa la Rag.Generali si ripete anche quest'oggi bloccando la capolista S.Croce sullo 0 a 0. Per l'Atletico un punto d'oro, conquistato contro un avversario tosto, quadrato e che merita sicuramente la prima posizione in classifica. Un punto meritato per quanto visto in campo, che consente agli etnei di accorciare a 2 punti il distacco dal Francofonte, sconfitto sabato pomeriggio a Modica. La gara di oggi non è stata ricca di emozioni, poche occasioni da gol e gara giocata prevalentemente a centrocampo. L'Atletico ha disputato una gara diligente contenendo gli avversari e conquistando meritatamente il pareggio. Mister Richichi deve fare a meno dell'infortunato Spadaro e dello squalificato Noto, e schiera la squadra con il solito 4-3-3 trasformato a tratti in 4-3-1-2 con Lisi tra i pali, in difesa Zumbo, Leonardi, Sciuto e Scaravilla, a centrocampo Calì, Pidatella e Tasca, in avanti Rosignoli, Passanisi e Ventura. Il S.Croce risponde con Di Giacomo, Guarino, Brugaletta, Iurato, Boncompagni, Diacopo, Scifo, D'Agosta D., Zuppardo, Nasello, Rizzo. Arbitra l'incontro il Sig.Ortuso di Ciampino, assistito da Bevaqua e Giunta di Enna. Gara combattuta fin dai primi minuti di gioco, la prima conclusione è del S.Croce con Zuppardo che dal limite dell'area di rigore tira alto. Al 20' Sciuto tocca un pallone di petto per Lisi, che quasi beffato dalla traiettoria è costretto ad una parata plastica evitando l'autorete. Al 37' l'Atletico prova a dare una scossa all'incontro: corner di Tasca che tocca per Passanisi che restituisce il pallone e tiro cross del capitano atletista direttamente in porta con Di Giacomo che respinge con i pugni. Al 44' ci prova Calì direttamente da calcio piazzato da sinistra, ma il suo tiro debole viene bloccato senza problemi da Di Giacomo. Al 45' punizione di Rizzo da destra e Lisi respinge di pugno. Finisce così il primo tempo. Atl.Catania 0 - S.Croce 0. Nella ripresa Atletico Catania più vivace, e al 46' Rosignoli entra in area di rigore e lascia partire un tiro che viene parato in due tempi da Di Giacomo.Al 52' Passanisi si invola sulla destra, entra in area e passa il pallone verso Ventura, ma quest'ultimo viene anticipato in extremis dal difensore ospite. Al 58' punizione dal limite di Rosignoli, in posizione centrale, tocco a scavalcare per Passanisi, ma quest'ultimo liscia il pallone proprio davanti al portiere. Al 65' l'unica occasione limpida per il S.Croce capita sui piedi di Boncompagni che gira male in area un pallone crossato da Rizzo spedendolo di poco alto sopra la traversa. Al 75' Zumbo reagisce con un calcio alle provocazioni di un giocatore ospite, il tutto sotto gli occhi attenti del Sig.Ortuso che estrare il ROSSO diretto spedendo Zumbo negli spogliatoi. Un ingenuità che lascia la squadra Atletista in 10 uomini, soffrendo il forcing finale del S.Croce che però non sortisce effetti. Dopo 4 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine chiudendo le ostilità. Atletico Catania 0 - S.Croce 0. Una gara disputata alla pari, dove il pareggio rispecchia lo stato di forma di entrambe le squadre: il S.Croce mantiene l'imbattibilità in campionato e per l'Atletico è il 10° risultato utile consecutivo. Un Atletico Catania che dimostra di potersela giocare per entrare nei play off e poter rimanere tra le grandi del campionato, come conferma mister Richichi a fine gara: " Abbiamo disputato una gara buona quest'oggi, abbiamo speso tanto contrastando gli avversari e pressando a tutto campo. Il risultato di parità mi sembra quello più giusto, abbiamo dimostrato di essere una squadra che può giocarsela con tutte, soprattutto con le "grandi" del campionato. Andiamo avanti così!".

19° Giornata - Campionato di Promozione gir.D

24 Gennaio 2010 - Stadio "Nino Todaro" S.A.Li Battiati, Ore 15

ATLETICO CATANIA - S.CROCE 0 - 0

ATLETICO CATANIA: Lisi, Zumbo, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Sciuto, Passanisi, Pidatella (80' Bianca), Rosignoli (70' Merola), Calì, Ventura. All.A.Richichi. A disp. Rovito, Longhitano, Messina, Grasso, Tricomi.

S.CROCE: Di Giacomo, Guarino, Brugaletta, Iurato, Boncompagni, Diacopo, Scifo, D'Agosta D. (80' Guastella), Zuppardo (66' D'Agosta F.), Nasello (60' Ruscica), Rizzo. All. Di Giacomo. A disp. Occhipinti, Basile, Burrometo, Fazio.

ARBITRO: Ortuso di Ciampino (voto 6.5) ASSISTENTI: Bevacqua (EN) e Giunta (EN) (voto 6.5)

RETI: nessuna

AMMONITI: Calì, Pidatella, Merola e Ventura per l'Atletico. Iurato per il S.Croce.

ESPULSI: Zumbo (Atl.Ct) al 75' per reazione ai danni di un avversario

NOTE: Giornata fredda, terreno in discrete condizioni. Circa 150 spettatori, buona rappresentanza di tifosi atletisti nelle tribune.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


  17/01/2010 - Buon pareggio per l'Atletico che ferma la Ragazzini. Importante pareggio quello conquistato quest'oggi dall'Atletico Catania nel difficile campo di "Zia Lisa" contro la Ragazzini Generali, seconda forza del campionato. La formazione allenata da Richichi ha disputato quest'oggi una gara maschia rischiando di vincere l'incontro, ma anche di perderlo all'ultimo minuto di recupero per un calcio di rigore inesistente concesso ai locali ma parato da Noto. Il risultato di parità, giusto per quanto visto in campo, rispecchia l'andazzo della partita, con poche occasioni da gol e tanti errori dall'una e dall'altra parte, complice pure il pessimo terreno di gioco, pieno di buche, dove è impossibile controllare palla e impostare il gioco. Ennesima domenica deludente per la terna arbitrale che ha commesso tanti errori, specie nel secondo tempo, dove il Sig. Fichera di Catania concedeva calci di punizione inesistenti o addirittura invertiti, non concedendo un rigore alla Ragazzini al 78' per fallo di mani e concedendone un altro a tempo scaduto praticamente inesistente. L'Atletico ha comunque giocato una buona gara, specie nel primo tempo, trascinato dalle giocate di Ventura e Passanisi e dalle parate di Noto, migliore in campo. La Ragazzini Generali ha disputato invece un primo tempo sottotono subendo la compagine atletista, per poi uscire nel secondo tempo andando vicino alla marcatura in più di un occasione. L'Atletico quest'oggi scendeva in campo con un 4-4-2 con Noto tra i pali, Zumbo, Sciuto, Giuffrida e Scaravilla in difesa, a centrocampo Tasca, Calì, Bianca e Rosignoli, in avanti Passanisi e Ventura. La ragazzini rispondeva con Vitali, Iannone, Fichera, Nicotra, Torrisi, Roccia, La Monica, Ranno, Costanzo, Miceli, Giuffrida. La prima occasione è di marca atletista: Ventura al limite dell'area di rigore serve l'accorrente Calì che entra in area ma la palla ha uno strano rimbalzo e il suo tiro si perde alto sopra la traversa. Al 15' ancora Atletico in avanti con Ventura che serve Bianca ma il suo tiro viene parato facilmente da Vitali. Al 18' si affaccia la Rag.Generali, cross dalla destra e Nicotra in mezza rovesciata impegna Noto che risponde con una grandissima parata, deviando la palla in corner. Al 23' Ventura parte in contropiede lancia Bianca che vince un contrasto e si invola verso la porta avversaria, entra in area ma la palla rimbalza male sul terreno di gioco e il suo tiro si perde alto sopra la traversa. Al 42' Rosignoli scende sulla fascia destra e crossa per Ventura ma il suo colpo di testa si perde a lato di un soffio. Passano 3 minuti e sempre Rosignoli affonda sulla destra, crossa un pallone per Ventura che colpisce di testa, la palla indirizzata all'angolino basso viene incredibilmente parata da Vitali, che salva i suoi dalla capitalizzazione. Finisce così il primo tempo: Rag.Generali 0 - Atletico Catania 0. Nella ripresa Rag.Generali più pimpante e più ordinata, al 48' ci prova Costanzo che lasia partire un tiro dalla sinistra che si perde alto sopra la traversa. Al 50' azione d'attacco dell'Atletico con Calì che crossa la palla in area, si crea una mischia, la palla arriva a Tasca ma il suo tiro viene salvato sulla linea da un difensore locale. Entra Signorelli per Giuffrida nella Rag.Generali e Pidatella per Calì. Al 75' punizione dal limite di Ranno e palla di poco fuori. Al 78' Costanzo entra in area cerca di saltare Sciuto, che colpisce con la mano, Rigore netto, ma l'arbitro lascia proseguire. Entra Merola al posto di Rosignoli per l'Atletico. All'81' ci prova Signorelli con un tiro al vola dalla sinistra ma la palla si perde di poco a lato. All'85 ancora Signorelli ci prova da fuori area, ma Noto compie una parata superlativa togliendo la palla dall'incrocio dei pali. All'86 entra D'Urso per Roccia nella Rag.Generali. L'arbitro concede 4 minuti di recupero. Al 92' Passanisi fa sponda per Merola che da 30 metri lascia partire un tiro che si perde alto sopra la traversa. Al 95' a tempo scaduto Signorelli entra in area e si lascia cadere a terra senza esser minimamente toccato da Zumbo, per l'abitro non ci sono dubbi, è CALCIO DI RIGORE! Dagli undici metri va Nicotra ma il suo tiro è neutralizzato da Noto con una splendida parata! L'arbitro fischia la fine! Rag.Generali 0 - Atletico Catania 0. Un buon pareggio per l'Atletico Catania che continua la sua scia positiva, e che con questo punto stacca il Misterbianco di una lunghezza. Per la Ragazzini Generali un pareggio che non fa bene alla classifica, vista la vittoria del S.Croce in casa che allunga sui catanesi di 3 punti. A fine gara intervistato mister Richichi che analizza così la gara: "Un buon primo tempo dove abbiamo avuto due palle gol che potevamo sfruttare meglio. Nel secondo tempo siamo calati fisicamente e abbiamo subito la Ragazzini. Tutto sommato il pareggio è giusto per quanto visto in campo. Abbiamo concesso poco agli avversari, ma dobbiamo lavorare per eliminare quelle piccole sbavature difensive che a volte possono compromettere le partite. La prima gara delle sei difficili è andata, adesso aspettiamo il S.Crose domenica prossima cercando di giocarcela alla pari".

17 Gennaio 2010 - Stadio "Comunale di Zia Lisa" di Catania ore 14.30

RAGAZZINI GENERALI -  ATLETICO CATANIA 0 - 0

RAGAZZINI GENERALI: Vitali, Iannone, Fichera, Nicotra, Torrisi, Roccia (86' D'Urso), La Monica, Ranno, Costanzo, Miceli, Giuffrida (64' Signorelli). All.F.Belluso. A disp. Viglianisi, Romano, Nicolosi, Filloramo, Scuto.

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo, Scaravilla, Tasca, Giuffrida, Sciuto, Passanisi, Bianca, Rosignoli (79' Merola), Calì (70' Pidatella), Ventura. All.A.Richichi. A disp. Lisi, Castorina, Messina, Fiume, Tricomi.

ARBITRO: Fichera di Catania (Voto 4) ASSISTENTI: Calabrese e David di Messina (voto 6)

RETI: Nessuna

AMMONITI: Tasca e Sciuto per l'Atletico Catania, Nicotra e Iannone per la Rag.Generali

ESPULSI: Nessuno

NOTE: Giornata soleggiata, terreno in condizioni disastrose. Buona rappresentanza di tifosi atletisti. Circa 100 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 10/01/2010 - L'Atletico Catania vince 3 - 2 soffrendo contro un buon Priolo. L'Atletico Catania vince, seppur soffrendo, contro un buon Priolo e allunga la scia di risultati positivi. La formazione allenata da Richichi mantiene il sesto posto in classifica e accorcia le distanze dal Francofonte bloccato sullo 0 a 0 a Gela. Le distanze tra gli etnei ed il Francofonte adesso sono ridotte ad un punto e i play off sembrano essere ormai alla portata. La gara di oggi ha comunque visto un Atletico Catania stanco e a tratti impacciato, reduce dalla partita di coppa col Giarre, dove di forze se ne sono sprecate tante ed oggi il team di Richichi ne ha fortemente risentito. L'Atletico trascinato da capitan Tasca, senza demordere e stringendo i denti è riuscito a portare a casa i tre punti, utili per mantenere la scia di risultati positivi. Dal canto suo il Priolo si è dimostrato squadra ostica, veloce nelle ripartenze e abile nel pressing a tutto campo. L'Atletico schierato da Richichi quest'oggi vedeva Lisi tra i pali, in difesa Scaravilla, Leonardi, Sciuto e Zumbo, a centrocampo Pidatella, Calì e Tasca, in avanti Spadaro e Passanisi a supporto di Ventura. Il Priolo schierava Sastri, Orecchia, Pappalardo, Amenta, Massa, Cannavò, Speranza, Infantino, Catinello, Blandini, Alfano. Arbitra l'incontro Brancato di Ragusa. Parte subito bene l'Atletico Catania, al 1' scambio tutto di prima tra Ventura e Spadaro, ma quest'ultimo conclude di poco a lato. Al 16' lancio su punizione dalla trequarti di Pidatella, palla in area, Leonardi in acrobazia spedisce alto. Al 18' la difesa atletista si fa tagliare da un contropiede ospite, Blandini entra in area dalla sinistra serve un pallone per l'accorrente Catinello che appoggia in rete! Atl.Catania 0 - Priolo 1. Dopo il gol subito sale in cattedra l'Atletico, al 19' ci prova Calì dalla distanza ma il suo tiro si perde a lato. Al 21' Zumbo sulla fascia destra salta un avversario e crossa la palla in area, un difensore ospite intercetta con la mano e l'arbitro concede il penalty. Dal dischetto Ventura non sbaglia!! RETE!! Atl.Catania 1 - Priolo 1. Al 30' punizione dal limite dell'area di rigore, defilata sulla destra, per l'atletico, alla battuta va Angelo Tasca che disegna una traiettoria imprendibile, corretta sulla linea da Leonardi, e palla in RETEE!! Atletico Catania 2 - Priolo 1! Passano 5 minuti e l'arbitro concede un corner dubbio agli ospiti, dalla bandierina va Infantino che direttamente dalla bandierina il pallone finisce in rete, complice una presa difettosa di Lisi. E' il gol del pareggio! 2 - 2! Al 41' ci riprova Tasca con una punizione dal limite, ma stavolta Sastri blocca senza problemi. Al 44' Priolo vicino al vantaggio con una punizione dal limite di Amenta, ma Lisi respinge d'istinto. Finisce così il primo tempo, Atletico Catania 2 - Priolo 2. Nella ripresa il Priolo cala il ritmo e l'Atletico ne approfitta. Al 55' Passanisi entra in area tenta di servire Spadaro ma il recupero di Russo è tempestivo anticipando tutti. Richichi al 61' toglie dal campo Passanisi ed inserische Rosignoli, una mossa che cambierà la partita. Al 70' ingenuità di Leonardi, che ha un battibecco con Infantino, i due si spintonano e l'arbitro estrae il ROSSO diretto per il difensore atletista. Al 75' gli ospiti reclamano un altra espulsione, per un tocco di mani di Sciuto che impedisce a Catinello di andare in porta. Espulsione netta, ma l'arbitro si limita ad ammonire il difensore atletista. Al 78' Rosignoli lotta al limite dell'area crossa in area per Spadaro che di testa smarca Ventura e tutto solo scaraventa la palla in RETEE!! Per la gioia dei tifosi atletisti! Atletico Catania 3 - Priolo 2. E' l'ultima occasione dell'incontro, l'Atletico tiene bene il campo e dopo 3 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine. Atletico Catania batte priolo 3 a 2. Una gara dove l'Atletico seppur soffrendo ha sempre avuto in mano il pallino del gioco. Il Priolo ha fatto quel che ha potuto, ma di fronte ad un Atletico così combattivo c'è poco da fare. A fine gara il mister Richichi analizza così l'incontro: " Siamo stati bravi a credere nella vittoria fino alla fine, sono contento per questa vittoria perche allunga la nostra scia positiva. Il momento cluo dell'incontro è stato l'ingresso di Rosignoli, che ci ha permesso di spingere sulle fasce, infatti il 3 gol è arrivato da un suo cross. Cerchiamo adesso di continuare questa scia e vincere più gare possibili". Il DS Santo Palma invece commenta così l'incontro: "Abbiamo pagato cara la gara di Giarre, dove abbiamo dato tanto, non era una gara facile quella di oggi ma la tenacia e la forza di questi ragazzi hanno fatto si che ci portassimo a casa i tre punti. Complimenti alla squadra per il lavoro svolto e al mister".

10 Gennaio 2010 - Stadio "Nino Todaro" di S.A.Li Battiati ore 14.30

ATLETICO CATANIA - PRIOLO CALCIO 3 - 2

ATLETICO CATANIA: Lisi, Zumbo, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Sciuto, Passanisi (61' Rosignoli), Spadaro, Pidatella, Calì (76' Merola), Ventura (84' Tricomi). All.Richichi. A disp. Noto, Castorina, Giuffrida, Fiume.

PRIOLO CALCIO: Sastri, Orecchia, Pappalardo (53' Russo), Amenta, Massa, Cannavò, Speranza, Infantino, Catinello, Blandini, Alfano. All.Mangiafico. A disp. Fugali, Inturrisi, Ganci, Pantano, Caneri.

ARBITRO: Brancato di Ragusa (voto 5) ASSISTENTI: Agosta (RG) e Pilo (ME) (voto 6.5)

RETI: 18'Catinello (PR), 21' Ventura (rig), 30' Leonardi, 35' Infantino (PR), 78' Ventura

AMMONITI: Massa e Blandini per il Priolo, Sciuto e Ventura per l'Atl.Catania

ESPULSI: Leonardi al 70' per proteste

NOTE: Giornata fredda, terreno in discrete condizioni. Buona rappresentanza di tifosi atletisti sulle tribune. Circa 100 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 06/01/2010 - L'Atletico Catania perde ma con onore. Sconfitta di misura per l'Atletico Catania che torna a casa con un passivo di 2 a 1. Una gara fortemente condizionata dalla terna arbitrale che ne ha combinate di cotte e di crude. Quattro espulsi, tutti dell'Atletico Catania, un rigore concesso ai locali inesistente e una direzione di gara davvero scadente. Giarre - Atletico Catania non è stato solo questo, è stata la partita del cuore, della grinta e della voglia di non mollare. La squadra Atletista in 7 uomini è riuscita con il suo uomo migliore, capitan Tasca, ad agguantare la rete del 2 a 1 nei minuti finali e riaprire il discorso qualificazione al ritorno. L'Atletico visto oggi ha dato tutto quello che poteva dare, nonostante la pesante inferiorità numerica è riuscita a giocare a calcio, palla a terra, senza subire tiri in porta. Questa squadra dopo questa partita ha fatto uscire la propria personalità, personalità che rispecchia il modo di pensare di mister Richichi, abile a dare un gioco, un carattere e determinazione ad una squadra che tutti davano per fallita. Per chi pensava che l'Atletico Catania sarebbe venuto a Giarre per una passeggiata si sbagliava, l'Atletico ha messo in campo tutto e lo ha dimostrato. Dal canto suo il Giarre non è riuscito a imporre il proprio gioco, nonostante la superiorità di uomini e le conclusioni verso la porta di Lisi possono contarsi sulla punta delle dita. Andiamo alla cronaca. L'Atletico scende in campo con Noto tra i pali, Zumbo, Giuffrida, Sciuto e Scaravilla in difesa, Rosignoli, Pidatella e Tasca in difesa, Tricomi e Spadaro a supporto di Ventura. Il Giarre scende invece in campo con Plastini, Curcuruto, Cannizzaro, Caggegi, Patti, Percipalle, G.La Guzza, Giaquinta, Consoli, Torre, Mangano. Parte all'attacco l'Atletico Catania e al 1' Pidatella scodella in mezzo all'area un pallone per Rosignoli, che viene atterrato in area. Tutti gridano al rigore ma il sig. Schillaci lascia proseguire. Al 21' ancora Pidatella su calcio di punizione dalla trequarti impensierisce l'estremo difensore locale Plastini che respinge con i pugni. Al 28' succede l'impensabile, Torre vine lanciato a rete da La Guzza, commette fallo ai danni di Sciuto all'altezza del centrocampo, l'arbitro lascia proseguire, Torre appena fuori dall'area di rigore viene atterrato da Giuffrida. L'arbitro fischia e concede il CALCIO DI RIGORE! Con il fallo da ultimo uomo viene pure espulso Giuffrida. Si crea una mischia e a farne le spese è Noto espulso anche lui. Atletico in 9 uomini! A questo punto Richichi sostituisce Tricomi per far entrare Lisi che prende il posto dell'espulso Noto. Dal dischetto va Percipalle che batte Lisi per l'1 a 0! La reazione atletista si spegne al 30' con un tiro di Ventura ben parato da Plastini. Al 41' Consoli riceve palla sulla sinistra e lascia partire un tiro che esce di poco a lato. Al 45' errore nella mediana per l'Atletico, che subisce un contropiede da Curcuruto che si invola sulla destra, entra in area e serve un cross per l'accorrente Torre che di testa batte Lisi per il 2 a 0! L'Atletico non ci sta e conquista un calcio piazzato al 48' appena fuori dall'area di rigore. Sulla battuta va Spadaro, ma il suo tiro colpisce clamorosamente l'incrocio dei pali! Finisce così il primo tempo. Giarre 2 - Atletico Catania 0. Nella ripresa il Giarre continua a subire gli ospiti e al 60' su punizione dal limite di Tasca la barriera respinge in area con un braccio! Altro calcio di rigore negato con il Sig. Schillaci che lascia proseguire. Al 68' Ventura si conquista un calcio di punizione dal limite, protesta con l'arbitro che gli sventola prima il giallo e poi il rosso! Espulso pure Ventura! Alle proteste si unisce pure Sciuto, e ROSSO pure per lui! Atletico Catania in 7 uomini! Al 73' si infortunia Scaravilla, costretto ad uscire dal campo. Al suo posto entra Longhitano. All'85' esce Spadaro per Passanisi. E' proprio il nuovo entrato, su contropiede, dopo 3 minuti, a conquistarsi un calcio di punizione dalla destra, appena fuori area. A batterlo va capitan Tasca che disegna una traiettoria a rientrare imprendibile per Plastini che vede la palla insaccarsi in RETEE!!!! 1 - 2!! Il Giarre visto il gol subito si butta all'attacco, ma senza effetti. Dopo 4 minuti di recupero il pessimo arbitro ennese fischia la fine della gara. Giarre batte Atletico Catania 2 a 1, gara tutta da giocare al ritorno giorno 20 gennaio a battiati. Un Atletico Catania che ha portato a termine una vera e propria impresa, segnare un gol in 7 uomini non è da tutti, i giocatori atletisti meritano solo rispetto e hanno dato una gran prova di onore. A fine gara mister Richichi commenta così la partita: "Una gara maschia, complicata dalle quattro espulsioni. Posso solo dire bravi ai miei ragazzi per quello che sono riusciti a fare in 7 uomini. Nonostante l'inferiorità numerica abbiamo giocato noi a pallone, mettendo sotto il Giarre. Sono felice della prova dei ragazzi, adesso ci giocheremo tutto giorno 20 nel ritorno". Il mister del Giarre Mirto non ha voluto rilasciare interviste, visibilmente amareggiato dallo svolgimento della gara.

6 Gennaio 2010 - Stadio "Regionale" di Giarre ore 14.30

Quarti di Finale di Coppa Italia Promozione- Gara di Andata

6 Gennaio 2010 - Stadio "Regionale" di Giarre ore 14.30

GIARRE - ATLETICO CATANIA 2 - 1

GIARRE: Plastini, Curcuruto, Cannizzaro (63' Napoli), Caggegi, Patti, Percipalle, G.La Guzza, Giaquinta, Consoli (63' Bonanno), Torre, Mangano. All.Mirto. A disp. Costantino, Scirto, Nicolosi, Messina, Emanuele.

ATLETICO CATANIA: Noto, Zumbo, Scaravilla (73' Longhitano), Tasca, Giuffrida, Sciuto, Rosignoli, Spadaro (85' Passanisi), Tricomi (28' Lisi), Pidatella, Ventura. All.Richichi. A disp. Bianca, Messina, Merola, Coppa.

ARBITRO: Schillaci della sez. di Enna (voto 3), ASSISTENTI: Todaro e Passalacqua di Acireale (Voto 5)

AMMONITI: Caggegi, Percipalle e Curcuruto del Giarre

ESPULSI: Al 22' Giuffrida e Noto, al 68' Ventura e Sciuto tutti dell'Atletico Catania.

RETI: 29' Percipalle (rig.), 45' Torre, 88' Tasca (Atl.Ct)

NOTE: Circa 200 spettatori con buona rappresentanza di tifosi atletisti. Terreno in pessime condizioni, giornata soleggiata.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 20/12/09 - L'Atletico Ct. ora ci crede, Play off a - 3. Missione compiuta per l'Atletico Catania che conquista una vittoria pesantissima a Francofonte e riapre il discorso play-off. Ora come non mai la formazione allenata da Antonio Richichi è a soli 3 punti dalla zona play off e dopo la vittoria di oggi è riuscita a dimezzare il distacco dal 5° posto, occupato dallo stesso Francofonte. Atletico Catania che ottiene la terza vittoria di fila e il suo ottavo risultato utile consecutivo. 20 punti nelle ultime 9 giornate, un rullino di marcia impressionante e più che positivo, frutto di un lavoro straordinario dello staff atletista e del mister Richichi, abile a dare un gioco e un carattere ad una squadra che all'ottava giornata aveva soli 3 punti, e che adesso ne ha 23. La gara di Francofonte è stato un punto di partenza, di un nuovo campionato, un campionato dove l'Atletico può permettersi di guardare in alto, per cercare di raggiungere il 5° o addirittura il 4° posto occupato dal Comiso che dista quattro punti. Occorre comunque restare con i piedi per terra, ancora fino alla fine del campionato ci sono 14 giornate e nulla è scontato. La vittoria di oggi col Francofonte, per 1 a 0, è stata la vittoria dell'orgoglio, la vittoria della svolta, la vittoria per chiudere l'anno con un risultato positivo; Un Francofonte che è parso poca cosa, affidato alle giocate di Malgioglio e Messina, al confronto di un Atletico più dinamico e reattivo. L'Atletico scendeva in campo con il solito 4-3-3 con Lisi tra i pali, Longhitano, Leonardi, Giuffrida e Scaravilla in difesa, a centrocampo Tasca, Calì e Pidatella, in avanti Passanisi e Spadaro a supporto di Ventura. Il Francofonte rispondeva con D'Antone, Foti, Missale, Garofalo, Aloi, Platania, Mazzone, Messina, Rinaudello, Malgioglio, Tramontana. Arbitra l'incontro il Sig.Iannello di Enna, assistito da Nicito e Peluso di Ragusa. Parte subito a mille l'Atletico Catania e al 2' Passanisi affonda sulla fascia destra crossa in mezzo per Ventura, che tocca il pallone per l'accorrente Spadaro che al volo lascia partire un siluro che si infila sotto la traversa! RETEE!! Francofonte0-Atletico Catania1!! La reazione del Francofonte avviene dopo un minuto, e al 3' il tiro-cross di Malgioglio viene deviato sotto porta da Giuffrida in corner. All'11' ancora Malgioglio dalla sinistra lascia partire un cross per la testa di Rinaudello, ma Lisi indovina a pieno l'attimo dell'uscita sventando con i pugni. Al 25' mister Richichi toglie dal campo uno spento Longhitano per Zumbo all'esordio in Promozione. Al 34' l'Atletico conquista una punizione interessante dal limite, ma il tiro di Ventura si spegne a lato dalla porta difesa da D'Antone. Al 40' Pidatella perde palla a centrocampo, Malgioglio innesca un contropiede, serve Messina che entra in area e da posizione defilata tira a lato. Finisce così il primo tempo. Nella ripresa ancora Atletico Catania in avanti, cross di Passanisi, sponda di Spadaro e tiro al volo di Pidatella con la palla che si perde di poco a lato. Al 59' corner di Tasca direttamente in porta, D'Antone respinge con i pugni! Al 60' Garofalo del Francofonte applaude sarcasticamente il direttore di gara, per l'assegnazione di un fallo a suo favore, il Sig.Iannello si avvicina a lui ed estrae il cartellino ROSSO! Al 64' Francofonte vicino al pareggio con un calcio di punizione dal limite calciato da Messina, che si perde di poco a lato. Al 65' entra Rosignoli al posto di Passansi. Al 68' lancio di Messina per Mazzone che davanti al portiere cicca il pallone, complice l'intervento di Giuffrida, spedendolo fuori. Al 70' ancora Mazzone per il Francofonte entra il area dalla destra e lascia partire un tiro cross velenoso che il bravo Lisi smanaccia in corner. Entrano per il Francofonte Del Fiume e Pisano per Missale e Rinaudello. Al 77' ancore Messina su calcio di punizone dal limite mette paura all'estremo difensore Atletista che vede il pallone perdersi sul fondo. Al 74' si riaffaccia l'Atletico in avanti con un calcio di punizione di Rosignoli che si perde a lato. All'85' Spadaro prende palla a centrocampo e si invola verso la porta avversaria, Platania lo atterra in area e l'arbitro non può che concedere il calcio di rigore. Dal dischetto lo stesso Spadaro colpisce il PALO interno! All' 88' ancora Spadaro affonda sulla destra crossa per Ventura che colpisce di testa con la palla che colpisce la traversa!! L'Arbitro concede 5 minuti di recupero ma l'Atletico tiene palla e non rischia nulla fino al triplice fischio che chiude le ostilità. Una gara combattuta da entrambe le squadre, un azione da categoria superiore quella del gol di Spadaro. Atletico Catania che oltre ai risultati gioca un bel calcio ricco di trame di gioco e che ha spirito di sacrificio. A fine gara mister Richichi commenta la gara così: "Abbiamo conquistato una vittoria importante in un campo difficile dove aveva vinto solo la Ragazzini Generali. La mia squadra ha giocato bene, ha fatto vedere belle trame di gioco, partita dopo partita stiamo migliorando e spero di poterci togliere qualche soddisfazione in più adesso. Avevo detto ai ragazzi che questa gara era importante e un punto d'inizio per un nuovo campionato, e sono stati bravi a portare a casa i tre punti. Godiamoci questa vittoria dopo di chè penseremo al Giarre giorno 6 Gennaio in coppa".

Domenica 20 Dicembre 2009 - 16° Giornata - Campionato di Promozione

Stadio "Comunale" di Francofonte, ore 14.30

Francofonte - Atletico Catania  0 - 1

FRANCOFONTE: D'Antone, Foti, Missale (72' Del Fiume), Garofalo, Aloi, Platania, Mazzone, Messina, Rinaudello (75' Pisano), Malgioglio, Tramontana. All.G.Chiavaro. A disp. La Masa, Crisci, Randone, Raia, Castiglia.

ATLETICO CATANIA: Lisi, Longhitano (25' Zumbo), Scaravilla, Tasca, Leonardi, Giuffrida, Passanisi (65' Rosignoli), Spadaro, Pidatella, Calì, Ventura. All.A.Richichi. A disp. Noto, Fiume, Messina, Coppa, Tricomi.

ARBITRO: Iannello di Enna, voto 6.5, ASSISTENTI: Nicito e Peluso di Ragusa (voto 6.5)

RETE: 2' Spadaro

AMMONITI: Garofalo, Platania, Del Fiume e Messina per il Francofonte. Ventura, Pidatella e Leonardi per l'Atletico.

ESPULSI: Garofalo al 60' per proteste.

NOTE: Giornata fredda 8°, terreno in buone condizioni. Circa 100 spettatori con una rappresentanza di tifosi atletisti.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 14/12/09 - L'Atletico pesca i Giallo Blù Giarre nei 4° di Coppa Italia. Nella sede della lega a Palermo sono stati sorteggiati i quarti di coppa. questi gli accoppiamenti: Montemaggiore - Spadaforese, Real Avola - Ragazzini Generali, Ribera - Mast Favignana, Giallo Blù Giarre - Atletico Catania.

 13/12/09 - Gran colpo dell'Atletico ! 3 - 1 a Scicli. L’atletico Catania conquista una vittoria pesantissima in quel di Scicli e allunga la serie dei risultati positivi. Per L’Atletico tre punti che rilanciano la squadra nelle zone alte della classifica e adesso i play off non sono un impresa impossibile. La squadra, marchiata Richichi, sta acquistando sempre più fiducia nei propri mezzi e sta dimostrando di catalogarsi come una rivelazione positiva del campionato. L’Atletico visto oggi a Scicli, ha dimostrato grande carattere, dominando l’incontro per gran parte della gara, facendo vedere un buon calcio, belle trame di gioco e grande sacrificio, frutto di un buon lavoro del Mister Richichi che da quando ha in mano la squadra ha collezionato cinque vittorie, due pareggi e una sola sconfitta. L’Atletico quest’oggi scendeva in campo con un 4-3-1-2 con Noto tra i pali, Longhitano, Sciuto, Leonardi e Scaravilla in difesa, Pidatella, Tasca e Messina a centrocampo, Calì dietro le punte Spadaro e Ventura. Lo Scicli risponde con Taranto, Voi, Raniolo, Campailla, Tumino, Vaccaro, Spitale, Grimaldi, Carnemolla, Agosta e Adamo. Arbitra l’incontro il sig. Boscia di Messina, assistito da Brancato e Raimondo. Avvio veloce ed è lo Scicli ad andare al tiro al 2’ con Adamo dalla destra, ma la conclusione si perde di poco a lato. Risponde immediatamente l’Atletico, al 3’, con una bella azione corale tutta di prima tra Ventura e Calì, con il tiro di quest’ultimo che si perde di poco a lato. Al 20’ corner di Agosta per lo Scicli, il colpo di testa di Tumino a botta sicura viene salvata sulla linea da Calì. Al 23’ corner per l’Atletico Catania battuto da Tasca che tocca per Spadaro, che restituisce palla al capitano e pennella un cross al centro spizzicato da Messina e concluso a rete da Ventura! RETE!! Scicli 0 - Atletico Catania 1 ! Al 27’ punizione per lo Scicli dalla destra, il cross di Agosta finisce in area, dopo un batti e ribatti la palla arriva a Carnemolla che tutto solo spara alto sopra la traversa. Al 29’ si fa male Ventura che lascia il posto a Passanisi. Al 34’ scambio rapido, tutto di prima tra Passanisi e Spadaro, con il tiro di quest’ultimo che si perde a lato. Al 45’ errore difensivo della retroguardia atletista che favorisce la fuga di Adamo che serve in area il libero Carnemolla che mette in Rete! 1 a 1! Finisce così il primo tempo. Il secondo tempo vede subito l’Atletico Catania che ha in mano il gioco e al 50’ Passanisi salta un avversario e viene atterrato in area di rigore, ma l’arbitro lascia proseguire. Al 58’ azione convulsa in area di rigore atletista, la palla arriva a Carnemolla che da due passi tira alto. Al 63’reagisce l’Atletico con una punizione di Tasca che si perde sul fondo. Al 67’ per lo Scicli entra Savà ed esce Voi. Al 71’ Richichi sostituisce Calì al suo posto entra Rosignoli. Al 73’ Passanisi approfitta di un errore difensivo dei locali, prende palla a centrocampo e si invola verso la porta avversaria, il suo tiro è preciso e la palla finisce in RETE! Scicli 1 – Atletico Catania 2! Al 78’ esce Campailla per lo Scicli entra Giannone e all’83’ entra Tricomi per Messina. All’87’ corner di Tasca, la difesa spazza, sulla ribattuta Rosignoli conclude alto sopra la traversa. All’89’ esce per infortunio il portiere dello Scicli, Taranto, sostituito da Rizza. Al 90’ l’Atletico in contropiede si invola con Spadaro verso la porta dei locali, e con un preciso rasoterra batte Rizza per il definitivo 3 a 1! Scicli 1 – Atletico Catania 3! L’Arbitro concede 7 minuti di recupero, e al 95’ l’Atletico potrebbe dilagare con Passanisi, lanciato da Spadaro, ma il suo pallonetto sfiora il palo. Finisce così l’incontro Scicli 1 – Atletico Catania 3. Grande prova di carattere della formazione etnea che ha disputato una gara superba. A fine gara mister Richichi analizza la gara così: “Una gara dominata, dove abbiamo fatto vedere un buon calcio e belle trame di gioco. La squadra sta rispondendo bene e sta cominciando a giocare a calcio. Questa vittoria la voglio dedicare al nostro DS Santo Palma che per motivi familiari non ha potuto assistere alla gara e ai tifosi che sono venuti da Catania per seguire la squadra”. Il Sito ATLETICOCATANIA.IT e la Società è vicina al DS Santo Palma per i problemi familiari intercorsi in questi giorni, augurandogli una pronta risoluzione.

15° Giornata - Campionato di Promozione XV° Giornata

Campo "C.Scapellato" - Scicli, ore 14.30

SCICLI - ATLETICO CATANIA 1 - 3

SCICLI: Taranto (89' Rizza), Voi (67' Savà), Raniolo, Campailla (78' Giannone), Tumino, Vaccaro, Spitale, Grimaldi, Carnemolla, Agosta, Adamo. A disp. Sammitto, Gennaro, Inì, Moriggi.

ATLETICO CATANIA: Noto, Longhitano, Scaravilla, Tasca, Leonardi, Sciuto, Messina (83' Tricomi) , Spadaro, Pidatella, Calì (71' Rosignoli), Ventura (29' Passanisi). All.A.Richichi. Adisp. Lisi, Giuffrida, Fiume, Coppa.

ARBITRO: Boscia (ME), ASSISTENTI: Brancato (ME) e Raimondo (Barcellona PG)

RETI: 23' Ventura, 45' Carnemolla (Scicli), 73' Passanisi, 90' Spadaro

AMMONITI: Sciuto e Rosignoli per l'Atletico, Giannone per lo Scicli

NOTE: Circa 100 spettatori, terreno in buone condizioni, giornata soleggiata.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 06/12/09 - Che Sofferenza ! Atletico Catania - Canicattini  3 - 2. Zona Cesarini o zona Passanisi? Sarà una coincidenza ma il bomber Atletista ci ha preso gusto, dopo il gol di Modica al 93', oggi grazie alla sua rete al 95' l'Atletico batte il Canicattini e conquista una vittoria in extremis, dopo essersi clamorosamente complicata la vita nel secondo tempo. Un primo tempo giocato alla perfezione, con un netto predominio in tutte le zone del campo, per poi calare inspiegabilmente nella ripresa, facendosi recuperare il doppio vantaggio del primo tempo. All'ultimo secondo però ci pensa Passanisi a regalare la vittoria e i tre punti. Un Atletico privo degli squalificati Noto e Calì e dell'infortunato Merola scendeva in campo col solito 4-3-3 con Lisi tra i pali, Castorina, Giuffrida, Sciuto e Scaravilla in difesa, Pidatella, Rosigloli e Tasca a centrocampo, Spadaro, Passanisi e Ventura in avanti. Il Canicattini risponde con Scattamagli, Zuccalà, Cultrera, Genovese, Modica, Gentile, Maglitto, La Cognata, Carrubba, Maucieri, Favara. Parte subito bene l'Atletico Catania con una punizione dalla destra di Pidatella per la testa di Giuffrida che spizzica per Ventura che davanti la porta svirgola clamorosamente. Al 20' Spadaro riceve palla spalle alla porta serve l'accorrente Ventura, complice un errore difensivo di Zuccalà, che tutto solo insacca la palla in RETE!! Atletico Catania 1 - Canicattini 0! Al 29' corner di Pidatella dalla sinistra il colpo di testa di Spadaro viene deviato nuovamente in corner. Altro corner stavolta è Tasca a batterlo dalla destra, il suo cross è perfetto, come perfetto è lo stacco di testa di Ventura che insacca in RETE!! Atletico Catania 2 - Canicattini 0! Al 40' l'Atletico ha l'occasione per chiudere l'incontro, Spadaro lancia Ventura che si invola verso il portiere avversario, ma l'attaccante spara la palla addosso al portiere e si fa respingere il tiro. Ancora Ventura al 42' ha l'occasione del 3 a 0, servito da un colpo di testa di Passanisi, ma il suo tiro viene ancora parato da Scattamagli. Finisce così il primo tempo. Atletico Catania 2 - Canicattini 0. Al 46' entra Buccheri per il Canicattini al posto di Zuccalà. Al 50' Atletico ancora in avanti, cross di Scaravilla per Spadaro, ma la sua girata viene parata dal portiere. Al 53' l'arbitro espelle mister Infanti per proteste, e al 57' espelle D'Alessio dalla panchina per proteste. Al 60' sugli sviluppi di un calcio di punizione del Canicattini, la palla viene stoppata in area dal braccio da Sciuto, da decidere la volontarietà dell'intervento, per l'arbitro non ci sono dubbi, è calcio di rigore! Dal dischetto Modica piazza il pallone sotto la traversa! Atletico Catania 2 - Canicattini 1! Al 62' reazione atletista con capitan Tasca, che direttamente da calcio piazzato coglie l'incrocio dei pali! Al 66' calcio di punizione dal limite di Maucieri per il Canicattini ben parato da Lisi. Al 72' Canicattini vicino al pari, con un calcio di punizione di Maucieri che pennella un cross per Carrubba che tutto solo spedisce il pallone di testa, fuori. Al 75' cross di Scaravilla per la testa di Ventura, e grandissima parata di Scattamagli che devia la palla in corner. Al 77' ancora Ventura salta l'avversario sulla sinistra e da posizione defilata conclude debolmente con la palla che si perde a lato. Entra Amenta al posto di La Cognata per il Canicattini e Grasso per Ventura. All'88' cross di Passanisi per Grasso che tira al volo, palla alta! Al 90' errore della retroguardia atletista, che concede un contropiede ad Amenta che si invola sulla destra entra in area e batte Lisi per il 2 a 2! Richichi inserisce una punta Tricomi al posto di Castorina. L'arbitro concede 5 minuti di recupero e proprio al 95' Pidatella conquista un calcio di punizione nella trequarti, pennella un cross per la testa di Passanisi, che stacca perfettamente con la palla che gonfia la RETE!!! Atletico Catania 3 - Canicattini 2! Gioia per Passanisi che va ad esultare sotto i suoi tifosi! Una rete importante per Passanisi che sembra essersi sbloccato dopo il periodo nero. Per l'Atletico una gara esemplare nel primo tempo, ma disastrosa nel secondo, troppi errori difensivi che stavano per compromettere una gara. Il Canicattini è stato bravo ad approfittare di questa situazione di sbandamento, andando ad acchiappare un pareggio che a fine primo tempo sembrava irraggiungibile. Troppe azioni sprecate sotto porta, c'è ancora molto da lavorare per mister Richichi che analizza l'incontro così: "Una gara che andava chiusa già nel primo tempo, è assurdo come dobbiamo andarci a complicare la vita. Avevamo la partita in mano ed è inconcepibile prendere gol al 90' s contropiede. Fortunatamente abbiamo portato a casa questi 3 punti, fondamentali per noi e per la nostra classifica. Adesso andiamo a Scicli per Vincere!"

14° Giornata - Promozione gir.D - 06 Dicembre 2009

Stadio "Nino Todaro" S.A.Li Battiati ore 14.30

ATLETICO CATANIA: Lisi, Castorina (92' Tricomi), Scaravilla, Tasca, Giuffrida, Sciuto R., Passanisi, Spadaro, Rosignoli, Pidatella, Ventura (80' Grasso). All.A.Richichi. A disp. Sciuto M., Bonaventura, Fiume, Bianca, Coppa.

CANICATTINI: Scattamagli, Zuccalà (46' Buccheri), Cultrera, Genovese, Modica, Gentile, Maglitto, La Cognata (80' Amenta), Carrubba, Maucieri, Favara. All.Infanti. A disp. D'Alessio, Guida, Gionfriddo.

ARBITRO: Scarciotta (CL) (Voto 6) ASSISTENTI: Amante (ME) e Gioè (ME) (Voto 6)

RETI: 20' e 29' Ventura, 60' Modica (can.), 90' Amenta (can.), 95' Passanisi

AMMONITI: 90' Amenta (can.)

ESPULSI: Al 53' l'Allenatore del Canicattini Infanti e al 57' il secondo portiere D'Alessio dalla panchina

NOTE: Giornata soleggiata, terreno in buone condizioni. Circa 100 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 28/11/09 - Un Pari tra le recriminazioni. L'Atletico Catania acciuffa in extremis un pareggio sul difficile campo di Modica, contro la Moticea, tra le mille recriminazioni per i soliti errori arbitrali. Per l'Atletico un punto che muove la classifica, per la Moticea un passo avanti in classifica. Per la cronaca, la Moticea passa in vantaggio al 30' del primo tempo con un azione viziata da un fallo di mano. Pareggia al 45' Giovanni Spadaro per l'Atletico Catania. Nella ripresa al 90' l'arbitro concede un calcio di rigore inesistente ai padroni di casa che passano in vantaggio. Al 92' arriva il tanto atteso gol di Lele Passanisi che fissa il punteggio sul 2 - 2.  (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 22/11/09 - Una doppietta di Tasca stende lo Sp.Misterbianco. Un Atletico Catania doppia faccia conquista tre punti pesantissimi tra le mura amiche contro un buon Misterbianco arrivato a Zia Lisa per portare a casa punti. Atletico Catania che ha forse risentito un pò di stanchezza dopo la gara di coppa di Mercoledi a Troina, e per tutto il primo tempo non ha saputo imporre il proprio gioco subendo gli avversari e la rete dell'ex Pecorini. Nella ripresa l'Atletico si sveglia e riesce a ribaltare la situazione di svantaggio, con l'esperiente Angelo Tasca che firma due euro gol, che consentono alla formazione Atletista di raggiungere un importante vittoria che li proietta verso le zone più alte tirandosi fuori dalla zona bassa. La cura Richichi continua a dare i suoi frutti, anche se si è fatto un passo indietro nel gioco l'importante quest'oggi era fare bottino pieno, e i tre punti alla fine sono arrivati. Per la cronaca l'Atletico Catania schiera tra i pali Noto, in difesa Sciuto e Leonardi centrali, Scaravilla e Longhitano esterni, a centrocampo Calì, Tasca e Grasso, in avanti Ventura supportato dalle ali Spadaro e Passanisi. Il Misterbianco risponde con Saglimbene, Messina, Bozzanga, Viola, Fazio, Siciliano, Venticinque, Sciuto, Pecorini, Coriolano, Marletta. L'Atletico parte bene e già dopo 2 minuti Spadaro tenta la conclusione da fuori area, ma la palla si perde di poco a lato. L'Atletico cerca di imporre gioco, ma l'impraticabilità del campo, pieno di zolle, non permette un gran controllo del pallone. Al 17' ci prova Sciuto del Misterbianco con un tiro dal limite che si perde di poco a lato. Al 26' Sciuto lancia Pecorini che si invola verso la porta e cerca di beffare Noto con un pallonetto, ma l'estremo difensore atletista con un colpo di reni riesce a deviare in corner, salvando il risultato! Il Misterbianco gioca sui rinvii lunghi dalla difesa, uno di questi viene raccolto da Sciuto che salta in velocità Scaravilla e crossa per Pecorini, Leonardi sembra anticipare l'avversario ma il pallone rimbalza male sul terreno beffando quest'ultimo, per Pecorini è un gioco da ragazzi buttare la palla in rete! Atletico Catania 0 - Misterbianco 1. Al 39' Lo stesso Pecorini deve abbandonare il campo per una botta alla testa, al suo posto entra Arrabito. Finisce così il primo tempo sul risultato di 0 a 1. La ripresa si apre con un calcio di punizone dal limite per il Misterbianco, il tiro di Sciuto finisce alto sopra la traversa. Al 57' Sale in cattedra l'Atletico Catania, entrato in campo con un altro piglio, dalla Sinistra cross di Scaravilla per Grasso ma il suo tiro si perde di poco a lato. Al 58' Viene ammonito Bozzanga per proteste sulla concessione di un corner. Sul seguente corner va Tasca passaggio corto per Passanisi che restituisce il pallone a Tasca che dalla destra si inventa una parabola a girare che beffa Saglimbene sul primo palo, palla in RETE!!!! Atletico Catania 1 - Misterbianco 1! Al 69' ci prova Passanisi dalla distanza ma la palla viene bloccata da Saglimbene. Al 72' dopo una serie di corner da parte del misterbianco, Sciuto al quarto tentativo coglie il palo direttamente da corner, la difesa atletista riesce poi a spazzare il pallone. Al 75' altro affondo di Scaravilla sulla sinistra, che crossa per Grasso, il suo tiro al volo si perde a lato dal palo destro. Al 78' Bozzanga ferma Passanisi con un fallo, l'arbitro esce il secondo cartellino giallo e lo espelle. All'80 altro corner di Tasca, il suo cross viene spazzato dalla difesa, la palla arriva nuovamente a tasca che dalla destra disegna una parabola perfetta con la palla che si insacca nell'angolino sinistro!!! GOLL!! Atletico Catania 2 - Misterbianco 1. All'83' altro cross di Longhitano dalla destra esce Saglimbene con pugni sulla ribattuta Calì spada di poco a lato. All'85' scambio in velocita tra Passanisi e Spadaro, quest'ultimo davanti a Saglimbene si fa ipnotizzare sparandogli il pallone addosso. Al 86' Scaravilla entra in area dalla sinistra, invece di crossare tenta il tiro che attraversa tutto lo specchio della porta. L'ultima occasione è del misterbianco al 91' con un calcio di punizione dello specialista Coriolano, con la palla che si perde di pochissimo a lato. Dopo 5 minuti di recupero finisce 2 a 1! Atletico Catania che non ha disputato una gara eccellente, specie nel primo tempo dove non si sono viste manovre di gioco, e molti giocatori sembravano inesistenti. Nella ripresa grande prova di carattere, e grande reazione degli uomini allenati di Richichi che sono riusciti nell'impresa di ribaltare la situazione trascinati da Tasca e dalle discese sulla fascia di Scaravilla. Una bella reazione che fa portare a casa tre punti pesantissimi e importantissimi in chiave play off. A Fine gara intervistato mister Richichi che analizza l'incontro così: "Abbiamo disputato un primo tempo abulico, forse stanchi di mercoledì, negli spogliatoi ho strigliato la squadra e sono contento della reazione che ha avuto. Un secondo tempo giocato bene. La squadra sta crescendo, oggi era fondamentale vincere per tirarci fuori dai play out, fortunatamente ci siamo riusciti. Speriamo di continuare così". Dall'altra parte il tecnico del Misterbianco Roberto Aiello manifesta la sua amerezza così: "Sono amareggiato per l'arbitraggio, davvero scadente, il primo gol dell'atletico è nato su un corner inesistente. Il pareggio credo che sarebbe stato più giusto, l'Atletico ha tirato in porta due volte sole con Tasca ed ha segnato due reti. Su gli obiettivi del Misterbianco, noi puntiamo sempre ai play off, vedremo se nel mercato di dicembre verrà fatto qualche ritocco alla rosa".

Campionato di Promozione - 12° Giornata

Stadio "Zia Lisa" Catania ore 14.30

ATLETICO CATANIA - SP.MISTERBIANCO 2 - 1

ATLETICO CATANIA: Noto, Longhitano, Scaravilla, Calì (89' Giuffrida), Leonardi, Sciuto R., Grasso, Spadaro, Passanisi (86' Fontanot), Tasca, Ventura. All.A.Richichi. A disp. Sciuto M., Messina, Rosignoli, Wanausek, Tricomi.

SPORTING MISTERBIANCO: Saglimbene, Messina, Bozzanga, Viola, Fazio, Siciliano, Venticinque, Sciuto, Pecorini (39' Arrabito), Coriolano, Marletta (83' Aloisi). All.R.Aiello. A disp. Fazzolari, Ventimiglia, La Porta, Russo, Di Mauro.

ARBITRO: Prolettini di Siracusa (voto 4.5) - ASSISTENTI: Palermo (CT) e Avolio (CT)

RETI: 34'Pecorini (SP.Mist.), 59' e 80' Tasca

AMMONITI: Saglimbene, Fazio e Sciuto per lo Sp.Misterbianco, Leonardi e Sciuto R. per l'Atletico Catania.

ESPULSI: Al 78' Bozzanga per lo SP.Misterbianco per doppia ammonizione

NOTE: Giornata soleggiata, terreno in pessime condizioni. Circa 150 Spettatori.

 (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 18/11/09 - L'Atletico approda ai Quarti di Coppa. L'Atletico Catania in virtù della vittoria per 1 a 0 nella gara di andata si qualifica ai quarti di finale di Coppa Italia Promozione, grazie all'1 - 1 di oggi ottenuto sul difficile campo di Troina. Una gara disputata in maniera quasi perfetta da parte degli uomini di Richichi che hanno rischiato poco e niente. L'Atletico Catania ha gestito bene l'incontro per tutto il primo tempo andando vicino alla marcatura in più di un occasione, ma ad inizio ripresa è l'ennesimo errore arbitrale a penalizzare gli etnei con un rigore concesso ai locali inesistente. L'Atletico Catania sotto di un gol trova il pareggio con Alessio Ventura, abile a raccogliere un cross di Spadaro, saltare l'avversario e scaraventare la palla in rete! Il Troina cede e il risultato di 1 a 1 rimane immutato. A fine gara il Presidente ringrazia tutta la squadra e l'Allenatore Richichi per il passaggio ai Quarti! Adesso gara delicata in campionato contro lo Sp.Misterbianco. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 14/11/09 - L'Atletico Catania pareggia contro l'Atl.Gela. L'Atletico Catania conquista un punto pesantissimo, in trasferta, contro il più quotato Atletico Gela. Quest'oggi gli uomini di Richichi hanno disputato una buona gara, e forse il pareggio sta proprio stretto agli etnei che hanno rischiato di vincere la gara nella ripresa. L'Atletico passa in vantaggio con Spadaro nel primo tempo per poi essere raggiunta sul pari allo scadere della prima frazione. Nella ripresa, come anticipato, è sempre l'Atletico Catania a tenere il pallino del gioco, e va vicino alla marcatura con capitan Tasca che colpisce la traversa. Finisce 1 a 1. Tutto sommato un pareggio importante, conquistato con una forte formazione che naviga nelle zone alte. Adesso la prossima domenica arriva lo Sp.Misterbianco a Zia Lisa. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 08/11/09 - Gravina porta bene ! Vittoria per 3 - 1. Gravina porta bene ! L'Atletico Catania ritrova il "Matteotti" di Gravina dopo circa un anno e mezzo (16 marzo 2008), giorno della promozione, e conquista quest'oggi tre punti pesantissimi contro il Gravina di Vladimiro Caramel (ex centrocampista dell'Atletico Catania in C1). Atletico Catania che ritrova gioco, punti e morale. Superba la prestazione degli undici allenati da Richichi, che hanno praticamente dominato l'incontro dall'inizio alla fine, rischiando di subire ben poco. Il Gravina dal canto suo ha disputato una gara sufficiente, ma la voglia e la fame di vittoria dell'Atletico ha avuto il sopravvento sull'incontro. Atletico Catania schierato col 4-3-3 con Lisi tra i pali, Longhitano, Giuffrida, Leonardi e Scaravilla in difesa, Tasca, Calì e Merola a centrocampo, Passanisi, Ventura e Spadaro in attacco. Il Gravina risponde con Finocchiaro, Ciaccio, Bergamo, Impellizzeri, Trapani , Celso, Coniglione, Montalto, Caponnetto, Bonnici, Daniele. Passano appena 20 secondi e il Gravina va in gol! Calcio d'inizio del Gravina, lancio per Ciaccio che approfitta di un errore di Scaravilla, entra in area e batte Lisi per l'1 a 0! Reazione immediata dell'Atletico Catania, al 2' punizione di Tasca dal limite e pallone deviato in corner da Finocchiaro. Sul seguente corner di Calì, colpo di testa vincente di Leonardi e palla in RETE! Gravina 1 - Atletico Catania 1! L'Atletico tiene bene il campo e al 15' Spadaro ruba palla ai difensori, entra in area ma invece di tirare preferisce servire Ventura, ma il passaggio è impreciso e favorisce il recupero dei difensori. Al 17' ci prova Daniele del Gravina con un tiro dal limite che si perde a fil di palo. Al 25' bella manovra offensiva dell'Atletico Catania, Calì crossa per Passanisi, sfonda per Spadaro e pallone deviato dal Portiere fuori. Al 35' calcio di punizione di Calì da 30 metri, che serve a sorpresa Spadaro che con un pallonetto perfetto beffa Finocchiaro con la palla che colpisce prima la traversa e poi si deposita in RETE! Gravina 1 - Atletico Catania 2! Al 38' ancora Spadaro pericoloso su calcio piazzato, la palla però lambisce il palo. Finisce così il primo tempo. Nella ripresa al 50' Atletico vicino al tris: Spadaro entra in area serve Ventura che colpisce male al volo e la palla si perde di poco a lato. Al 57' Cross di Scaravilla per Passanisi che di testa sfiora il gol, con la palla che esce di un soffio. Entrano per il Gravina Scalia e Sanfilippo al posto di Trapani e Bonnici. L'Atletico invece sostituisce l'infortunato Merola con Wanausek. L'Atletico tiene bene il campo e all'80' Tasca ruba il pallone ai difensori, entra in area e viene steso. L'arbitro non ha dubbi e concede il Penalty ! Dagli undici metri va Spadaro che batte Finocchiaro per il definitivo 1 a 3! Il Gravina ha una timida reazione con una punizione di Sanfilippo deviata in corner da Lisi. All'83' esce l'applaudito Spadaro al suo posto Rosignoli. All'86' esce Longhitano per crampi al suo posto Bonaventura. Il Gravina sostituisce invece Daniele con Barbagallo. L'ultima occasione dell'incontro è di marca atletista: cross dell'instancabile Scaravilla uscita a vuoto del portiere, palla a Wanausek ma il suo tiro viene rimpallato dalla difesa locale. Dopo 4 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine, a gravina l'Atletico batte Gravina 3 a 1. Una prestazione maiuscola da parte dell'Atletico Catania che fino alla fine hanno giocato una gran partita senza mai perdere la bussola. Belle trame di gioco e pochi lanci lunghi. Quest'atletico comincia a prendere forma, grazie al lavoro di mister Richichi che sta lavorando per dare un identità a questa squadra. Proprio il mister Richichi a fine gara dichiara: "Sono contento per il risultato e per la prestazione dei ragazzi. Abbiamo fatto una grande gara. Non era facile recuperare quel gol preso a freddo dopo 30 secondi, invece i ragazzi hanno avuto la forza di pareggiare e di chiudere il primo tempo in vantaggio. Stiamo lavorando per fare bene, per dare un gioco a questa squadra e i risultati cominciano a vedersi". Dall'altra parte è sempre un piacere ritrovare un grande ex, magico centrocampista dei tempi d'oro della C1, Vladimiro Caramel, oggi allenatore del Gravina, che dichiara: "La partita è iniziata bene, siamo stati ingenui nel subire quei gol, che sono nati tutti da nostre disattenzioni. L'Atletico ha comunque giocato una buona gara e aveva sicuramente più voglia di vincere rispetto a noi. E' un peccato per il risultato perchè questa gara potevamo pareggiarla, ma poi abbiamo subito il terzo gol che ha chiuso l'incontro. Su gli obiettivi del Gravina non mi sbilancio, stiamo facendo bene e vedremo a metà campionato a che posizione saremo".

Campionato di Promozione - Gir.D - 10°Giornata - Domenica 8 Novembre

Stadio "Matteotti" - Gravina di Ct - ore 14.30

GRAVINA - ATLETICO CATANIA 1 - 3

GRAVINA: Finocchiaro, Ciaccio, Bergamo, Impellizzeri, Trapani ('58 Scalia), Celso, Coniglione, Montalto, Caponnetto, Bonnici ('68 Sanfilippo), Daniele ('90 Barbagallo). All.V.Caramel. A disp. Catania, Villani, La Ferlita, D'Agostino.

ATLETICO CATANIA: Lisi, Longhitano ('86 Bonaventura), Scaravilla, Merola (66'Wanausek), Leonardi, Giuffrida, Tasca, Spadaro ('83 Rosignoli), Passanisi, Calì, Ventura. All.A.Richichi. A disp. Noto, Fontanot, Grasso, Tricomi.

ARBITRO: Maddocco di Messina (voto 6.5) ASSISTENTI: Spano di Messina e Fazio di Acireale

RETI: 1' Ciaccio (GRAV.), '3 Leonardi, '35 e '80 Spadaro.

NOTE: Circa 100 Spettatori, giornata soleggiata, campo in buone condizioni.

AMMONITI: Coniglione e Montalto per il Gravina. Spadaro, Merola e Leonardi per l'Atletico Catania.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 04/11/09 - Grande vittoria in Coppa. L'Atletico Catania cancella, seppur parzialmente la sconfitta di tre giorni fa col Pachino, andando a vincere tra le mura amiche contro il Troina, gara valevole per gli ottavi di coppa italia promozione. La formazione di Richichi è riuscita a portare a casa una vittoria che serve per il morale e per dimostrare che quell'ultima posizione in campionato non è da Atletico Catania. La gara vista oggi al comunale di "Zia Lisa" non è stata entusiasmante, e giocata a ritmi lenti. Richichi schiera Noto tra i pali, Longhitano, Scaravilla, Leonardi e Sciuto in difesa, a centrocampo Grasso, Merola e Tasca, in avanti Tricomi, Passanisi e Spadaro. La gara comincia a ritmi bassi, e a spezzare il ritmo sono due punizioni dal limite, una per parte, a ridosso della mezzora: la prima per il Troina con palla a fil di palo calciata dall’ex Pagana (allenatore-giocatore degli ospiti), la seconda con un destro a girare che termina alto di poco da parte di capitan Angelo Tasca, schierato per l’occasione in maniera sperimentale in mezzo al campo dal tecnico atletista Richichi. Al 41' punizione dal settore sinistro d’attacco di Spadaro e pallone intercettato al centro dell’area di rigore da Leonardi che insacca per l’1-0!! Atletico Catania 1 - Troina 0! Nella ripresa l'Atletico pensa più a gestire il pallone, e il possesso palla degli etnei non permette agli ennesi di rendersi pericolosi dalle parti di Noto. L'unico brivido arriva all'87 quando Compagnone, con un destro al volo da oltre venti metri colpisce la traversa. Finisce così 1 a 0 per l'Atletico Catania. Gara di ritorno fra 15 giorni al "Silvio Proto" di Troina.

OTTAVI DI FINALE - ANDATA - Coppa Italia Promozione

ATLETICO CATANIA 1 - TROINA 0

ATLETICO CATANIA: Noto, Longhitano, Scaravilla, Merola (70’Fontanot), Leonardi, Sciuto, Grasso, Spadaro, Passanisi (55’Ventura), Tasca, Tricomi (60’Fiume). Allenatore: Richichi. 

TROINA: Terrana, Amata, S.Cantagallo, Giamblanco (72’Farò), Romano, Lo Presti, Compagnone, Timpanaro, Vitale, Pagana, Ruggeri. Allenatore: Pagana.

ARBITRO: Petruzzelli di Siracusa, assistenti: Di Stefano di Siracusa e Peluso di Ragusa

RETE: 41’ Leonardi

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 01/11/09 - Sconfitta di misura col Pachino. L'Atletico Catania esce sconfitto dall'incontro casalingo contro il Pachino e sprofonda in ultima posizione in classifica condivisa con il Canicattini a 6 punti. L'Atletico Catania visto oggi è la brutta copia di 7 giorni fa, vittoriosa a Grammichele. La squadra ha disputato una buona mezz'ora di gioco nel primo tempo per poi subire una rete in contropiede allo scadere del primo tempo, per altro in fuori gioco non ravvisato dal guardialinee. Nella ripresa la squadra non ha creato azioni limpide, e il Pachino chiuso in difesa è riuscito a vincere l'incontro. C'è ancora comunque tanto da lavorare per mister Richichi, che già da domani preparerà la difficile partita di coppa contro il Troina dell'ex Peppe Pagana. Ma andiamo alla partita: L'Atletico Catania schierato da Richichi prevede un 4-3-3 con Lisi tra i pali, in difesa Giuffrida, Tasca, Giuffrida e Scaravilla, a centrocampo Calì, Merola e Messina, in avanti Spadaro e Wanausek a supporto di Ventura. Il Pachino risponde con Caruso, La Ciura, Cultrera, Maltese M., Cucciardo, Salerno, Iacono, Micieli, Sirugo , Incatasciato, Maltese V.. L'Atletico parte subito bene e già al 5' va vicino al gol con un gran tiro di Spadaro dal limite, deviato da Caruso, la palla arriva sulla sinistra per Calì che crossa in mezzo per l'accorrente Ventura che a botta sicura colpisce la traversa!! Al 9' lancio dalle retrovie per il Pachino, la palla arriva a Iacono che tira al volo da dentro l'area di rigore ma la palla si perde alta sopra la traversa. al 17' affondo sulla destra di Giuffrida che crossa al centro area per Ventura, ma il suo colpo di testa viene deviato in corner dal portiere. Al 24' azione tutta di prima del Pachino, rapidissimo nei contropiede, Iacono serve Sirugo che solo davanti a Lisi spara un tiro al volo che si perde alto sopra la traversa. Al 25' ci prova Ventura dalla distanza ma il suo tiro viene parato senza problemi da Caruso. Al 29' sugli sviluppi di un corner del Pachino, mischia in area e Incatasciato solo davanti a Lisi spedisce il pallone di poco alto. Al 30' Azione solitaria di Spadaro che penetra in area e viene atterrato! Per l'arbitro non è rigore e lascia proseguire. Al 43' ci prova ancora Incatasciato per il Pachino, con un tiro dal limite dell'area che si perde di poco a lato. Al 46', nel primo minuto di recupero, Iacono lancia Sirugo, in netta posizione di Fuorigioco, il Guardialinee non segnala l'irregolarità, Sirugo si invola verso la porta e batte Lisi per lo 0 a 1! Finisce così il primo tempo Atletico Catania 0 - Pachino 1. Nella ripresa ti aspetti un Atletico Catania più reattivo, ma così non è. Al 54' Cross di Wanausek e tiro al volo di Spadaro alto. Il Pachino contiene gli Etnei e le uniche note degne di nota sono le sostituzioni, al 65' esce Merola per Rosignoli. Al 67' Messina per Grasso, mentre il Pachino sostituisce Maltese V. con Salemi e all'81' Sirugo con Malandrino. All'83' punizione da 30 metri per l'Atletico Catania, il tiro di Rosignoli si perde altro sopra la traversa. All'86' Lisi sbaglia il rinvio servendo Iacono che però ha troppa fretta di tirare e tira a lato. Finisce la partita dopo 5 minuti di recupero. L'Atletico Catania esce sconfitto per 1 a 0. Sconfitta arrivata per gli ennesimi errori arbitrali, che domenica per domenica condizionano le partite in maniera esagerata. Un fuorigioco di almeno 2 metri non visto dal guardialinee ha penalizzato l'Atletico Catania che per alcuni frangenti avrebbe meritato il pareggio. Le due squadre non hanno espresso un bel calcio, creando poco, specie nel secondo tempo, ma alla fine la squadra a portare a casa i tre punti è il Pachino autore dell'unica rete dell'incontro.

9° Giornata - Campionato di Promozione gir.D

ATLETICO CATANIA: Lisi, Giuffrida, Scaravilla, Calì, Sciuto, Tasca, Messina (67'Grasso), Spadaro, Ventura, Merola (65' Rosignoli), Wanausek. All.Richichi. A disp.: Sciuto M., Leonardi, Fontanot, Coppa, Tricomi.

PACHINO: Caruso, La Ciura, Cultrera, Maltese M., Cucciardo, Salerno, Iacono, Micieli, Sirugo ('82 Malandrino), Incatasciato, Maltese V. ('67 Salemi). All.Monaca. A disp.: De luca, Maltese A., Cuccia, Porzio.

ARBITRO: Trischitta (Messina) (voto 5.5)

ASSISTENTI: Pirri e Fazio (Barcellona Pozzo di Gotto) (voto 4)

RETI: 45' Sirugo

AMMONITI: Maltese M. per il Pachino, Merola e Sciuto R. per l'Atl.Catania

NOTE: Manto erboso in brutte condizioni, circa 100 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 25/10/09 - La cura Richichi funziona ! 1 - 2 a Grammichele. La cura Richichi funziona eccome, l'Atletico Catania con il cambio allenatore centra subito la vittoria, la prima in campionato, e lo fa sul difficile campo di Grammichele. Atletico Catania che raggiunge quota 6 in classifica e può finalmente tirare un sospiro di sollievo, anche se la situazione non è ancora delle migliori. Atletico rivoluzionato dal nuovo modulo proposto da Richichi, con un 4-3-3 trasformato poi in partita in 3-4-3 in fase offensiva, e 4-5-1 in fase difensiva, con Passanisi e Spadaro sacrificati ad un lavoro super. Un modulo che rispolvera i vecchi tempi della C1 con allenatore Cadregari. Per il resto l'Atletico Catania ha condotto una partita ordinata, rischiando poco, forse i pericoli maggiori arrivano dalla terna arbitrale che ne combina di cotte e di crude in campo, prima annullando un gol regolare a Passanisi nel primo tempo, poi espellendo sempre Passanisi per un battibecco innocuo con un avversario. Davvero pessima la prova del Sig. Russo di Catania. Ma andiamo alla gara, l'Atletico Catania come detto prima scende in campo con un 4-3-3 con Lisi tra i pali, in difesa Giuffrida, Tasca, Sciuto e Scaravilla, a centrocampo Calì, Messina e Wanausek, in avanti Spadaro, Ventura e Passanisi. Il Grammichele risponde con Scirè, De Maria, Vicino, Scimonetti, Monteleone, Guarino, Giacuinta, Malizia, Mazzullo, Airò, Attaguile. Pronti via ed è subito Atletico: all'8' lancio per Ventura che anticipa il difensore di testa, entra in area, serve di piatto l'accorrente Spadaro che scaraventa la palla in rete!!! Grammichele 0 - Atletico Catania 1! Le due squadre lottano a centrocampo e per vedere il primo tiro in porta dei padroni di casa dobbiamo attendere il 26' con Mazzullo che da posizione defilata spara alto. Al 27' ci prova dalla distanza Spadaro, ma il suo tiro viene bloccato senza problemi da Scirè. Al 28' cross dalla destra di Wanausek e colpo di testa in corsa di Passanisi, palla di poco fuori! Al 30' calcio di punizione dal limite di Calì, che pennella un cross per la testa di Passanisi che butta in rete! Il guardialinee però annulla la rete per fuorigioco. Un fuorigioco inesistente perchè Passanisi anticipa da dietro l'avversario segnando un gol regolare. Al 32' altra punizione dal limite dell'area, stavolta batte Tasca che a sorpresa serve Calì che lascia partire un tiro che si stampa sulla Traversa! Atletico Catania vicino al secondo gol! Al 44' Grammichele vicino al gol, azione convulsa in area Atletista, alla fine Attaguile colpisce di testa, ma il pallone si stampa prima sulla traversa e poi viene salvato sulla linea da Giuffrida. Finisce il primo tempo. Grammichele 0 - Atletico Catania 1. Nella ripresa per il Grammichele entra in campo Pardo al 51' al posto di Malizia. Al 53' battibecco verbale tra Passanisi e un avversario, l'arbitro si avvicina all'attaccante etneo e lo espelle tra lo stupore di tutti! Al 56' lancio dalle retrovie per Ventura che va ad involarsi verso la porta ma viene atterrato appena fuori area da Monteleone, fallo da ultimo uomo ed espulsione! Sul conseguente calcio di punizione va sul pallone Tasca, che disegna una traiettoria imprendibile per il portire! E palla in rete! Grammichele 0 - Atletico Catania 2! Al 59' reazione dei locali con un bel tiro di Giacuinta, ma è altrettanto bella la risposta di Lisi che devia in corner. Per il Grammichele esce Mazzullo al suo posto Lanza.Mentre l'Atletico sostituisce Spadaro con Rosignoli. Al 63' calcio di punizione di Calì, Scirè ci mette una pezza deviando il pallone coi pugni. Al 67' si riapre la partita, corner del Grammichele e Scimonetti di testa anticipa tutti e segna l'1 a 2! Adesso i locali ci provano ma i pericoli maggiori li creano sui calci piazzati. Al 73' punizione dal limite di Vicino e palla di poco a lato. Al 76' punizione di Airò e tutto solo Attaguile fallisce il pareggio a due passi da Lisi. All'83' il Grammichele sostituisce Airò per Palma, ma il risultato rimane immutato, anche dopo i 4 minuti di recupero. Atletico Catania batte Grammichele 2 a 1! Una squadra che ha ben impressionato, quella dell'Atletico Catania, che finalmente concretizza le azioni create. Soprattutto nel primo tempo è piaciuto l'atteggiamento e la voglia di fare bene. Una vittoria che rappresenta un passo in avanti che servirà alla squadra di Richichi come iniettore di fiducia per le prossime gare. Proprio a fine gara mister Richichi dichiara: "Abbiamo portato a casa una vittoria importante, sia per i ragazzi, per la società e per me stesso. I ragazzi sono stati grandi, dal primo all'ultimo, hanno fatto una grande prova. Adesso speriamo di dare continuità a questi risultati e risalire la china. Questa che affronteremo adesso sarà una settimana importante, piena di lavoro, che servirà a me per conoscere meglio i ragazzi". Intervistato anche l'Allenatore del Grammichele Guarino: " Questa di oggi è stata la più brutta partita disputata dal Grammichele, fino ad oggi ce la siamo giocata con tutte le squadre, ma purtroppo oggi è andata male. Ho trovato di fronte una grande squadra che ci ha messo sotto ed è arrivata la sconfitta. Sugli obiettivi del Grammichele, noi puntiamo alla salvezza, anche se le ultime prestazioni ci avevano dato qualche speranza per ambire a qualcosa di più. Oggi era preventivato un pareggio, purtroppo è arrivata la sconfitta".

8° Giornata - Campionato di Promozione gir.D

NUONA AQUILA GRAMMICHELE: Scirè, De Maria, Vicino, Scimonetti, Monteleone, Guarino, Giacuinta, Malizia ('51 Pardo), Mazzullo ('60 Lanza), Airò ('83 Palma), Attaguile. All.Guarino. A disp: Occhipinti, Miseremini, Sanalitro, Manduca.

ATLETICO CATANIA: Lisi, Giuffrida, Scaravilla, Calì, Sciuto, Tasca, Messina, Spadaro ('61 Rosignoli), Ventura, Wanausek, Passanisi. All.A.Richichi. A disp: Sciuto M., Tricomi, Fontanot, Coppa, Fiume, Castorina.

ARBITRO: Russo di Catania (voto 4), assistito da Tasca (SR) e Iachipino (RG)

RETI: 8' Spadaro, 63' Tasca, 67'Scimonetti (N.A.Gramm.)

Ammoniti: Sciuto, Scaravilla, Giuffrida per l'Atl.Catania, Giacuinta e Attaguile per N.A.Grammichele

Espulsi: Passanisi al 53' per presunte proteste (atl.ct) e Monteleone (N.A.Gramm.) per fallo da ultimo uomo al 63'.

Note: Circa 100 spettatori, terreno in pessime condizioni, giornata parzialmente nuvolosa.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 23/10/09 - Richichi: "Onorato di essere qui !". Dopo il comunicato ufficiale della società arrivano le prime parole del neo-allenatore atletista Antonio Richichi. Intervistato dall'Addetto Stampa, il giovane allenatore, si dichiara pronto a questa nuova avventura, promettendo impegno e risultati: Buonasera mister, innanzi tutto complimenti per il nuovo incarico. Da ieri è ufficialmente l'Allenatore dell'Atletico Catania, rileva mister Contarino e prende in mano una squadra in una situazione delicata. "Grazie, sono davvero onorato di esser diventato l'Allenatore di questa grande squadra, arrivo all'Atletico in una situazione non proprio felice, mi dispiace per l'esonero di Mister Contarino, purtroppo quando non arrivano i risultati paga sempre l'allenatore, il calcio è questo e va accettato. Con la squadra abbiamo cominciato a lavorare da ieri e domenica avremo già un importante incontro". Domenica si va a Grammichele, squadra tosta e in netta ripresa.. "Si andiamo a Grammichele con la consapevolezza di fare bene, dovrò inventare il centrocampo avendo Merola squalificato, staremo a vedere. sicuramente andremo li per vincere l'incontro". Ha avuto modo in questi due giorni di vedere la squadra all'opera, si è fatto un idea o è ancora troppo presto? "Devo dire che ho a disposizione un'ottima squadra, ritrovo Calì e Sciuto, che ho allenato lo scorso anno a linguaglossa, e poi conosco il potenziale calcistico di altri giocatori, quali Ventura, Tasca, Passanisi, Spadaro, Merola, Noto e altri.. Inoltre abbiamo a disposizione anche una varietà di giovani interessanti, con una Juniores fortissima allenata da un grande allenatore, Mario Pulvirenti. Quale pensa sia il modulo da applicare a questa squadra e qual'è il modulo che preferisce attuare? "Io gioco con il 4-3-3 e credo che questo sia il modulo che più si addice a questa squadra. I giocatori per applicarlo ci sono e credo che domenica proporrò questo modulo". Prima ha anticipato di aver allenato il Linguaglossa lo scorso anno.. "Si ho allenato il Linguaglossa lo scorso anno, ed è stata la mia prima esperienza da allenatore. Lo scorso anno abbiamo conquistato una salvezza tranquilla, con 44 punti, avendo a mia disposizione una rosa prevalentemente di giovani. Quindi una salvezza dal doppio sapore". E adesso all'atletico per raggiungere cosa? "All'Atletico innanzi tutto per uscire da questa situzione drammatica, e poi una volta fuori vedere se possiamo andare oltre. Da parte mia c'è tanto entusiasmo e ripeto di essere onorato di essere qui". Che rapporto ha con la società e come le è parsa? "Mi hanno chiamato per venire a sostituire mister Contarino, e io non ho tardato ad accettare l'offerta. Devo dire che la società è molto organizzata, in Promozione non esistono società di questo livello con questa organizzazione. Ci sono tutti i ruoli societari coperti, e questa società non ha niente da invidiare a società professionistiche. Questa società è un lusso per la Promozione. Per concludere speriamo di regalare un sorriso già da domenica portando a casa punti da Grammichele".  

LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI HA DIRAMATO GLI ACCOPPIAMENTI PER LE GARE DI COPPA ITALIA PROMOZIONE, VALEVOLI PER GLI OTTAVI DI FINALE. L'ATLETICO CATANIA INCONTRERA' GIORNO 4 NOVEMBRE IL TROINA TRA LE MURA AMICHE, MENTRE IL RITORNO VERRA DISPUTATO A TROINA IL 18 NOVEMBRE.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 22/10/09 - L'Atletico Cambia Allenatore, arriva Richichi. L'Atletico Catania comunica di aver interrotto consensualmente il rapporto con mister Alfio Contarino per la guida tecnica della squadra. La società ringrazia l'operato dell'allenatore, nei due anni trascorsi, augurandogli le migliori fortune. L'Atletico Catania annuncia che il nuovo allenatore dell'Atletico Catania sarà Antonio Richichi, ex Linguaglossa, che fin da oggi dirigerà il primo allenamento ufficiale. Domani la presentazione ufficiale sul sito alteticocatania.it.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 21/10/09 - Un Pareggio che muove la Classifica. L'Atletico Catania non riesce a vincere, è questo il monologo che tormenta in questi giorni tutto l'ambiente atletista. Neppure oggi contro il Comiso si è riuscito a portare a casa i tre punti, raccogliendo suo malgrado un punto che muove parzialmente la classifica. Atletico Catania e Comiso non hanno di certo dato spettacolo, l'unico spettacolo lo da il sig. Mirrione di Barcellona Pozzo di Gotto che non concede un rigore netto ai locali nel primo tempo ed espelle Merola per doppia ammonizione nella ripresa per una simulazione di Pitino. Nonostante quest'ultimo abbia anche ammesso di aver simulato, l'arbitro è stato irremovibile nella sua decisione. L'Atletico Catania schiera Lisi in porta, Giuffrida, Sciuto R., Tasca e Scaravilla in difesa, Grasso, Merola, Calì e Rosignoli a centrocampo, Ventura e Passanisi in attacco. La gara non offre emozioni, per la prima nota, come detto, si deve aspettare il 37' quando Ventura lanciato a rete viene atterrato da Annese in area di rigore, rigore netto non concesso! La ripresa continua sulla falsa riga del primo tempo e al 63' come già detto viene espulso Merola per doppia ammonizione. L'Atletico Catania nonostante l'inferiorità numerica gestisce bene l'incontro, e al triplice fischio il punteggio rimane sullo 0 a 0. Adesso domenica difficile trasferta a Grammichele, squadra in ripresa, obbligatoria sembra la vittoria! C

VII GIORNATA - Mercoledì 21 Ottobre 2009 - Campionato di Promozione

ATLETICO CATANIA: Lisi, Giuffrida, Scaravilla, Grasso (74’ Messina), Sciuto, Tasca, Rosignoli (46’ Spadaro), Merola, Passanisi (81’ Wanausek), Calì, Ventura. All. Mirabella.
 

COMISO: Annese, Nicoletti, Guastella (76’ Famà), Cassibba, Milazzo, Pitino, Salvo (58’ Brugaletta M.), Tumino, Cinnirbella (72’ Satta), Gurrieri, Brugaletta G.. All.: Borgese.
 

Arbitro: Mirrione di Barcellona Pozzo di Gotto.

Note: Espulso Merola al 63’

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 18/10/09 - Continua la crisi, sconfitta per 3 - 1 ad Avola. Piove sul bagnato sull'Atletico Catania che esce sconfitto per 3 reti ad 1 dal "Di Pasquale" di avola. Per l'Atletico Catania dopo una settimana di turbolenze arriva un altra sconfitta ed adesso la situazione è davvero drammatica. Due punti in 6 partite, un cammino da retrocessione, e quarta sconfitta consecutiva. Adesso in casa atletista si respira aria pesante e il prossimo a farne le spese potrebbe essere mister Contarino, messo già in dubbio domenica scorsa dalla società. Si aspetteranno risvolti in settimana. Per la cronaca, l'Atletico Catania scende in campo con Noto tra i pali, Longhitano, Tasca, Sciuto R. e Fontanot in difesa, Fiume, Calì, Wanausek e Scaravilla a centrocampo, Spadaro e Ventura in attacco. L'Atletico gestisce bene l'incontro e concede poco agli avversari. A passare in vantaggio è però l'Avola, causa di un errore difensivo di Fontanot che serve sbadatamente Intagliata che salta Noto e deposita in rete, sul finire del promo tempo. A inizio ripresa è l'Atletico che entra più pimpante in campo e pareggi i conti con Ventura, con un gran tiro al volo su assist di Ventura. L'Avola non sta a guardare e reagisce trovando l'imminente vantaggio a metà ripresa, con una magistrale punizione dal limite calciata da Maieli. Il 3 a 1 definitivo arriva nel recupero con un calcio di rigore battuto da Intagliata che batte Noto per il definitivo 3 a 1.

VI GIORNATA - Domenica 18 Ottobre 2009 - Campionato di Promozione

REAL AVOLA: Randazzo, Scarso, Randazzo, Vezzosi, Marziano, Ricca, Maieli, Ferro, Miraglia, Intagliata, Buccheri. All. De Leo. A disp.: La Marca, Catania, Delotti, Rametta, Genovese, Garbene, Pisano.

ATLETICO CATANIA: Noto, Longhitano, Fontanot, Scaravilla, Sciuto, Tasca, Fiume, Spadaro, Wanausek, Calì, Ventura. All.A.Contarino. A disp.: Lisi, Rosignoli, Tricomi, Merola, Bonaventura, Grasso, Passanisi.

RETI: Intagliata, Ventura (Atl.Ct), Maieli, Intagliata (rig.)

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 14/10/09 - L'Atletico Catania accede agli 8° di finale di Coppa Italia. L'Atletico Ct. elimina dalla Coppa Italia "l'ambiziosa" Spar Puntese del patron Sebastiano Scuto (gruppo Despar), presente oggi al comunale di Zia Lisa. La formazione atletista, forte del 2 - 0 della gara di andata a Pedara, ha controllato facilmente l'incontro senza rischiare nulla, anzi in più di una occasione poteva andare a rete. Ottenuta la qualificazione, in casa atletista si pensa già al campionato e alla trasferta di domenica ad Avola.

 11/10/09 - Un altra sconfitta, adesso è crisi di risultati. L'Atletico Catania esce dal campo tra le polemiche e i fischi del pubblico per una prestazione, se così si può definire, davvero mediocre. Una squadra discontinua nel rendimento, che alterna sprazzi di buon gioco e prestazioni anonime. La classifica si fa più pesante dopo sei turni di campionato e i punti raccolti sono appena 2, frutto di due pareggi e 3 sconfitte. Un avvio di campionato troppo a rilento che non premia i sacrifici della dirigenza per gli acquisti effettuati nella Rosa. Una prestazione quella contro il Frigintini dove bisogna salvare solo la prima mezz'ora con l'Atletico Catania dominatore del campo, per poi calare incredibilmente nel piano del gioco e subire due reti nel giro di quattro minuti. Un Frigintini dall'altra parte che è venuto a Catania per portare a casa qualche punto, riuscendoci pienamente, e centrando una vittoria insperata. L'Atletico Catania visto oggi scendeva in campo con Lisi tra i pali, in difesa Longhitano, Tasca, Sciuto e Castorina, a centrocampo Wanausek, Merola, Calì e Spadaro, in avanti Ventura e Passanisi. Il Frigintini risponde con Giurdanella, Petriglieri, Sarta, Maltese, Zocco, Bonomo, Scollo, Scarso, Empolo, Occhipinti, Sabellini. Arbitra l'incontro il sig. Spadaro di Messina, assisito da Ronsivalle (Acireale) e Sorace (Ct). Parte subito bene l'Atletico che al 2' va vicino al gol con Wanausek, il suo tiro al volo però su cross di Ventura viene deviato in corner dalla difesa ospite. All'8 corner di Calì, colpo di testa di Ventura e palla che si insacca all'angolino destro! GOL! Atletico Catania 1 - Frigintini 0. All'11 lancio per Passanisi dalle retrovie, quest'ultimo salta un avversario in area, passa a Spadaro che al volo tira alto sopra la traversa. Al 13' affondo di Wanausek sulla destra che crossa per Merola che prova il tiro al volo, palla alta sopra la traversa. Al 35' prima azione del Frigintini: lancio dalle retrovie per Empolo che salta l'uomo in area e batte Lisi facilmente. Atletico Catania 1 - Frigintini 1. Al 37' ancora Frigintini pericoloso con un corner di Occhipinti che pesca in area Scarso, ma il suo colpo di testa viene respinto dalla difesa locale. Al 39' tiro-cross di Sabellini dalla sinistra, e tocco in area di Occhipinti con la palla che finisce in rete! Atletico Catania 1 - Frigintini 2. Passa un minuto e Ventura lanciato a rete viene clamorosamente placcato in area di rigore, davanti al portiere, l'arbitro non vede e lascia proseguire clamorosamente. Finisce così il primo tempo: 1 - 2. Nella ripresa il Frigintini sostituisce Sarta con Caruso. Al 52' calcio di punizione di Spadaro, palla a lato di poco. Per il Frigintini esce al 55' Occhipinti per Giannone. Al 65' Esce Merola per Rosignoli. Al 72' ancora l'arbitro protagonista dell'incontro: Ventura entra in area e crossa un pallone dalla destra stoppato con braccio dal Petriglieri, l'arbitro non concede nemmeno stavolta il calcio di rigore e lascia proseguire. Esce Scarso entra Spadaro per il Frigintini e Messina per l'Atletico Catania al posto di Longhitano (infortunato). Al 78' tiro dal limite di Rosignoli parato da Giurdanella senza problemi. All'81 punizione dal limite di Rosignoli e palla che sfiora l'incrocio. Il Frigintini si difende bene e dopo 4 minuti di recupero può festeggiare la seconda vittoria consecutiva in campionato. A fine gara dura contestazione dei tifosi alla squadra, per lo scarso impegno messo in campo e per la serie di risultati negativi. Adesso è l'ora di svegliarsi !

5° Giornata - Campionato di Promozione gir. D

ATLETICO CATANIA: Lisi, Longhitano (75' Messina), Castorina (85' Fiume), Spadaro, Tasca, Sciuto, Wanausek, Merola (65' Rosignoli), Passanisi, Calì, Ventura. All. L.Mirabella. A disp.: Noto, Coppa, Grasso, Tricomi.

FRIGINTINI: Giurdanella, Petriglieri, Sarta (46' Caruso), Maltese, Zocco, Bonomo, Scollo, Scarso (72' Spadaro), Empolo, Occhipinti (55' Giannone), Sabellini. All. Battaglia. A disp.: Fede, Modica, Rizza, Leone.

ARBITRO: Spadaro di Messina (voto 4), Assistenti: Ronsivalle (Acireale) - Sorace (CT)

RETI: 8' Ventura (Atl.Ct), 35'Empolo, 39'Occhipinti.

NOTE: Giornata parzialmente nuvolosa, manto erboso in cattive condizioni, circa 100 spettatori.

AMMONITI: Calì e Rosignoli per l'Atletico Catania, Occhipinti per il Frigintini.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 04/10/09 - Un Atletico a doppia faccia perde 2 - 0 a S.Croce Camerina. Un Atletico dai due volti esce sconfitto dal "Comunale" di S.Croce per 2 a 0. Atletico Catania travolgente nel primo tempo e inguardabile nel secondo, che subisce due reti fotocopia, causa due errori difensivi. Il S.Croce dal canto suo ha disputato una gara senza fama e senza lode, stanchi forse dall'impegno di coppa di mercoledi scorso, ma che con tenacia hanno portato a casa i tre punti. A condizionare la gara è stato pure il mal tempo, infatti un violento acquazzone si è abbattuto sul terreno di gioco dal 40' del primo tempo, rendendo il campo al limite della praticabilità. Per la cronaca il S.Croce schiera Scifo G., Guarino, Basile, Iurato, Boncompagni, D'Iapico, Guastella, D'Agosta D., D'Agosta F., Rizzo, Romeo. L'Allenatore è Corrado Alì. L'Atletico risponde con Noto tra i pali, in difesa Castorina, Sciuto, Tasca e Giuffrida, a centrocampo Scaravilla, Wanausek, Calì e Fiume, in avanti il tandem Ventura - Spadaro. In panchina la squadra è guidata da Lorenzo Mirabella, che sostituisce mister Contarino momentaneamente squalificato. Atletico Catania che parte subito a mille ed al 4' va subito vicino alla marcatura con Fiume, servito da un rimpallo sporco di Ventura, ma il suo tiro dal limite finisce alto. All' 8' Ventura lanciato a rete viene anticipato dal portiere, la palla arriva a Fiume che invece del pallonetto tenta la conclusione di potenza, palla alta! Al 9' ci prova Wanausek da 25 metri, ma il portiere respinge coi pugni. Ancora Atletico Catania e stavolta è Spadaro a rendersi pericoloso con un tiro dalla distanza ben parato da Scifo. Al 18' Ventura serve in area Spadaro che colpisce al volo, ma Scifo si esalta e respinge con i pugni. Al 35' ripartenza dell'Atletico Catania con Fiume che porta avanti palla, serve Spadaro che tutto solo si fa anticipare dal portiere in uscita. Al 40' ci riprova ancora Spadaro dalla distanza ma il portiere devia in corner. Al 42' in uno scontro Romeo si accascia a terra, i giocatori atletisti invocano gli avversari di buttar fuori il pallone, ma D'Agosta D. approfittando della situazione tira in porta con la conseguente parata di Noto. Quest'ultimo esce dai pali e spintona l'autore del tiro, reo di non aver interrotto l'azione con un compagno di squadra a terra. L'arbitro su segnalazione del guardalinee ammonisce Noto per lo spintone, ma resta comunque la poca sportività della squadra del S.Croce. Finisce così il primo tempo, S.Croce 0 - Atletico Catania 0. La ripresa si apre con un violento acquazzone che si abbatte sul campo, pioggia che appesantisce il terreno e lo rende più scivoloso. Inizia bene la ripresa il S.Croce che con Romeo va alla conclusione, ma la palla finisce alta. Al 50' ancora S.Croce in avanti con Guastella che fallisce la rete a porta vuota su perfetto cross di Rizzo. Al 56' esce Giuffrida per infortunio, al suo posto entra Rosignoli. Al 57' dormita generale della difesa atletista che lascia solo D'Agosta F., quest'ultimo entra in area salta Noto e deposita la palla in rete per l'1 a 0! S.Croce in vantaggio! L'Atletico Catania reagisce con una punizione dal limite di Tasca deviata in corner dalla barriera. Al 61' ci prova Scaravilla dalla distanza ma il suo tiro si perde alto sopra la traversa. Al 65' esce Scaravilla entra Tricomi. Al 70' D'Agosta F. si invola nuovamente verso Noto, ma stavolta l'estremo difensore riesce a strappare il pallone dai piedi dell'attaccante scampando il pericolo. Al 76' esce Spadaro, al suo posto Passanisi. Il S.Croce sostituisce Guastella con Scifo S.. Al 79' S.Croce vicino al raddoppio con Scifo S. servito da Romeo, ma il suo tiro a porta vuota si perde a lato. All'80 un tiro-cross di Romeo viene deviato da Tasca, con la palla che colpisce il palo. All'88 rinvio del portiere Scifo, Sciuto si lascia scappare Rizzo che si invola verso la porta e batte Noto per il 2 a 0 che chiude l'incontro. C'è solo spazio per due sostituzioni del S.Croce al 90', entrano Vicari e Burrometo al posto di Romeo e D'Agosta F.. Dopo 3 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine. Una gara dal doppio volto per l'Atletico Catania che non ha concesso nulla agli avversari nel primo tempo, creando 3-4 palle gol limpide, per poi subire una metamorfosi nel secondo tempo, squadra lunga e priva di gioco. A fine gara intervistato l'Allenatore del S.Croce Corrado Alì che analizza l'incotro così: "Un primo tempo dove l'Atletico Catania è stato più aggressivo di noi, arrivavano sempre prima sul pallone, non ci hanno fatto giocare, una squadra compatta che ci ha creato non pochi problemi. Nella ripresa ho cambiato modulo, aggiungendo un centrocampista e la partita è cambiata, siamo stati più bravi, più incisivi e abbiamo trovato il gol a inizio ripresa, per poi chiudere il discorso nel finale. Abbiamo disputato una gara comunque sufficiente anche perchè venivamo da una partita di coppa dove abbiamo sprecato tante energie. Sul futuro del S.Croce non abbiamo un obiettivo fisso, valuteremo dove possiamo arrivare quando avrò tutti i giocatori a disposizione, abbiamo tanti infortunati e sto aspettando che rientrino per vedere se questo S.Croce può lottare per i posti alti" Al mister Alì risponde il difensore atletista Seby Giuffrida uscito al 56' del secondo tempo per infortunio: " mi dispiace per aver lasciato la squadra a inizio ripresa, ci dispiace per questa sconfitta maturata così, per quello che avevamo fatto nel primo tempo non meritavamo di perdere. In questo periodo in campionato non ne va bene una, stiamo attraversando un momento difficile e speriamo di tirarci fuori al più presto. Sui due gol subiti la difesa ha più di una responsabilità, sono nate da due disattenzioni, spero che riusciremo a colmare questo gap. A parer mio oggi abbiamo giocato alla pari contro una squadra che lotta per la promozione, e l'Atletico ha le carte in regola per giocarsela per i primi cinque posti, ma è pur vero che per arrivarci dobbiamo vincere".

4° Giornata - Campionato di Promozione

S.CROCE: Scifo G., Guarino, Basile, Iurato, Boncompagni, D'Iapico, Guastella ('73 Scifo S.), D'Agosta D., D'Agosta F. ('90 Burrometo), Rizzo, Romeo ('89 Vicari). All. C. Alì. A disposizione: Di Giacomo A., Fazio, Di Giacomo A., Zisa.

ATLETICO CATANIA: Noto, Giuffrida ('56 Rosignoli), Castorina, Scaravilla ('65 Tricomi), Tasca, Sciuto, Fiume, Spadaro ('71 Passanisi), Wanausek, Calì, Ventura. All. L. Mirabella. A disposizione: Lisi, Fontanot, Merola, Messina.

ARBITRO: Saggio di Siracusa (6.5), Assistito da Nardo (CL) e Ensabella (EN)

RETI: '57 D'Agosta F., '88 Rizzo.

AMMONITI: Noto e Spadaro per l'Atletico Catania, Iurato per il S.Croce.

NOTE: Manto erboso in buone condizioni, appesantito dalla forte pioggia abbattuta nel secondo tempo. Circa 50 spettatori negli spalti.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 30/09/09 - L'Atletico rinasce a Pedara contro la Spar 0 - 2. L'Atletico Catania riesce a schiacciare via la brutta prestazione di domenica contro la Ragazzini Generali e lo fa nel migliore dei modi: 2 a 0 in coppa contro la Spar Puntese. Un incontro ricco di occasioni ma soprattutto che ha visto come protagonista principale l'Atletico Catania per gioco espresso e occasioni da gol. Ma andiamo alla cronaca: Inizia bene la Spar che 19’ con un lancio di Di Rienzo per Piuma, supera Wanausek ma trova un grande Noto pronto a distendersi e chiudere l’angolo basso. L'Atletico spinge sull'acceleratore e crea non pochi pericoli per l'estremo difensore Cantarella. Al 40' cross dell'appena entrato Fiume, la palla viene intercettata col braccio da Anastasi, per l'arbitro non ci sono dubbi, è calcio di Rigore. Dal dischetto va Ventura che sigla lo 0 a 1. Passano pochi secondi e ancora Fiume a servire Ventura in area, ma il suo diagonale viene parato dal portiere. La Spar si affida alle giocate di Ardizzone, ma non producono pericoli per la retroguardia atletista. Nella ripresa al 20' cross di Castorina, sfonda di Passanisi per Ventura che di prima intenzione scaraventa la palla in rete! Spar 0 - Atletico Catania 2. Al 60' doppia ammonizione di Merola che viene espulso. La gara però viene gestita in maniera brillante dagli uomini di mister Contarino che al triplice fischio dell'arbitro portano a casa questa brillante vittoria.

Sedicesimi di Finale di Coppa Italia Promozione (Andata)

SPAR: Cantarella, Scuto (54’Infantino), Gabriele Di Benedetto (64’Messina), Principato, Di Rienzo, Anastasi, Castro, Fassari, Ardizzone, Piuma, Arena (52’Russo). Allenatore: Anastasi.

ATLETICO CT: Noto, Wanausek, Castorina, Scaravilla, Giuffrida, Sciuto, Grasso (30’Fiume), Merola, Passanisi (77’Rosignoli), Calì, Ventura (70’Fontanot). Allenatore: Contarino.

ARBITRO: La Vaccara di Acireale. ASSISTENTI: Gerbino e Bruno di Acireale.

RETI: 45’ (rig.) e 67’Ventura

NOTE: Espulso Merola per doppia ammonizione al 60’, ammoniti G.Di Benedetto, Principato, Ardizzone, Anastasi per la Spar. Giuffrida e Calì per l’Atletico Catania.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 27/09/09 - Tre sberle della Ragazzini, Atletico affondato. L'Atletico Catania esce sconfitto meritatamente dal campo quest'oggi per 3 reti a 1 contro una Ragazzini Generali che si è dimostrata in gran forma e che ha confermato il primo posto in classifica. Atletico Catania irriconoscibile per 90 minuti, privo di gioco e troppo generoso a concedere ed a regalare palloni su palloni agli avversari. Dal canto suo la Ragazzini ha dimostrato di essere squadra compatta in tutte le zone del campo e saper concretizzare quelle occasioni che Miceli e compagni creano per il reparto offensivo. Ennesima prestazione deludente della terna arbitrale, assolutamente non all'altezza di arbitrare un incontro di Promozione, falli a favore dell'Atletico non assegnati, fuorigiochi inesistenti, e calci di rigore non dati. Ma andiamo alla cronaca della partita: l'Atletico schiera un 4-4-2 con Noto tra i pali, Giuffrida, Tasca, Leonardi e Castorina in difesa, a centrocampo Fiume, Merola, Wanausek e Scaravilla, in avanti Passanisi e Spadaro. La Ragazzini Generali risponde con Vitali, Iannone, La Monica, Nicotra, Torrisi, Bonelli, Nicolosi, Signorelli , Costanzo, Miceli e Carnibella. Avvio a rilento, per il primo tiro in porta dobbiamo aspettare 14 minuti, ed è la Rag.Generali a rendersi pericolosa, Signorelli vince un contrasto e si invola verso la porta difesa da Noto, ma il suo tiro viene bloccato da quest'ultimo senza troppi problemi. Al 17' liscio di Fiume e Giuffrida che lasciano campo libero a Signorelli che serve un cross perfetto per l'accorrente Nicolosi che scaraventa in pallone in rete! Atletico Catania 0 - Rag.Generali 1. La reazione dell'Atletico è praticamente inesistente, il centrocampo è inesistente e si gioca con lanci lunghi che vengono sempre bloccati dall'attenta difesa ospite. Al 35' ancora Rag.Generali, con Nicolosi che crossa un pallone in area, Signorelli al volo batte Noto per la seconda volta. Atletico Catania 0 - Rag.Generali 2. Timida reazione atletista, al 37' con una punizione di Ventura dal limite respinta coi pugni da Vitali, sulla ribattuta Spadaro spara alto. Finisce così il primo tempo sul parziale di 0 a 2. Nella ripresa entra Ventura per Giuffrida. Al 47' Miceli si fa spazio tra le maglie atletiste e conclude a rete, ma il suo tiro insidioso si perde di poco a lato. Al 50' proteste del pubblico per un fallo concesso contro la formazione atletista, l'Arbitro si avvicina alla panchina ed espelle mister Contarino, senza aver detto nulla! Inutili le proteste. Al 52' un lancio di Miceli coglie impreparata la difesa atletista, e Signorelli tutto solo può battere Noto per il 3 a 0 che taglia le gambe ai locali. Reazione d'orgoglio al 55' per l'Atletico Catania che coglie la traversa con Merola con un tiro a pallonetto. Al 59' Rag.Generali vicino al quarto gol, su contropiede di Costanzo, quest'ultimo coglie la traversa con Noto battuto. Al 60' fuori Scaravilla, al suo posto Grasso. Al 65' dentro Calì per Merola. Al 68' punizione di Ventura parata senza problemi da Vitali. All' 80' l'Atletico Catania trova il gol della bandiera con un tiro da 25 metri angolato di Wanausek. Atletico Catania 1 - Rag.Generali 3. Nei minuti finali per la Rag.Generali escono Signorelli, Costanzo e Miceli, al loro posto entrano Ranno, Giuffrida e Romano. Inutile in forcing nel finale per l'Atletico Catania, dopo 5 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine e manda tutti negli spogliatoi. Gara giocata male per l'Atletico Catania, tra l'incredulità dei tifosi e dirigenti. Nessuno si aspettava una prestazione simile, a prescindere dall'arbitraggio scadente, si poteva sicuramente fare di più e commettere meno errori. Adesso gara delicata mercoledì a Pedara contro la Spar Puntese, valida per i sedicesimi di Coppa Italia, dopodichè si andrà a S.Croce con l'intento di portare a casa qualche punto.

ATLETICO CATANIA: Noto, Giuffrida (46' Ventura), Castorina, Wanausek, Leonardi, Tasca, Fiume, Spadaro, Passanisi, Merola (65' Calì), Scaravilla (60' Grasso). All.A.Contarino. A disposizione: Lisi, Sciuto, Rosignoli, Tricomi.

RAGAZZINI GENERALI: Vitali, Iannone, La Monica, Nicotra, Torrisi, Bonelli, Nicolosi, Signorelli (89'Giuffrida), Costanzo (81' Ranno), Miceli (94' Romano), Carnibella. All.F.Belluso. A disposizione: Missale, Roccia, D'Aquino, D'Urso.

ARBITRO: Schillaci di Enna (4), assistito da Ensabella e Tuccitto di Siracusa.

RETI: 17' Nicolosi, 35' Signorelli, 52' Signorelli, 80' Wanausek (atl.ct)

AMMONITI: Noto, Wanausek, Castorina per l'Atletico Catania, Bonelli e La Monica per la Ragazzini Generali

ESPULSI: L'Allenatore dell'Atletico Catania A.Contarino al 50'

NOTE: Giornata nuvolosa, circa 100 spettatori sugli spalti.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 23/09/09 - Rosignoli: "Sono qui per vincere". L'Atletico Catania mette a segno un altro colpo di mercato, il giovane esterno di centrocampo Giuseppe Rosignoli, classe 1986. Rosignoli andrà a rinforzare ulteriormente il centrocampo per completare la rosa della squadra. Rosignoli ha già avuto esperienze di un certo spessore come possiamo vedere da suo curriculum calcistico:

- Cresciuto nelle giovanili del Messina

- Cosenza (Serie D)

-Riposto (Promozione)

- Mascalucia (Eccellenza)

- Modica (Serie D)

- Vittoria (Serie D)

- Trapani (Serie D)

- Ragazzini Generali (Promozione)

Intervistato dall'Addetto Stampa, Rosignoli ci espone obiettivi e aspettative per la nuova stagione: "Arrivo all'Atletico Catania dopo una stagione alla Ragazzini Generali condita da molti problemi col mister. Alla Ragazzini ho giocato poco e quindi per me quest'anno all'Atletico è un anno di riscatto. Farò sicuramente del mio meglio e di tutto per vincere all'Atletico, io sono qui per questo. Speriamo di fare bene e cercheremo di vincere tutte le partite possibili. Sull'obiettivo stagionale, io credo che con questa squadra si possa arrivare ai Play Off, anche se la società non sbandiera quest'obiettivo io credo che abbiamo le carte in regola per giocarcela. Riguardo domenica, incontreremo la mia ex squadra, non so se giocherò ma sicuramente questa settimana mi sto allenando duramente per conquistarmi una maglia". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 20/09/09 - Il Priolo blocca sul pari l'Atletico Catania. Un Priolo corsaro riesce a strappare un punto prezioso all'Atletico Catania che ha praticamente dominato l'incontro. Protagonista principale dell'incontro è sicuramente stato l'arbitro, il sig. Arrabito che ha fortemente condizionato la gara con continue ammonizioni inutili agli undici etnei, ben sei ammoniti, un rigore eclatante non concesso e una conduzione di gara non proprio eccellente. Nonostante ciò l'Atletico ha il rammarico di non aver sfruttato innumerevoli palle gol che avrebbero chiuso l'incontro e portare a casa i tre punti. Il Priolo dal canto suo ha disputato una gara puntata sulle ripartenze, creandosi pericoloso in poche occasioni. Qualche problema sull'inagibilità della tribuna, prima dell'inizio dell'incontro, infatti una volante della polizia blocca l'affluenza di pubblico nelle tribune, dichiarando inagibile la tribuna. Davvero poca organizzazione, o per lo meno troppa leggerezza nel gestire un incontro di Promozione in tale modo; spettatori così costretti a guardare la tribuna dall'esterno. Andiamo alla cronaca dell'incontro: il priolo schierava Fugali, Russo, Monterosso, Gazziero, Carrubba, Foti, Pizzi, Alicataterranova, Tinè, Di Blasi, Alfano. Allenatore giocatore Sebastiano Foti. L'Atletico Catania rispondeva con Noto tra i pali, Giuffrida, Leonardi, Sciuto R. e Castorina in difesa, Scaravilla, Wanausek, Calì e Grasso a centrocampo, Ventura e Passanisi in attacco. Allenatore A.Contarino. Arbitra l'incontro il sig.Arrabito di Ragusa, coadiuvato da Calì (CT) e Donzello (SR). Atletico subito aggressivo in campo e già al 10' Ventura prova la conclusione che si perde a lato dalla porta difesa da Fugali. Al 14' corner di Calì e colpo di testa di Sciuto che si perde a lato. Al 15' Pizzi si invola verso la porta di Noto ma è bravo Sciuto a recuperare ed impedire il tiro al centrocampista. Al 16' corner per il Priolo di Di Blasi, testa di Carrubba alto di poco. Al 19' si riaffaccia l'Atletico con un tiro di Scaravilla che si perde alto sopra la traversa. Al 32' Ventura salta due avversari e viene atterrato appena fuori area di rigore. Sulla seguente punizione il suo tiro si infrange contro la barriera. Al 39' ancora Ventura entra in area salta due avversari e viene atterrato in area di rigore, RIGORE NETTO! L'arbitro fa cenno di proseguire tra le proteste di tutta la panchina. Sul contropiede seguente Castorina si lascia scappare Tinè che si invola verso la porta, Noto esce a vuoto e si fa beffare dall'attaccante siracusano. Priolo 1 - Atletico Catania 0. Al 43' la reazione dell'Atletico si spegne con un tiro alto di Wanausek. Al 44' azione convulsa in area palla a Passanisi che a due passi dal portiere conclude clamorosamente fuori. Al 46' ancora Atletico, ma il tiro di Ventura viene parato in due tempi da Fugali. Finisce così il primo tempo. Priolo 1 - Atl.Catania 0. Nell'intervallo entra Carpentieri per Alfano. La ripresa si riapre come si era concluso il primo tempo, con l'Atletico sempre padrone del campo e al primo affondo l'Atletico passa: cross perfetto di Wanausek e colpo di testa di Ventura ad anticipare il portiere, palla in RETE! Siamo al 51'. Nel gol Ventura riceve un pugno dal portiere, e dopo pochi minuti è costretto a lasciare il campo. Al suo posto entra Spadaro. Al 61' passaggio filtrante di Leonardi per Passanisi che tutto solo si invola verso la porta avversaria ma si ingarbuglia il pallone e favorisce l'uscita di Fugali. Al 62' altra occasione per l'Atletico, Spadaro appoggia un pallone di testa per Passanisi che riesce a toccare, il portiere locale svirgola il pallone che sembra insaccarsi in rete ma in realtà esce di poco fuori. Sul seguente cross Scaravilla tenta un tiro che si perde alto sopra la traversa. Al 66' Spadaro in contropiede entra in area, tocca per Grasso che invece di concludere perde l'attimo e favorisce il recupero della difesa. Al 67' si riaffaccia il Priolo e lo fa con Di Blasi con un tiro dalla distanza che Noto para senza problemi. All'80 esce Grasso entra Tricomi. All'81 cross di Giuffrida, Passanisi si fa anticipare dal portiere. All'82 esce Calì entra Merola. Al 90' cross di Wanausek colpo di testa di Scaravilla alto. Al 92' punizione da 30 metri di Spadaro che si perde a lato. Al 94' l'azione che poteva condannare l'atletico: contropiede del Priolo tre contro tre, Di Blasi entra in area serve Tinè che sicuro di se tocca il pallone destinato ad insaccarsi in rete, ma tempestivo e celere il recupero di Wanausek che salva sulla linea. Sul contropiede seguente al 95' tiro di Spadaro dalla distanza Fugali non blocca sulla ribattuta Passanisi invece di tirare serve Spadaro che si fa ribattere in tiro. E' la fine delle ostilità, punteggio di 1 a 1 e tutti negli spogliatoi. Una gara caratterizzata da forti errori arbitrali, e poca concretizzazione degli attaccanti atletisti che hanno sprecato troppe palle gol sotto porta. Buona prestazione per Wanausek e Sciuto per l'Atletico Catania, che hanno disputato una gara maiuscola. Tanto rammarico a fine gara per non aver portato a casa i tre punti, adesso domenica prossima l'Atletico affronterà la Ragazzini Generali nel derby cittadino. Nell'altro anticipo disputato sabato, il Gravina ha pareggiato per 0 a 0 con L'Avola.

PRIOLO CALCIO: Fugali (J), Russo (J)(66' Pappalardo), Monterosso (J) ('80Mangiafico), Gazziero, Carrubba, Foti, Pizzi, Alicataterranova, Tinè, Di Blasi, Alfano (46' Carpenteri). Allenatore Sebastiano Foti. A disp. Giarrizzo, Nicolosi, Cavarra e Foti.

ATLETICO CATANIA: Noto, Giuffrida, Castorina, Wanausek, Leonardi, Sciuto, Scaravilla, Grasso (80' Tricomi), Passanisi, Calì (82' Merola), Ventura ('53 Spadaro). Allenatore Alfio Contarino. A disp. Sciuto, Longhitano, Fontanot, Coppa.

Arbitro: Arrabito della sez.di Ragusa (4), Assistenti Calì di Catania e Donzello di Siracusa.

Reti: 40' Tinè (Priolo), 51'Ventura (Atl.Ct)

Note: Gara disputata a porte chiuse senza preavvisi, manto in erba sintetica in buone condizioni, qualche sprazzo di pioggia nel corso della partita.

Ammoniti: Carrubba e Foti per il Priolo, Calì, Noto, Ventura, Wanausek, Sciuto e Merola per l'Atletico Catania.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 13/09/09 - Un Atletico sciupone impatta sullo 0 - 0. L'Atletico Catania impatta in un pareggio a reti inviolate nella prima giornata di campionato contro un Francofonte che era venuto a Catania nell'intento di portare a casa il pareggio. Gli uomini di mister Contarino non hanno certamente brillato, ma le occasioni non sono di certo mancate, specie nel primo tempo dove il protagonista principale è stato il portiere ospite Maci. Il Francofonte dal canto suo conquista un pareggio d'oro qui a Catania, disputando una gara nettamente difensiva e concentrata sulle ripartenze. Nell'Atletico sono pesate le assenze di Spadaro, Merola, Passanisi e Tasca che dovrebbero rientrare tutti sabato prossimo per la partita di Priolo. L'Atletico, trascinato quest'oggi dai suoi tifosi attrezzati di fumogeni e bandiere, era schierato da mister Contarino con un classico 4-4-2 con Noto tra i pali, in difesa Fontanot, Sciuto, Leonardi e Giuffrida, a centrocampo Fiume, Calì, Wanausek e Scaravilla, in attacco Tricomi e Ventura. Il Francofonte risponde con Maci, Aloi, Russo, Platania, Nicolosi, Pisano, Fazio, Messina, Mazzone, Malgioglio e Gilberto. Allenatore Giacomo Lombardo ex allenatore dell'Atletico Catania nel 2005. Arbitra l'incontro il sig. Maddocco di Messina, coadiuvato da Basile e Blanco di Acireale. Pronti via ed è subito Atletico, al 2' tiro cross di Wanausek e palla insidiosa deviata in corner da Maci. Al 10' Cross di Giuffrida e colpo di testa di Tricomi, palla alta sopra la traversa. Al 23' lancio di Wanausek che pesca in area Ventura che solo davanti al portiere si fa deviare la palla in corner! E' l'occasione più limpida dell'incontro! Al 36' ancora Atletico e ancora Ventura che si fa ribattere dalla barriera un calcio di punizione dal limite. Al 37' altro calcio piazzato dal limite, stavolta di Calì, e palla deviata in corner dal difensore che intercetta il tiro e devia il pallone in fallo laterale. Al 39' altra palla gol per l'Atletico: Ventura anticipa il difensore di testa, porta avanti il pallone e a tu per tu col portiere si fa ribattere il tiro da Maci, sulla ribattuta prima Fiume e poi Tricomi non riescono a ribattere a rete. Sull'azione sviluppatasi proteste per un tocco di mani in area non ravvisato dall'arbitro.Al 40' Esce per infortunio Aloi per il Francofonte, al suo posto Rinaudello. Al 45' ultima azione degna di nota è un tiro dal limite di Tricomi ben parato da Maci. Finisce così il primo tempo . Atletico Catania 0 - Francofonte 0. Nel secondo tempo mister Contarino sostituisce Fiume per Grasso. Al 53' punizione dalla destra di Calì e Leonardi colpisce male di testa spedendo il pallone di poco fuori. Al 54' Ventura salta un avversario e si invola verso la porta, viene atterrato in area di rigore da Rinaudello, sarebbe fallo da ultimo uomo ma l'arbitro lo ammonisce solamente. Sulla seguente punizione dal limite la bordata di Ventura viene respinta da Maci e deviata in corner da Malgioglio. Al 69' entra Finocchiaro al posto di Scaravilla. La gara procede con tanti errori dall'una e dall'altra parte, e all'85' il Francofonte ha l'occasione per passare in vantaggio nell'unico tiro in porta dell'incontro: Malgioglio involato verso la porta conclude a rete ma è decisivo il recupero di Sciuto che salva sulla linea e devia in corner. All'86' entra Castorina per Tricomi. Al 92' tiro di Malgioglio per il Francofonte, su calcio piazzato dalla sinistra, e palla che sfiora l'incrocio. Al 93' allo scadra cross di Giuffrida e sforbiciata di Finocchiaro con la palla che sorvola la traversa. Finisce così la partita, Atletico Catania 0 - Francofonte 0. Un atletico che ha dominato per i primi 45 minuti, che è riuscito ad arrivare in porta in 3-4 occasioni, 2 di queste limpide, ma che non è riuscito a capitalizzare a rete. Un secondo tempo invece scialbo dove si è rischiato di perdere l'incontro con le pericolose ripartenze avversarie. Uno 0 a 0 che sta stretto all'Atletico Catania, un punto d'oro invece per il Francofonte che premia la gara difensiva adottata da Giacomo Lombardo.

ATLETICO CATANIA: Noto (c), Sciuto R., Fontanot, Wanausek, Leonardi, Giuffrida, Fiume ('46 Grasso), Scaravilla ('74 Finocchiaro), Tricomi ('85 Castorina), Calì, Ventura. All.A.Contarino. A Disp. (Lisi, Coppa, Longhitano, Auteri)

FRANCOFONTE: Maci, Aloi ('40 Rinaudello), Russo, Platania, Nicolosi, Pisano, Fazio, Messina, Mazzone ('68 Di Guardo), Malgioglio, Gilberto. All.G.Lombardo. A Disp. (La Masa, Castiglia, Sammatrice, Randone, Modica)

ARBITRO: Maddocco della sez. di Messina (5.5), assistito da Basile e Blanco di Acireale

RETI: nessuna

AMMONITI: Grasso e Leonardi per l'Atletico Catania, Platania, Nicolosi, Rinaudello, Messina e Di Guardo per il Francofonte

NOTE: Giornata fortemente nuvolosa, manto erboso bagnato e scivoloso. Circa 100 spettatori.

(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 06/09/09 - Un grande Atletico elimina lo Sp.Battiati.

Coppa Italia Promozione - 1° Turno - Atletico Catania - Sporting Battiati 2 - 0 (andata : Sp.Battiati 3 - Atl.Catania 1)

ATLETICO CATANIA: Noto, Fiume, Fontanot, Wanausek, Leonardi, Giuffrida, Finocchiaro, Spadaro ('89 R.Sciuto), Tricomi ('65 Scaravilla), Calì, Passanisi. All.A.Contarino. A disposizione: Lisi, Di Stefano, Castorina, Auteri, Orofino.

SP.BATTIATI: Granuzzo, Gentile, Pandolfo ('80 Belfiore), Rundo ('48 Grasso), Tomaselli, Spartano, Ursino ('65 Giacone), Indelicato, Di Prima, Garofalo, Mirabella. All.N.Serafino. A disposizione: Pulvirenti, Celi, Consoli, Cassone.

ARBITRO: Calì di Acireale (6), Assistenti Pantò e Moncada di Siracusa

RETI: '55 Spadaro(rig), '70 Scaravilla

AMMONITI: Wanausek, Leonardi, Spadaro per l'Atletico,

ESPULSI: Gentile dello Sp.Battiati per doppia ammonizione

NOTE: Giornata nuvolosa, manto erboso in buone condizioni, circa 100 spettatori.

CATANIA. Un Atletico Catania caparbio, riesce a centrare la qualificazione al turno successivo di Coppa Italia grazie ad una prestazione maiuscola degli undici allenati da mister Contarino. Un Atletico che ha praticamente dominato l'incontro è riuscito a ribaltare il 3 a 1 maturato all'andata segnando due reti, entrambe nel secondo tempo, sfiorando anche la terza marcatura in più di un occasione. Dal canto suo lo Sp.Battiati, è sembrato scendere in campo già con la qualificazione in tasca, ed ha tenuto testa solo per i primi 45 minuti alla formazione atletista, per poi crollare fisicamente e mentalmente nel secondo tempo. L'Atletico quest'oggi scendeva in campo con Noto tra i pali, Fontanot, Leonardi e Giuffrida in difesa, Calì mediano davanti la difesa, Wanausek, Finocchiaro e Fiume a centrocampo, Spadaro a supporto delle due punte Tricomi e Passanisi. Lo Sp.Battiati scendeva in campo invece così: Granuzzo, Gentile, Pandolfo, Rundo, Tomaselli, Spartano, Ursino, Indelicato, Di Prima, Garofalo, Mirabella e Serafino. Arbitra l'incontro il sig. Calì di Acireale, assistito da Pantò e Moncada di Siracusa. Avvio di gara lento, si lotta a centrocampo ma per vedere la prima conclusione si deve aspettare il '15 con un errore di Wanausek a centrocampo che serve involontariamente Di Prima che invece di involarsi verso la porta a tu per tu con Noto tenta la conclusione che si perde a lato. Al 25' si affaccia l'Atletico, cross dalla destra di Giuffrida e acrobazia al volo di Spadaro, pallone sopra la traversa, ma bello il gesto tecnico. Al 30' ammonizione per Wanausek per proteste. Al 35' ci prova Garofalo su calcio piazzato dal limite, palla di poco a lato. Al '42 l'Atletico ha l'occasione per passare in vantaggio, batti e ribatti al limite dell'area tiro finale di Passanisi e palla che si stampa sulla traversa! Occasione d'oro a fine primo tempo! Finisce così il primo tempo: Atletico Catania 0 - Sp.Battiati 0. La ripresa si apre con un atletico arrembante e già al '55 Fiume penetra in area di rigore e viene atterrato! L'arbitro non esita e concede la massima punizione. Sul dischetto va Giovanni Spadaro che batte il portiere per l'1 a 0!!! Esce Rundo entra Grasso per lo Sp.Battiati. Al 57' ancora Fiume sulla fascia destra pennella un cross per la testa di Passanisi che anticipa il portiere ma spedisce alto sopra la traversa. Al '60 Ammonito Leonardi per fallo tattico. Al '64 azione offensiva dell'Atletico, sfonda di Passanisi per Finocchiaro che tutto solo davanti al portiere colpisce male il pallone e butta la palla a lato. Al 65' entra Scaravilla per Tricomi per l'Atletico e Giacone per Ursino per lo Sp.Battiati. Al 70' ancora Atletico Catania in avanti, Passanisi tocca il pallone per Spadaro che entra in area serve Scaravilla che butta il pallone in RETE!! 2 a 0! E prima rete stagionale per il giovane Scaravilla classe '92. Al '75 ammonito Gentile per lo Sp.Battiati che dice qualche parola di troppo all'arbitro che lo espelle, cartellino Rosso! Battiati in 10 uomini e gara in salita. Al 78' altra discesa di Scaravilla sulla fascia sinistra che supera il suo diretto avversario ma la sua conclusione si perde alta sopra la traversa. Al 79' ammonito Spadaro per proteste. All'81 occasione d'oro ancora per l'Atletico: Passanisi si invola verso il portiere ospite, lo salta serve Spadaro ma il suo tiro viene salvato incredibilmente sulla linea. All'83 ci prova ancora Spadaro ma il suo tiro da fuori area si perde alto sopra la traversa. Al '89 esce proprio Spadaro per R.Sciuto. Dopo 5 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine dell'incontro e l'Atletico può festeggiare il passaggio del turno assieme ai suoi tifosi. A fine gara le parole di mister Contarino: "C'è poco da dire, i miei ragazzi hanno dimostrato di avere carattere, hanno lottato su tutti i palloni, c'era voglia di passare il turno e ci siamo riusciti. Nel calcio non esistono passeggiate, forse i nostri avversari ci avevano sottovalutato, se oggi a Zia Lisa c'è stata solo una squadra, l'Atletico!"

PAGELLE: ATLETICO CATANIA: Noto 6.5, Fiume 7, Fontanot 7, Wanausek 6.5, Leonardi 8, Giuffrida 8, Finocchiaro 6.5, Spadaro 8 ('89 R.Sciuto s.v.), Tricomi 6 ('65 Scaravilla 7), Calì 7, Passanisi 8. All.A.Contarino 7. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 

 04/09/09 - Santo Palma: "Domenica all'attacco !" L'Atletico Catania si prepara con molta concentrazione alla gara di ritorno di coppa di domenica 6 settembre che vedrà di fronte Atletico Catania e Sp.Battiati. All'andata la spuntò lo Sp.Battiati per 3 a 1, tra le mille polemiche e le sviste arbitrali. Adesso domenica sarà tutta un altra partita come ci afferma il DS Santo Palma: " Domenica andremo ad affrontare il ritorno di coppa, rassicuro i tifosi che il discorso qualificazione non è per niente chiuso, una società come l'Atletico Catania deve vincere ogni partita e deve ottenere il massimo giornata per giornata, non esistono risultati scontati ne tanto meno qualificazioni scontate, l'Atletico domenica giocherà per vincere e per portare a casa la vittoria e la qualificazione. Tutto lo staff, la società e i giocatori credono di potercela fare e noi vogliamo vincere, sappiamo di avere tutte le possibilità per farlo. Sappiamo di dover incontrare una squadra tosta, quale lo Sporting Battiati, ma noi puntiamo a passare il turno, nonostante il risultato dell'andata che ci penalizza.Tutti i giocatori in questi giorni stanno dando il massimo in allenamento, preparandosi ad una partita maiuscola, e questo rientra nellla mentalità atletista. La società sta lavorando per portare avanti il progetto, la Promozione non è una categoria adeguata all'Atletico, l'Atletico merita altri palcoscenici. Sul campionato dico che ci sono squadre sicuramente più attrezzate di noi, vedi Avola su tutte, poi Comiso, S.Croce e Ragazzini Generali, ma nulla è scontato, l'Atletico scende in campo per vincere ogni partita. In questi giorni si è aggiunto al gruppo un elemento che ci farà fare il salto di qualità, ovvero Angelo Tasca, grande professionista che andrà a portare più esperienza e quantità al reparto difensivo. Sicuramente se ci saranno altri giocatori che andranno a completare qualche lacuna in altri reparti la società li tessererà, se no rimarremo con i nostri validi giocatori. Ringrazio infine la società per i sacrifici che sta facendo, perchè nonostante tutto non fa mancare niente ai giocatori e li fa sentire importanti e degni del nome Atletico Catania". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 02/09/09 - Colpaccio Atletico: Preso Angelo Tasca. L'Atletico Catania cancella subito i malumori dopo la sconfitta di domenica scorsa, mettendo a segno un gran colpo di mercato, il fortissimo difensore Angelo Tasca, classe '76. Tasca vanta di un curriculum di tutto rispetto tra serie A, B e C. Il DS Santo Palma contento dell'acquisto dichiara di essere felice di aver acquisito le prestazioni del giocatore e crede che con Tasca si possa fare il salto di qualità. La società si sta comunque muovendo per qualche altro innesto, e vedremo se nei prossimi giorni se ci saranno risvolti. Subito dopo l'acquisto del giocatore, Tasca viene intervistato dall'Addetto Stampa, queste le sue parole:

"Sono contento di esser approdato all'Atletico Catania, sono stato contattato dal DS Santo Palma ed ho accettato l'offerta. Sono stato in attesa, in questi giorni, di qualche proposta importante, e ho scelto l'Atletico Catania. Ho deciso l'Atletico perchè comunque ha un nome importante, e rappresenta assieme al Catania una città importante quale appunto Catania. Vengo qui per mettere a disposizione la mia esperienza e raggiungere grandi risultati, perchè io sono abituato a vincere e così dev'essere anche all'Atletico. Sugli obiettivi stagionali come detto prima cercheremo di dare il massimo per vincere il campionato, anche se ci sono squadre molto forti, però in passato la mia esperienza dice che si vince nel momento in cui non te lo aspetti, mi è capitato in passato di partire col presupposto di vincere il campionato e poi si è rimasti a mani asciutte, quindi vince la squadra che merita sul campo e non sulla carta. Concludo dicendo che cercherò di dare il massimo mettendomi a disposizione del mister e di vincere il più possibile".

Ecco il Curriculum di Angelo Tasca:

Data di nascita: 18/01/1976

Esperienze Calcistiche:

- Primavera del Palermo

- 15 Presenze il serie B col Palermo

- Catania, serie C2

- Palermo, serie C1

- Giuliano, serie C2

- Igea Virtus, serie C2

- Paternò, serie C2

- Paternò, Serie C1

- Paternò, Serie C1

- Modica, Serie D

- Modica, serie C2

- Malta, Serie A

- Paternò, Serie D

- Paternò, Serie D

- Vittoria, Serie D

Diramati i calendari di Promozione, l'Atletico disputerà la prima gara in casa contro il Francofonte, la seconda in trasferta con il Priolo Calcio, mentre alla terza giornata subito la stracittadina contro la Ragazzini Generali. La società e tutto lo Staff augura a Giovanni Spadaro i migliori auguri per il suo matrimonio, che avverrà domani 3 Settembre. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa -
www.atleticocatania.it)

 01/09/09 - Mister Contarino: "Penalizzati dall'arbitraggio". A pochi giorni dalla sconfitta in coppa contro lo Sporting Battiati l'Atletico Catania torna ad allenarsi al campo di "Zia Lisa", alla ricerca di un pronto riscatto già da domenica prossima nella gara di ritorno. Dopo le tre reti subite la società è ritornata sul mercato e sta trattando per qualche altro valido innesto nei reparti dove sono presenti più lacune. Sulla partita giocata domenica scorsa è tornato a parlare mister Alfio Contarino che analizza la gara così: " Domenica scorsa l'Atletico non ha giocato una brutta partita, per 60 minuti siamo stati padroni del campo anche dopo il gol di Spadaro, poi le decisioni arbitrali ci hanno penalizzato pesantemente, e da li è maturata la sconfitta. Sicuramente, ancora, in qualche reparto ci sono delle lacune e ancora manca qualcosa a questa rosa, ma credo che la società possa sistemare la situazione chiudendo qualche trattativa importante. Adesso comunque torniamo a lavorare sodo in vista della gara di ritorno, sono fiducioso per domenica e spero di poter vincere e passare il turno davanti ai nostri tifosi. La sconfitta di domenica ci farà riflettere sugli errori commessi, e di questo ne facciamo tesoro; esperienza che servirà anche ai più giovani, che devono crescere e devono evitare qualche ingenuità commessa in partita domenica. Concludo rassicurando i tifosi, dicendo loro di non preoccuparsi e di stare vicino alla squadra già da domenica, perchè per noi il loro calore è determinante". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 31/08/09 - Comincia male l'Atletico Catania. Sconfitta per 3 - 1.


Sporting Battiati 3 - Atletico Catania 1

SPORTING BATTIATI: Granuzzo, Gentile ('90), Pandolfo ('90), Rundo, Tomaselli, Spartano, Ursino ('91), Indelicato, Di Prima, Garofalo, Cassone ('90) All. N.Serafino. A disp.: Malfa ('91), Grasso ('91), Celi, Consoli ('91), Mirabella, Belfiore ('91), Giacone ('92).

ATLETICO CATANIA: Noto, Di Stefano, Castorina ('92), Wanausek, Leonardi, Giuffrida, Fiume ('90), Calì, Ventura, Spadaro, Scaravilla ('92). All. A.Contarino. A disp.: Lisi, Passanisi, Longhitano, Grasso, Fontanot, Coppa, Tricomi.

Arbitro: Alberto Santoro di Messina, Assistenti: Gerbino e Ronsivalle di Acireale.

Ammoniti: Spartano (S.B.)

Marcatori: 50' Spadaro (Atl.Ct), 70' Cassone, 73 'Cassone, 94' Di Prima (rig.)

Note: Giornata parzialmente nuvolosa, buone condizioni del campo, circa 150 spettatori.

S.AGATA LI BATTIATI. Inizia male l'avventura dell'Atletico Catania, che perde la prima gara ufficiale per tre reti ad una. Gara condizionata fortemente dal pessimo arbitraggio del sig. Santoro di Acireale che interpreta a modo suo vari episodi, a favore dei locali che condizionano la gara. L'Atletico Catania visto quest'oggi non ha mostrato un bel gioco, e sicuramente c'è ancora molto da lavorare per mister Contarino. Dal canto suo lo Sporting Battiati ha condotto una gara senza fama e senza lode, portando a casa i tre punti e mettendo un'ipoteca sul passaggio del turno. Atletico che scende in campo con Noto tra i pali, Di Stefano, Leonardi, Giuffrida e Castorina in difesa, a centrocampo Wanausek, Fiume, Calì e Scaravilla, in avanti in tandem Spadaro - Ventura. Il battiati risponde con Granuzzo, Gentile, Pandolfo, Indelicato, Tomaselli, Spartano, Ursino, Rundo, Di Prima, Garofalo e Cassone. Parte subito bene l'Atletico, che si porta alla conclusione con Spadaro dalla lunga distanza, ma il suo tiro finisce alto sopra la traversa. Al 3' dormita generale della difesa atletista e Cassone può involarsi verso la porta, ma a tu per tu con Noto fallisce clamorosamente mandando il pallone a lato. Al 7' retropassaggio di Indelicato con i piedi al portiere che blocca il pallone con le mani, l'arbitro non concede clamorosamente il calcio di punizione in area all'Atletico, considerando involontario il passaggio. Al 12' Cassone in area di rigore anticipa Noto e conclude di testa verso la porta, poi si lascia cadere e l'arbitro concede un calcio di rigore inesistente. Dagli undici metri va Di Prima che conclude alto sopra la traversa. Al 36' si vede l'Atletico in avanti con Spadaro che salta in dribbling cinque avversari ma la sua conclusione è debole e ben parata da Granuzzo. Finisce così il primo tempo sul risultato di 0 a 0. La ripresa si apre con una sostituzione, entra per l'Atletico Grasso al posto di Fiume. Al 50' Atletico in vantaggio: lancio di Calì dalla mediana e in area il tiro al volo di Spadaro finisce il Rete! S.Battiati 0 - Atletico Catania 1! Al 51' Atletido vicino al raddoppio, con un tiro cross di Grasso che sorvola la traversa. Al 54' esce Ursino entra Grasso per lo S.Battiati. Al 55' gran dribbling di Spadaro che serve in area Ventura ma il suo tiro scialbo si perde a pochi centimetri dal palo. Al 66' S.Battiati pericoloso con un gran tiro di Garofalo parato da Noto. Al 60' mischia in area atletista, il pallone finisce a Cassone che a due passi da Noto mette in rete. 1 a 1! Passano appena 3 minuti e sugli sviluppi di un corner lo S.Battiati raddoppia: Cross di Garofalo e in torsione Cassone batte Noto per il 2 a 1! Al 79' per l'Atletico entrano Fontanot e Tricomi per Di Stefano e Scaravilla. Lo S.Battiati sostituisce Cassone per il nuovo entrato Belfiore. Atletico che non riesce a perforare la difesa avversaria e al 94' subisce un contropiede, con Di Prima che con un contrasto spalla a spalla con Leonardi, appena fuori area di rigore, si lascia cadere a terra. Per l'arbitro è calcio di rigore! Il secondo inesistente assegnato ai locali dal Sig. Santoro. Dagli undici metri va Di Prima, che stavolta non sbaglia. 3 a 1! E triplice fischio dell'arbitro che manda tutti negli spogliatoi. Un Atletico Catania che ancora è sembrato impacciato e lento nella manovra, che spesso si affida alle giocate dei singoli, vedi Spadaro, e che non ha ancora un identità. Troppi lanci lunghi e poca costruzione di gioco. Manca ancora qualche elemento per completare la rosa, per cercare di affrontare il campionato al meglio. Per le file dell'Atletico buona prova per Spadaro e Leonardi, sicuramente i migliori. Per lo Sp.Battiati Garofalo e Cassone hanno creato non pochi problemi alla retroguardia atletista.

Pagelle:
Noto 6, Di Stefano 6 (Fontanot s.v.), castorina 5.5, Wanausek 6, Leonardi 7, Giuffrida 6, Fiume 5 (Grasso 6), Calì 5.5, Ventura 5, Spadaro 7, Scaravilla 6 (Tricomi s.v.). All.Contarino 5.5


(Di Mauro Alessio - Addetto Stampa -
www.atleticocatania.it)

 29/08/09 - Coppa Italia Promozione: Sporting Battiati - Atletico Catania. L’Atletico Catania torna domani, per l’andata di Coppa Italia promozione, dove è risorto 3 anni fa prelevando un titolo di Prima categoria. Finito un periodo di amichevoli non certo brillante, l’avversario sarà la matricola Sporting S.Agata li Battiati, ex D’Annunzio Catania, profondamente rinnovata grazie ad innesti di calibro. I padroni di casa si presenteranno, però, senza Andrea Grasso, atteso bomber fermo ai box causa squalifica. Stop disciplinare anche per il difensore Gangi, a riposo visto un contemporaneo infortunio. Il tecnico Natale Serafino dovrebbe mandare in campo Granuzzo (’90) o Pulvirenti tra i pali, in difesa Pandolfo, Tomaselli, Spartano e Gentile (’90), a metà campo Garofalo, Mirabella (Indelicato), Rundo (Ursino), in avanti Cassone (’90) in appoggio a Di Prima e, ipotesi non impossibile, Belfiore (’91). Il tecnico atletista Alfio Contarino non dispone invece in difesa di Aliquò, per il quale il campionato è già compromesso a causa di un serio infortunio, né degli squalificati Sciuto e a metà campo di Merola. Questo il probabile undici titolare di domani: Noto o Lisi (’90) in porta, Fiume (’91), Leonardi, Giuffrida e Fontanot in difesa, Grasso (’91), Calì e Wanausek (Finocchiaro ’90) in mezzo, Spadaro in appoggio al duo d’attacco Passanisi-Ventura. Intanto è sorto un problema disponibilità del terreno di gioco a Zia Lisa: i catanesi ne potranno disporre solo per due giorni a settimana oltre la domenica. Anche all’Amatori di rugby è stato assegnato, infatti, il campo per svolgere gli allenamenti. (Giuseppe Signorino - Giornale Di Sicilia)


 21/08/09 - Santi Grasso: "Noi lottiamo per Vincere". Dopo la pesante sconfitta rimediata giovedì nell'amichevole di Paternò, l'Atletico Catania continua ad allenarsi in vista dell'incontro di Coppa di domenica, che vedrà di fronte Sp.Battiati e Atletico Catania. La troup atletista, che da lunedì probabilmente si trasferirà al campo di "Zia Lisa", incontrerà in settimana, in amichevole, il Real S.Cristoforo. Nell'ambiente atletista c'è voglia di fare bene, e di riscattare la brutta prova del secondo tempo contro il Paternò, come lo stesso Grasso, interessante Juniores '91, ci afferma in un intervista con l'Addetto Stampa: Una brutta sconfitta che macchia le belle prestazioni precedenti della squadra.. "Si a Paternò abbiamo cominciato bene la gara ed abbiamo disputato un bel primo tempo. Poi nel secondo ci siamo lasciati andare, un pò per disattenzioni, un pò per fatica ed è finita come tutti sappiamo". Mancavano Spadaro e Leonardi, rispetto allo scorso anno come vedi questa Rosa con i rinforzi? "Se l'hanno scorso eravamo già forti, quest'anno lo siamo ancor di più. Io non faccio distinzioni tra i miei compagni di squadra, per me sono tutti forti e insieme possiamo raggiungere risultati importanti". L'Atletico può contare per il secondo anno su Grasso, felice della riconferma? "Si, anche se ad essere sincero me l'aspettavo. L'anno scorso ho giocato abbastanza partite e credo di aver fatto bene nonostante gli infortuni che mi hanno un pò bloccato". E quest'anno si ricomincia cercando di fare meglio.. "Quest'anno ho cominciato bene e spero di fare meglio dell'anno scorso, magari segnando qualche rete". Quest'anno un valido gruppo di Juniores, anche per i ragazzi c'è da sudare per ritagliarsi una maglia da titolare.. "Come ogni anno, come in ogni squadra c'è sempre da lavorare. Io cercherò di dare il massimo e cercherò di convincere il mister, poi sarà lui a decidere". L'Atletico di quest'anno dove può arrivare? "Per me i play off sono sicuri con questa squadra, siamo molto forti. Se poi dovessimo rilevarci una sorpresa possiamo anche andare oltre. Noi lotteremo per vincere tutte le partite". Un ultimo pensiero ai tifosi.. "Lo scorso anno sono stati il nostro dodicesimo uomo in campo, spero si riconfermino anche per la prossima stagione". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 20/08/09 - Sconfitta a Paternò. C'è ancora molto da lavorare. Risultato tennistico quello maturato quest'oggi al Falcone Borsellino, l'Atletico Catania esce sconfitto per 7 a 0 contro il Paternò di Ciccio Pannitteri, ex attaccante dell'Atletico Catania in C1, militante nel campionato di Eccellenza. Un risultato bugiardo per quello che si è visto nel primo tempo, concluso sull'1 a 0. Un Atletico che costruiva gioco e palle gol, e i padroni di casa abili nelle ripartenze. Nella ripresa un atletico disastroso e impacciato, imbottito di giovani subisce ben sei reti, creando solo un occasione con Ventura. L'Atletico privo di Leonardi e Spadaro, in recupero da una distorsione al ginocchio, scendeva in campo con Noto tra i pali, Fiume, R.Sciuto, Giuffrida e Castorina in difesa, Grasso, Wanausek, Calì e Fontanot a centrocampo, Ventura e Passanisi in attacco. Al primo affondo dopo 30 secondi il Paternò passa in vantaggio con un tiro a girare di Condorelli che batte Noto. 1 a 0! L'Atletico si sveglia e comincia a macinare gioco; la prima palla gol arriva su un cross dalla destra, il colpo di testa di Ventura viene parato a terra dal portiere locale. Ci riprova l'Atletico su punizione di Calì, ma il suo tiro si perde alto sopra la traversa. Per l'Atletico entrano in campo Scaravilla, Longhitano e Tricomi, escono Grasso, Fontanot e Fiume. Al 39' Ventura si invola verso la porta avversaria, salta un difensore che da terra lo scalcia in area, rigore netto, l'arbitro non vede e lascia proseguire. Al 43' si riaffaccia il Paternò dalle parti di Noto con un calcio di punizione parato in grande stile dal portiere atletista. Al 45' altro calcio di punizione dal limite, stavolta per l'Atletico, il tiro di Wanausek finisce alto sopra la traversa. Finisce così il primo tempo. La ripresa comincia con dieci minuti di ritardo a causa di un guasto all'impianto di irrigazione del campo. Per l'Atletico entrano M.Sciuto, Castorina, Merola, Finocchiaro, Coppa e Auteri. Al 51' l'Atletico va vicino al gol, con un tiro al volo di Merola che fa la barba al palo. Poi niente più, si alternano errori difensivi eclatanti e corridoi liberi sulle fasce che lasciano troppi spazi al Paternò che raddoppiano al 53', con un pallone perso da R.Sciuto in area di rigore che favorisce i giocatori paternesi ad andare in rete. 2 a 0! Al 62' gran tiro dal limite di Condorelli che batte M.Sciuto, 3 a 0! Al 70' gran punizione del mediano paternese che batte nuovamente M.Sciuto. 4a0! Per l'Atletico esce M.Sciuto, entra Lisi. Unica azione degna di nota è un colpo di testa di Ventura ben parato dal portiere locale. Da qui alla fine dell'incontro il Paternò capitalizza in rete altre 3 volte per il punteggio finale di 7a0. A fine gara un pò di amarezza sui volti dello staff dell'Atletico, ma il DS Santo Palma dichiara: "Un primo tempo giocato ad alti ritmi, abbiamo fatto noi la partita, un secondo tempo disastroso che analizzeremo col mister. C'è ancora molto da lavorare, non facciamo caso al punteggio, ricordiamoci che i ragazzi sono in fase di preparazione e fino a 2 giorni fa facevano le ripetute. Diamo tempo al tempo e arriveranno i risultati". Dall'altra sfonda, il tecnico del Paternò, Ciccio Pannitteri si dichiara soddisfatto dell'incontro ed elogia la prestazione delle due squadre: "E' stato un piacere giocare contro la mia ex squadra, ricordo l'ultima partita con la Juve Stabia nel 1999 quando l'Atletico salvo la serie C1 con una mia doppietta, adesso la incontro da avversario ma è sicuramente un piacere. L'incontro di oggi al di là del risultato è servito da allenamento ad entrambe le squadre, noi incerti dell'iscrizione in Eccellenza fino a qualche settimana fa, puntiamo alla salvezza o ad un campionato tranquillo. L'Atletico ha disputato un gran primo tempo, ad alti ritmi, e sicuramente potrà lottare per le posizioni alte in Promozione. Vi ritrovate un attacco tra i migliori in assoluto della categoria. Mi auguro che sia il Paternò che l'Atletico possano raggiungere i propri obiettivi". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 18/08/09 - Finocchiaro: "Stiamo lavorando bene" - Giovedì amichevole a Paternò. Continuano le sedute di allenamento per l'Atletico Catania, che si è ritrovato quest'oggi al "comunale" di Acicastello per il proseguo della preparazione. L'Atletico dunque dopo la discreta partita di tracastagni si prepara al meglio per la prima gara ufficiale di giorno 30, in Coppa, contro lo Sporting Battiati. Aspettando l'annuncio ufficiale di qualche altra amichevole pre-campionato, la squadra sta continuando ad eseguire esercizi di potenziamento e ad accumulare fiato. Col gruppo, alla terza stagione in maglia atletista, un importante riconferma, Benedetto Finocchiaro, interessante Juniores, classe '90, che ha dato un contributo importante alla sqaudra. Intervistato dall'Add.Stampa Finocchiaro espone gli obiettivi stagionali e il suo cammino in maglia rosso-blu. Quest'estate sei stato riconfermato per la terza volta, un cammino che continua.. "Sono contento di essere stato riconfermato, mi fa piacere di poter giocare per la terza volta in questa squadra. Devo dire che con la società c'è sempre stato un buon rapporto, sono persone serie e sono felice che mi abbiamo riscelto. Lo scorso anno hai giocato quasi tutto il campionato, in che ruolo ti trovi meglio in campo? "L'anno scorso ho giocato prevalentemente da esterno di centrocampo, e qualche gara da centrocampista centrale. Per me è indifferente il ruolo, sono a disposizione del mister gara per gara. Spero che anche quest'anno possa ritagliarmi qualche spazio da titolare". Sono arrivati molti ragazzi '92 che si sono messi ben in mostra.. "Si quest'anno sono arrivati dei buoni elementi Juniores, come detto prima sarà il mister a giudicarci e a dire chi scenderà in campo". Squadra notevolmente rinforzata, con Spadaro, Calì, Sciuto, e altri.. dove pensate di arrivare.. "Un buon gruppo, una formazione forte che sicuramente dirà la sua in campionato. Sicuramente il primo obiettivo è la salvezza, poi vediamo di guardare più su". Adesso vi state preparando alla Coppa, tanta fatica in questi giorni.. "Tanta fatica, ma stiamo lavorando bene. Sono carichi di lavoro che ci serviranno ad accumulare fiato. Il 30 comincia la coppa e vedremo di fare bene per cercar di passare il turno". Nei giorni passati un infortunio al ginocchio ti ha fatto saltare il triangolare di Gravina, ma hai giocato la partita a Trecastagni. Come hai visto la squadra in campo? "Si il problema al ginocchio mi ha bloccato per qualche giorno, adesso però ho ripreso a lavorare e i dolori sono scomparsi. L'Atletico visto a Trecastagni mi è sembrato una buona squadra, ma c'è ancora molto da lavorare.  (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 13/08/09 - Buona prova a Trecastagni, c'è comunque da lavorare. L'Atletico Catania, alla sua seconda uscita stagionale esce sconfitto per 3 reti ad 1 dall'amichevole di Trecastagni contro la formazione locale, militante in Eccellenza. Gli uomini di mister Contarino hanno svolto comunque una buona gara giocando alla pari con gli avversari e lasciando pochi spazi liberi soprattutto nel primo tempo. Per la cronaca l'Atletico scendeva in campo con Lisi tra i pali, in difesa Di Stefano, Leonardi, Giuffrida e Castorina, a centrocampo Fiume, Wanausek, Fontanot e Calì, in avanti Spadaro e Passanisi. Atletico che dopo 20 minuti perde Spadaro per un problema al ginocchio, si presume una contrattura. Al suo posto entra Ventura. Al 25' arriva la rete del Trecastagni con Caruso abile a saltare Lisi in uscita e depositare la palla in rete. Al 40' gran lancio di Calì, sfonda di Passanisi e gran tiro di Ventura che finisce in rete. 1 a 1. Finisce così il primo tempo. Nella ripresa comincia il valzer delle sostituzioni entrano Sciuto, Merola, R.Sciuto, Fontanot, Grasso, Finocchiaro, Tricomi, Longhitano e Aiello. Il Trecastagni segna il 2 a 1 su rigore di Borbone al 50' e triplica al 60' con un colpo di testa di De Silvestri. Finisce così 3 a 1. La squadra è comunque sembrata ben disposta in campo, note positive sono giunte dai giovani Scaravilla, Castorina e Fiume. A centrocampo meglio Wanausek che ha riscattato la prova incolore di Gravina e Ventura, che sembra già essere in condizione. A fine gara mister Contarino analizza la partita così: "Un primo tempo giocato alla pari degli avversari, non dimentichiamoci che loro sono una squadra di eccellenza e comunque abbiamo giocato bene. Sono contento per la prestazione ma c'è ancora tanto da lavorare, possiamo e dobbiamo fare di più". Nelle file del Trecastagni è sicuramente un piacere ritrovare come allenatore, l'ex giocatore dell'Atletico Catania negli anni della C1, Cacciola, intervistato dall'Addetto Stampa dichiara: "Una partita ben giocata da entrambe le squadre, il risultato importava ben poco, l'importante era svolgere un allenamento e far giocare i ragazzi. La nostra squadra quest'anno punta a disputare un campionato dignitoso in Eccelenza e punta soprattutto a valorizzare i giovani. Sull'Atletico Catania è una squadra quadrata e ben messa in campo, e credo che possa giocarsela in promozione per i primi posti". Gli Allenamenti dell'Atletico Catania riprenderanno giorno 16 alle ore 18 al campo comunale di Acicastello. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 12/08/09 - Leonardi: "Sarà un grande Atletico". Continua la preparazione atletica dell'Atletico Catania agli ordini di Mister Contarino e del preparatore Mirabella. Oggi i giocatori, al "comunale"di Acicastello che ospiterà la squadra fino al 14 Agosto, hanno compiuto i soliti esercizi di potenziamento muscolare e ripetute. Dopo tanta fatica, la solita partitella in famiglia, tra formazione A e formazione B. Una sola rete, segnata da Tricomi. In evidenza sono saltate all'occhio le giocate di Spadaro, Giuffrida, Fiume e qualche '92 che sta entrando a pieno nello scacchiere tattico della rosa. Molti i giocatori comunque affaticati dai molti carichi di lavoro e ancora non si possono esprimere giudizi sulle qualità effettive dei giocatori. A fine allenamento Leonardi, alla quinta stagione in maglia atletista, intervistato dall'Addetto Stampa, ci descrive quelli che sono i suoi obiettivi per la nuova stagione e perchè ha deciso di rimanere: Leonardi, è la quinta stagione con la maglia dell'Atletico Catania, inizia una nuova avventura.. "Si è la quinta stagione con questa maglia, l'Atletico è la mia casa ormai, sono felice di questa riconferma e spero di continuare a giocare qui come ho fatto in questi anni". Una società che ti ha sempre cercato... e trovato.. "Si, una società seria, non ho tardato un attimo ad accettare la riconferma. E' Stata una cosa voluta da entrambi le parti". Siamo ad inizio preparazione e i carichi cominciano a farsi sentire.. "Stiamo lavorando molto, e bene. Mister Mirabella sta facendo lavorare il gruppo bene facendoci sudare parecchio, questi sarà fiato che ci ritroveremo dopo in campionato". Atletico Catania costruito per cosa secondo te? "Secondo me possiamo raggiungere posizioni alte, l'obiettivo principale è la salvezza anticipata, poi se sarà il caso guarderemo oltre". Un buon gruppo riconfermato dallo scorso anno condito con nuovi innesti importanti.. "Siamo un bel gruppo, sicuramente più forte dello scorso anno, sono arrivati rinforzi importanti che hanno potenziato notevolmente la rosa. Credo che non manchi niente a questa squadra, ma i risultati si vedranno nel campo". C'è qualcuno con cui hai legato di più nello spogliatoio? "Ho legato con tutti allo stesso modo, devo dire però che con Giuffrida c'è un amicizia più lunga che ci lega". Proprio con Giuffrida eri compagno di reparto in difesa in 3° Categoria sempre all'Atletico.. "Lo conosco da quando eravamo bambini, e poi ci siamo rivisti in 3° Categoria con l'Atletico Catania. Una bella esperienza che comunque segna l'inizio della mia storia qui". Hai un rapporto speciale con i tifosi, sei una bandiera per loro, cosa dici loro? "Mi fa piacere che sono una bandiera per loro, io spero che loro continuino a seguirci e che ci stiano vicini". Giorno 13 Agosto amichevole a Trecastagni alle ore 17.30 contro il Trecastagni. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 10/08/09 - Mister Contarino: "Tanti ragazzi interessanti in Rosa". Dopo la vittoria nel triangolare del primo torneo "Città di Gravina" l'Atletico Catania si è ritrovato al campo "Monti Rossi" di Nicolosi per il proseguo della preparazione atletica. Oggi agli ordini del preparatore atletico Mirabella i ragazzi hanno svolto i soliti esercizi di potenziamento ed esercizi col pallone. Con la consueta partitella dove mister Contarino ha provato possibili schieramenti mischiando le due formazioni. Proprio col mister analizziamo quella che è stata la prima uscita stagionale nel triangolare con Gravina e Sp.Battiati e come vede la squadra in vista del campionato: Mister, come prima uscita non c'è male, battuto lo Sp.Battiati ai rigori e il Gravina per 1 a 0, come vede questa squadra? "Si abbiamo vinto il triangolare, un risultato importante, ma ancora è presto per tirare le somme e dare un giudizio alla squadra. In questi giorni i ragazzi hanno svolto carichi di lavoro notevoli e c'è chi li smaltisce prima e chi dopo. Però devo dire che tatticamente la squadra si muove bene e abbiamo creato molte occasioni da gol. ". Rosa a completo o ancora manca qualcosa? "Secondo me manca ancora qualcosina a questa rosa, occorrerebbe qualche altro rinforzo, parlerò con la società e tireremo le somme". Quest'anno un attacco importante messo a sua disposizione.. "Si un attacco importante, formato da giocatori importanti. Nel triangolare di gravina mi è dispiaciuto non poter provare Passanisi con Ventura e Spadare, ma credo che ci sarà modo di poterli vedere insieme contro il Trecastagni. Staremo a vedere". A chi dedica questa vittoria e questa coppa? "Il mister lo dedica alla tifoseria che l'anno scorso è stata il dodicesimo uomo in campo, e ovviamente a tutti coloro che fanno sacrifici per questa maglia". La società quest'anno a differenza degli anni passati sta lavorando anche sui giovani.. "Si devo dire che ci sono parecchi ragazzi '90, '91 e '92 interessanti, i giovani stanno lavorando bene per ritagliarsi un posto in squadra. E' giusto dire che qui nessuno ha il posto garantito, nè grandi, nè Juniores, qui ci si allena e chi merita gioca". Oltre ai giovani ha ritrovato gran parte del gruppo dello scorso anno con l'aggiunta di qualche elemento importante.. "Si, è un gruppo importante, lo spogliatoio è unito e cercheremo di dare il massimo per raggiungere il massimo dei risultati. Già dalla prima uscita si vede l'impronta dei nuovi e credo che le loro prestazioni cresceranno notevolmente". Atletico nel girone D di Promozione, un girone di ferro.. "Un girone vale l'altro, sicuramente ci sarà da soffrire e da lottare di più rispetto al girone Messinese, ma noi giocheremo tutte le partite con la stessa grinta cercando di portare a casa i 3 punti ed affrontare tutte le avversarie a viso aperto". Un appello ai tifosi.. "La vittoria come detto prima la dedico a loro, mi è dispiaciuto per non averli visti a Gravina, spero che a Trecastagni siano presenti, perchè l'Atletico ha bisogno pure di loro". Giorno 13 Agosto amichevole a Trecastagni alle ore 17.30 contro il Trecastagni. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 09/08/09 - Orofino chiama i tifosi: "Ricostruiamo un grande Atletico". L'apertura del sito ufficiale dell'Atletico Catania non poteva che essere inaugurata dal presidente Rosario Orofino, che sta lavorando assieme alla società per portare avanti un progetto che punti a far risalire l'Atletico nel calcio che conta. Orofino in un intervista con l'Addetto Stampa Alessio Di Mauro ci specifica quali sono i concetti portanti del "progetto Atletista" e gli obiettivi stagionali e futuri della squadra. Presidente, finalmente l'apertura del nuovo sito ufficiale, un passo importante che migliora la figura dell'Atletico Catania.. "Si, un progetto importante che sicuramente mette in vetrina la nostra squadra, quest'anno abbiamo deciso di mettere on-line il sito ufficiale atleticocatania.it, sito ufficiale che mancava da parecchi anni, se non erro dai tempi della serie C. Un primo passo per ritornare grandi. Abbiamo anche aggiunto la figura dell'Addetto Stampa, che in promozione o addirittura in Eccellenza non ha quasi nessuno, e questo è sinonimo di organizzazione. Colgo l'occasione per ringraziare Alessio Di Mauro per il lavoro che sta svolgendo". Abbiamo sentito dire da molti giocatori che il progetto dell'Atletico è ambizioso, può accennarci di cosa si tratta? "Il nostro progetto comprende svariati campi, sicuramente uno dei più importanti è quello di puntare sui giovani, soprattutto '91 e '92. Stiamo lavorando molto su questo aspetto, costruendo una scuola calcio, con esordienti, juniores ecc, in modo da poter puntare sui giovani sia quest'anno che per gli anni a seguire. Un altro obiettivo compreso nel progetto è sicuramente quello di ottenere uno stadio a Catania, stiamo infatti lavorando col comune per ottenerlo. Per quanto riguarda quest'anno c'è l'obiettivo di una salvezza tranquilla, con un occhio ai Play off. Qualora non dovessero arrivare, nessun dramma". Sembra proprio che il girone capitato sia proprio di ferro.. "Un girone di ferro, dove Avola, Comiso, S.Croce e Ragazzini Generali sembrano essere le più attrezzate. Io mi auguro che saremo noi la sorpresa del campionato". Quest'anno la squadra nonostante tutto è stata costruita già a giugno, grazie al vostro lavoro e la brillante organizzazione.. "Si, abbiamo cominciato prima rispetto alle altre squadre a costruire la rosa e organizzare la stagione. Devo ringraziare il Direttore Santo Palma, persona capace di saper indirizzare al meglio la campagna acquisti e il progetto che abbiamo in mente. Ringrazio inoltre gli altri soci della dirigenza, Scardaci, Tricomi e Di Stefano, che con molti sacrifici stanno aiutando la causa Atletista". Qualche discordanza con i tifosi a inizio estate, adesso è tutto risolto? "Io sono uno di loro, e chiedo loro di sostenerci per ricostruire un grande atletico. Sabato ho avuto modo di parlare con alcuni di loro ed hanno sposato a pieno il nostro progetto, questo è sicuramente un segno positivo". infine la dirigenza e tutto lo staff dell'Atletico Catania augura a tutte le società dello sport catanese, non solo calcistiche, i migliori risultati e buona fortuna per le nuove stagioni. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 09/08/09 - L'Atletico Catania vince il primo torneo "Città di Gravina". L'Atletico Catania vince il primo torneo "Città di Gravina". Gli uomini di mister Contarino hanno aperto il torneo affrontando lo Sporting Battiati; gara ostica e disputata ad alti livelli, dove a tratti lo Sp.Battiati imponeva il proprio gioco, e l'Atletico si rendeva pericoloso sulle ripartenze. La gara nonostante l'agonismo mostrato in campo finisce 0 a 0. Ai calci di rigore finisce 4 a 3 per l'Atletico Catania. L'Altra gara, contro il Gravina da più spazio ai giovani, nonostante ciò, è sempre l'Atletico ad vincere l'incontro con una rete del giovane Fiume. A fine torneo premiazione con Coppa all'Atletico Catania, ai secondi e terzi classificati medaglie a tutta la rosa. Da DOMANI 10 Agosto, finalmente, sarà on-line il nuovo sito ufficiale dell'Atletico Catania. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 06/08/09 - Sabato primo test ufficiale. L'Atletico Catania continua la sua preparazione atletica agli ordini di mister Contarino e del preparatore Mirabella. Gli etnei in questi giorni hanno svolto lavori di potenziamento in pineta con scalini e tanta corsa. Si accusano già diversi affaticati: Passanisi ha lavorato a parte per una botta al polpaccio, Finocchiaro ha sospeso l'allenamento quest'oggi per un infiammazione al menisco, stessa sorte per Noto che ha sospeso la seduta per problemi alla schiena. Mister Contarino ha avuto modo di provare la squadra in campo, in vista del triangolare di Sabato 8 Agosto, che vedrà di fronte il Gravina e lo Sp.Battiati (prossima avversaria di coppa sicilia). La squadra, visibilmente affaticata, risente dei carichi di lavoro effettuati in questi giorni e ancora non si possono dare "giudizi" su quello che si vede in campo e sulle qualità dei giocatori. Come detto sabato ci sarà il primo test ufficiale, con Gravina e Sp.Battiati, al "Matteotti" di Gravina, calcio d'inizio alle ore 18. Test che servirà a mister Contarino di provare tutta la rosa messa a disposizione e per farsi un idea sui ruoli e posizionamenti dei giocatori. La società inoltre quest'oggi ha concluso una trattativa importante in chiave Juniores, sono stati ingaggiati cinque giocatori classe 92' che andranno ad aggregarsi in prima squadra. Il portiere Marco Sciuto, gli esterni di centrocampo Caravilla Francesco e Venuto Giovanni, il centrocampista Auteri Carlo e il terzino Castorina Carlo. Da Lunedì 10 Agosto, finalmente, sarà on-line il nuovo sito ufficiale dell'Atletico Catania. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 04/08/09 - Atletico Catania nel girone di Ferro. Secondo giorno di lavoro per l'Atletico Catania, che continua la sua preparazione atletica al campo "Monti Rossi" di Nicolosi. La squadra del presidente Orofino ha eseguito carichi di lavoro in pineta con tanta corsa ed esercizi di potenziamento. Qualche affaticamento muscolare per Passanisi ma niente di grave. La preparazione è continuata sul campo con esercizi col pallone e la partitella finale, dove unico marcatore è stato Giovanni Spadaro con un preciso colpo di testa. << Per i prossimi giorni ci sarà da sgobbare ancora - afferma il preparatore Mirabella - ancora siamo all'inizio, da domani si farà sul serio>>. Ufficializzati inoltre i gironi, l'Atletico Catania è stato inserito nel girone D, un girone di ferro, al quale andranno a far parte:

Atletico Catania

Atletico Gela

Città di Canicattini

Comiso

Francofonte

Frigintini

Gravina Calcio

AMoticea

Nuova Aquila Grammichele

Pachino

Priolo Calcio

Ragazzini Generali

Real Avola

Santa Croce

Scicli

Sporting Misterbianco

Un girone di ferro dove Real Avola, Comiso e Sp.Misterbianco saranno avversari ostici. Nell'ambiente atletista non ci sono rammarichi, anzi, i giocatori sono motivati e con un girone così impegnativo avranno più stimoli per scendere in campo agguerriti. Effettuato inoltre anche il sorteggio della coppa Sicilia, dove l'Atletico Catania andrà ad affrontare lo Sporting Battiati (ex D'Annunzio), giorno 30 Agosto. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 03/08/09 - Atletico Catania al lavoro. Comincia ufficialmente la stagione dell'Atletico Catania, che oggi al campo "Monti Rossi" di Nicolosi si è riunita per dare vita a quello che sarà il nuovo cammino nel campionato di Promozione 2009-2010. La squadra al completo, ha ricevuto l'abbigliamento col kit di allenamento, per poi cominciare a lavorare agli ordini di mister Contarino e del preparatore atletico Mirabella. Tanta corsa e carichi di lavoro, che serviranno ai giocatori ad acquistare potenza e ossigeno per il campionato. Si sono visti quest'oggi volti nuovi, tra Juniores e qualche innesto in prova. "Il gruppo sembra affiatato - dichiara il dirigente Giuseppe Tricomi - cerchiamo di lavorare sodo e poter fare bene questa stagione. La rosa è completa e credo che quest'anno possiamo levarci qualche soddisfazione. Non sventoliamo obiettivi di vertice, il nostro obiettivo rimane una salvezza tranquilla, ma siamo consapevoli che possiamo andare oltre". Il primo appuntamento ufficiale sarà il triangolare tra Atletico Catania, Gravina e Sporting Battiati giorno 8 Agosto, alle ore 17. A breve la presentazione del nuovo sito, presentazione tardata da problemi tecnici con il "registro domini .it". Domani la preparazione continuerà sempre al campo "Monti Rossi" di Nicolosi, alle ore 17. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 02/08/09 - Tricomi: " Puntiamo ai Play Off". L'Atletico Catania, che partirà domani 3 agosto con la preparazione, conta di un altra importante riconferma quella di Giovanni Tricomi, interessante Juniores del '91 che la scorsa stagione ha fatto sicuramente la sua parte, dando un contributo decisivo alla squadra etnea. Tricomi, cresciuto nel vivaio della San Pio X, arriva all'Atletico la scorsa stagione, giocando a spazzi sia da esterno di centrocampo, che come attaccante. Contento della riconferma, ci delinea gli aspetti della nuova stagione che andrà ad affrontare, in un intervista telefonica: Complimenti per la riconferma, finalmente domani 3 Agosto si ricomincia.. "Grazie sono contento di questa riconferma, perchè fortemente voluta. Ho ricevuto in estate altre offerte da altre società ma ho rifiutato perchè mi sono fatto coinvolgere dal progetto societario, alquanto allettante. Abbiamo sicuramente altri obiettivi, diversi dallo scorso anno e questo per me è uno stimolo in più. Domani cominceremo questa nuova avventura, e cerchiamo di prepararci al meglio per il nuovo campionato". Con la società sempre un ottimo rapporto.. "Si in due anni non ho avuto problemi, ma quest'anno la società mi sembra più organizzata e decisa a costruire un progetto importante che ci porterà in alto". Lo scorso anno sei stato utilizzato da esterno di centrocampo e attaccante, quale ruolo preferisci ? "Si ho giocato maggiormente da esterno di centrocampo, ma sinceramente ho sempre giocato in attacco da piccolo e mi trovo meglio in questo ruolo". Reparto offensivo rafforzato ulteriormente da Spadaro, ci sarà molto da sudare per guadagnarsi una maglia.. "Un attacco da tanti gol, sicuramente io non starò a guardare. Cercherò di impegnarmi negli allenamenti e cercar di ritagliarmi un posto in squadra, convincendo il mister. So che non sarà una cosa semplice". Quest'anno dove si pensa di arrivare? "Quest'anno dobbiamo vincere. Intanto puntiamo a raggiungere la salvezza con molte giornate d'anticipo, poi si punterà ai play-off. Noi vogliamo andare in Eccellenza". Una dedica ai tifosi? "Sono grandi, spero che continueranno a sostenerci in tutte le partite come lo scorso anno. Il loro apporto è fondamentale per la squadra". Domani al via la preparazione atletica, i giocatori sono riuniti al campo "Monti Rossi" di Nicolosi, alle ore 17, agli ordini di Mister Contarino e staff Tecnico. L'Apertura del sito ufficiale slitterà ancora di qualche giorno, per l'attesa dell'ok da parte del "centro registri domini .it". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 31/07/09 - Alessio Di Mauro: "Dal 3 Agosto il sito ufficiale". L'Atletico Catania continua a lavorare sodo in vista della nuova stagione, sia nel mercato, sia nel progetto di crescita della società. Dopo l'addio di Santo Crisafi, divenuto DS del Misterbianco, quest'anno la società si è rafforzata nel campo giornalistico con l'ingresso di Di Mauro Alessio, divenuto Addetto Stampa dell'Atletico. "Sono felice di ricoprire questo ruolo, assieme al Presidente e DS abbiamo lavorato molto e sono felice di annunciare l'apertura di un nuovo sito internet ufficiale, on-line dal 3 Agosto. Sito ufficiale che andrà a sostituire l'attuale "mondoatletico". Va ricordato che l'Atletico non ha un sito ufficiale da parecchi anni, dai tempi della C1, e credo che questa per noi sia una possibilità importante per metterci in mostra, una vetrina di slancio per rafforzare l'informazione attorno alla squadra, capace di far crescere società e squadra. Il nuovo sito sarà molto più dettagliato con le schede dei vari giocatori e dirigenti e avrà anche una sezione dedicata alla Juniores, obiettivo sulla quale la società sta puntando molto. Spero di poter aiutare la società a realizzare questo progetto di crescita e far tornare l'Atletico Catania a grandi livelli". Mercoledì 29 Luglio, in un locale in provincia di Catania, si sono riuniti giocatori, Staff e dirigenti. Tra i volti nuovi Spadaro, Sciuto, Calì e Visi. Presentati inoltre altri due Juniores, i difensori Salvatore Fiume ('90) e Dani Longhitano ('91). All'elenco dei confermati si aggiungono invece Benedetto Finocchiaro ('90) e Santi Grasso ('91). L'Atletico Catania perde invece La Porta ('90) e il giovane Andrea Aliquò (90') per la rottura dei legamenti, in una partitella estiva; per lui stagione finita. Ad Andrea auguriamo i migliori auguri di pronta guarigione, sperando in un suo celere recupero. La preparazione atletica comincerà il 3 Agosto, come già anticipato. Il campo di allenamento, ufficializzato ieri, sarà il comunale di "Zia Lisa" a partire dal 20 Agosto. I giocatori si alleneranno dal Martedì al Venerdi dalle 18 alle 19.30. Lo stesso campo verrà utilizzato per le gare casalinghe della squadra. Inizialmente dal 3 al 19 la preparazione verrà svolta al campo "Monti Rossi" di Nicolosi. Fissati già i due primi appuntamenti: giorno 8 Agosto a Gravina alle ore 18, triangolare tra Atletico Catania, Gravina e Sporting Battiati, mentre giorno 13 a Trecastagni amichevole con la formazione locale, calcio d'inizio ore 17:30. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 30/07/09 - Marco Lisi: "Un esperienza per migliorarmi". L'inizio dello start si avvicina e società e DS continuano a cercare volti nuovi che andranno a comporre la rosa atletista nella stagione 2009/2010. Dopo i vari Sciuto, Spadaro, Calì e Di Stefano si aggiunge il giovane portiere classe '90 Marco Lisi, che andrà ad affiancare il più esperto Mario Noto nel ruolo di portiere. Lisi cresciuto nelle Giovanili del Mascalucia e Canalicchiom, ha avuto anche varie esperienze in Eccellenza, nel Trecastagni e Atl.Riposto, giocando qualche partita, forte del fatto di rientrare nella categoria Juniores, importante in queste categorie. In un intervista telefonica il portiere ci racconta cosa l'ha spinto ad accettare il progetto Atletico Catania: Benvenuto all'Atletico, cosa ti ha spinto ad approdare all'Atletico? "Grazie, ho avuto modo di parlare col Presidente e con il DS e mi sono sembrate persone molto serie e in gamba. Il loro progetto, che condivido in pieno, è quello di creare una società solida per il futuro e costruire una squadra compatta, raggiungendo risultati importanti sul campo". Rispetto allo scorso anno la squadra si è notevolmente rinforzata, conosci qualcuno in particolar modo dei nuovi? "Purtroppo non li conosco bene calcisticamente, ma so che i loro nomi sono importanti. Della rosa, calcisticamente, conosco solo Fontanot che è stato mio compagno di squadra nell'Atletico Riposto". L'obiettivo principale di quest'anno? "Sicuramente una salvezza tranquilla, poi durante il corso del campionato vedremo se si potrà andare oltre. L'altro obiettivo, come detto prima è quello di creare un gruppo compatto all'interno dello spogliatoio". Come vedi la competizione con Mario Noto? "Ho sentito dire che è un ottimo portiere, con esperienza e che ha vinto tanto. Non ci sarà competizione, per me sarà un'esperienza che servirà a migliorarmi, a prescindere se giocherò o meno. Per me allenarmi accanto a Noto sarà uno stimolo in più per migliorare e imparare qualcosa in più da un portiere con molta esperienza". Avrai sentito dire che l'Atletico ha un gran seguito di tifosi, e anche quest'anno come sempre saranno presenti.. "Si, l'atletico ha una gran tifoseria, seguono questa squadra da molto tempo e la passione che mettono è davvero incredibile. Spero possano aiutarci durante il campionato e possano darci una mano a raggiungere grandi risultati". Società e giocatori Mercoledì sera si riuniranno in un locale in provincia di Catania per incontrarsi e programmare la nuova stagione che partirà il 3 Agosto. Ancora nessuna novità su quale sarà il campo di gioco e di allenamento, si prevede quello di "Zia Lisa" ma ancora non ci sono state conferme. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 25/07/09 - Riconfermato Wanausek, centrocampo rafforzato. L'Atletico Catania ha raggiunto l'accordo con il centrocampista Samuel Wanausek, riconfermandolo anche per questa stagione. Wanausek classe '88 conta varie esperienze in Eccellenza nella Leonzio, Aci S.Antonio e Tremestieri. "La squadra sta comnciando a prendere forma - afferma il presidente Orofino- con la riconferma di Wanausek abbiamo rafforzato ulteriormente la linea mediana del campo. Stiamo lavorando bene per creare una formazione capace di migliorare la classifica dello scorso anno". In serata Wanausek intervistato dall'Addetto Stampa Alessio Di Mauro ci analizza la stagione appena trascorsa e quella che andrà ad affrontare: Alle tante riconferme si aggiunge anche quella di Wanausek.."Si, questa riconferma è stata importante per me, fa sicuramente piacere continuare questa avventura. Cercherò sicuramente di dare il massimo in campo per dimostrare il mio valore". La società ha creduto nelle tue capacità, cosa ne pensi dell'attuale società? "Non ho mai avuto problemi con la società, sono persone serie e puntuali, e stanno portando avanti un progetto calcistico importante che sicuramente porterà risultati positivi". In che ruolo giochi abitualmente? E quali esperienze passate ricordi con piacere? "I primi anni giocavo in posizioni arretrate come terzino destro, poi sono avanzato di posizione come esterno di centrocampo, e devo dire che è la posizione dove mi trovo meglio. In passato ho giocato in Eccellenza alla Leonzio, Aci S.Antonio e Tremestieri". Sei poi arrivato a Dicembre scorso all'Atletico.. come analizzi la stagione passata? "Una stagione dove si poteva fare di più, abbiamo sistemato la squadra a Dicembre e non eravamo una squadra che si doveva salvare all'ultima giornata. Però come si suol dire.. la palla è rotonda". E quest'anno l'Atletico dove pensa di arrivare? "Sicuramente non puntiamo alla promozione diretta, ma siamo consapevoli di avere un grande organico capace di far divertire il nostro pubblico. Quello che arriverà accetteremo". Quest'anno incontrerai nuovamente molti tuoi compagni riconfermati, con chi hai legato di più? "Non c'è qualcuno in particolare, nello spogliatoio siamo un bel gruppo unito e spero che rimarrà tale anche l'anno prossimo anche con i nuovi innesti". Speri ovviamente di avere più spazio quest'anno per giocare.. "Si lo scorso anno arrivai all'atletico senza preparazione e ho avuto poco spazio perchè ero poco allenato. Quest'anno cominciando da zero spero di poter convincere il mister delle mie qualità e aver più spazio per giocare". Un ultimo pensiero ai tifosi, sempre presenti. "I tifosi sono un gran gruppo con tanta voglia di accompagnarci e sostenerci ovunque siamo. Li ringrazio per il loro apporto sperando che continuino a darci una mano". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 20/07/09 - Fontanot: "Ci aspetta un'annata positiva". Arrivato all'Atletico nel Dicembre 2008, Mattia Fontanot si prepara ad affrontare una nuova stagione con la maglia dell'Atletico Catania. Classe '88, Fontanot, lo scorso anno è stato utilizzato da mister Contarino come terzino o esterno di centrocampo, per poi anticipare la fine della stagione a causa di un infortunio alla schiena. Nonostante tutto Presidente e Società hanno deciso di riconfermarlo anche per questa stagione per assicurarsi le prestazioni del giocatore. In un intervista telefonica, analizziamo con Fontanot la stagione appena passata e quella che lo aspetta: Complimenti intanto per la riconferma, sei felice di rimanere? "Grazie, si sono felicissimo di rimanere, speravo di essere riconfermato e ciò è puntualmente avvenuto. Già lo scorso anno parlando con i miei compagni di squadra volevamo rimetterci in gioco per un altra stagione, e adesso siamo qui". Sei arrivato all'Atletico lo scorso dicembre, da li un nuovo campionato.. "Si, arrivai nel mercato di riparazione a Dicembre, con una squadra in piena zona play out. Da li per tutto il gruppo cominciò una nuova stagione e raggiungemmo risultati incredibili, conquistando una salvezza all'ultima giornata che per molti versi sembrava insperata." Risultati ottenuti grazie ad una società che ha saputo rimediare agli errori del girone di andata e ad un gruppo più unito che mai.. "Si, una società che ci ha messo il cuore e un gruppo unito nello spogliatoio che ci ha portati a raggiungere buoni risultati. Mi sono trovato bene con tutto lo staff, società e giocatori, da qui nasce la mia contentezza per la riconferma". Lo scorso anno la tua stagione è stata interrotta da un infortunio alla schiena, hai ancora qualche risentimento? "Assolutamente, credo di essermi ripreso a pieno, spero di essere in gran forma per l'inizio della nuova stagione". E' stato riconfermato gran parte del gruppo dello scorso anno, purtroppo non ritroverete Benny Cascio.. "Si, purtroppo ho saputo dei suoi impegni lavorativi, e dispiace non averlo ancora in squadra. Benny era un simbolo per lo spogliatoio, è difficile rimpiazzare il suo personaggio carismatico". Cosa ti aspetti dalla nuova stagione? dove può arrivare quest'Atletico? "Quest'Atletico può sicuramente lottare per le posizioni alte. Sicuramente non faremo un campionato incolore. Se lo scorso anno abbiamo fatto un girone di ritorno da play-off, la prossima stagione non dovremmo fare di meno, visto che la squadra è stata rafforzata in tutti i reparti. Noi non abbiamo niente di meno rispetto alle altre squadre e credo che i play-off non siano un obiettivo impossibile." L'arma principale di questa squadra sono sicuramente i tifosi.. "Sono d'accordo, a loro faccio un applauso per quello che sono riusciti a fare. Lo scorso anno ci sono stati vicini e non ci hanno fatto mancare il loro calore, sia in casa che nelle trasferte più difficili. Spero che l'Atletico vincendo sul campo possa far ritornare allo stadio anche i più vecchi tifosi, per riaccendere la passione dell'Atletico Catania". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 18/07/09 - Ventura: "Quest'anno un attacco micidiale". Fresco di riconferma, Alessio Ventura si appresta ad affrontare una nuova stagione con la maglia dell'Atletico Catania; arrivato all'Atletico a dicembre dello scorso anno, Ventura ha segnato 6 reti , sicuramente decisive per la salvezza. Con Passanisi lo scorso anno ha creato non pochi problemi per le difese avversarie, e quest'anno sarà ancor peggio con l'avvento del nuovo acquisto Spadaro. Un attacco da 40 gol, che sicuramente farà divertire pubblico e tifosi. In un intervista telefonica Ventura analizza la stagione appena passata e gli obiettivi che dovrà raggiungere per la prossima: Anche per te è arrivata la riconferma, d'altronde sei stato decisivo lo scorso anno.. "Si, questa riconferma è stata importante sia per me, e spero anche per la società. Per quello che ho fatto lo scorso anno credo sia stata meritata. Anche se ho fatto 6 reti in quattro mesi, ho fatto molti assist ai compagni, portando l'Atletico alla salvezza". Salvezza arrivata grazie ad un gruppo unito, che nei momenti difficili è venuto fuori.. "Si, da Dicembre, mese in cui arrivai all'Atletico, è uscito fuori il gruppo, c'era la voglia di fare bene e risalire la china per raggiungere quella salvezza che all'ultima giornata raggiungemmo. Sono comunque felice di questo gruppo, si è sempre dimostrato unito." Tutto questo grazie ad una società che a quanto pare sta, o addirittura ha gia creato delle basi importanti per il futuro... "Esattamente, una società seria e organizzata, che sta facendo un buon lavoro per portare l'Atletico in palcoscenici migliori. Io personalmente sono felicissimo di rimanere perchè mi trovo benissimo con persone come Santo Palma e il Presidente". Nel tuo bagaglio calcistico quale esperienza ricordi con piacere? "Sicuramente quella all'Aci S.Antonio in prima categoria e Promozione, poi all'Universal Misterbianco dove ci fu il boom di Ventura, e infine al Nicolosi dove vinsi 2 campionati e segnai 190 reti in 5 anni, un bel bottino per un attaccante. Adesso sono all'Atletico e spero di ripetermi. In queste esperienze ho ritrovato anche Mario Noto col quale abbiamo un rapporto fraterno e sono contento di ritrovarlo in squadra qui all'Atletico". Adesso ti aspetta una nuova stagione ricca di gol.. come vedi il reparto offensivo con Spadaro? "Quest'anno abbiamo un attacco micidiale, cercheremo di dare il massimo e segnare quanti più gol possibili". Ci sarà più competitività nel tuo reparto, oppure pensi che giocherete in 3 li davanti? "Io credo che giocheremo in 3 in avanti, a me non piace essere competitivo con i miei compagni, non mi importa chi scende in campo, l'importante è portare a casa la vittoria a prescindere da chi gioca e chi segna". Dove pensate di arrivare quest'anno con questa rosa? "Sicuramente cercheremo di disputare un campionato di alta classifica, la squadra che si sta venendo a formare non è sicuramente da salvezza e credo che possa lottare per le posizioni alte". Con i tifosi hai legato un buon rapporto, cosa dici loro? "A loro dico di continuare così. Lo scorso anno non sono mancati ad una partita, nè quantomeno ad una trasferta. Ci sono sempre stati vicini. Sono contento anche perchè con loro ho instaurato un buon rapporto di amicizia, e credo sia molto importante". La Società dell'Atletico Catania comunica di aver acquistato il giovane portiere classe '90, Marco Visi, ex Trecastagni e Atletico Riposto. Inoltre la squadra Juniores sarà guidata dal Professor Mario Pulvirenti; la società contenta dell'ingaggio si augura di raggiungere traguardi importanti col nuovo mister. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 16/07/09 - Merola motivato: "Non siamo squadra da salvezza". Alle tante riconferme in casa Atletista, si aggiunge quella del centrocampista Merola. Emanuele Merola, 33 anni, ha disputato una lunga carriera in Eccellenza, ben 15 anni, per poi approdare all'Atletico lo scorso anno in Promozione. Questo per lui sarà il secondo anno consecutivo con la maglia dell'Atletico e in Promozione. Mediano e battagliero in mezzo al campo, Merola è stato lo scorso anno un pilastro importante per il centrocampo atletista e adesso si appresta ad affrontare una stagione ancor più difficile ma con grandi motivazioni. Intervistato dall'addetto Stampa, Merola, ci espone obiettivi e pensieri, sulla stagione passata e quella che andrà ad affrontare: Complimenti per la riconferma, la società ha creduto in te e sei stato giustamente riconfermato.. "Si sono felicissimo di esser stato riconfermato, per me dopo ben 15 anni di eccellenza è una novità giocare in Promozione, ma ho deciso di sposare questo progetto senza troppi pensieri. Ho ricevuto offerte da altri club ma ho deciso di rimanere. Sono rimasto soprattutto per la serietà dimostrata della società e al gruppo veramente fantastico". Sei arrivato all'Atletico la scorsa stagione ad agosto, dopo un avvio poco brillante vi siete rimboccati le maniche e avete uscito gli attributi.. "Si, dopo un avvio disastroso nel girone di ritorno, dove nella rosa mancava ancora qualcosa, nella seconda parte con i nuovi arrivi ci siamo completati e abbiamo fatto 26 punti; un cammino play off. Peccato non averci pensato prima." Quest'anno la società ha deciso di cominciare a costruire una squadra tosta già da Giugno, cosa ne pensi dei nuovi acquisti? "Il DS sta costruendo una squadra molto competitiva, nomi come Passanisi, Noto, Merola, Spadaro, Sciuto, sono nomi importanti. Sono sicuro che questa non è una squadra che punterà alla salvezza. Con questi nomi i play off sono alla nostra portata. Poi sarà il campo a decidere. Il fatto comunque che la società abbia cominciato a costruire una rosa a Giugno è sinonimo di organizzazione e serietà". Non sappiamo con certezza in che girone verrà inserito l'Atletico, tu preferisci quello Messinese o Siracusano? "Io preferisco di gran lunga il girone Messinese, perchè è più semplice e più fisico, a confronto di quello Siracusano che è più tecnico. Spero di essere inserito nel messinese". I tifosi saranno l'arma in più.. "Sicuramente, la differenza la fanno loro in queste categorie. In Promozione non ci sono tifosi, e per noi è un onore ed una fortuna averli. Io cercherò di dare tutto me stesso in campo e cercar di far tornare grande l'Atletico Catania". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 13/07/09 - Una certezza tra i pali: Mario Noto. Da due anni l'Atletico Catania è diventata la sua casa, e adesso Mario Noto si appresta ad affrontare il terzo anno consecutivo con la maglia atletista. Fortemente "ri-voluto" dalla società, Noto si è dimostrato in questi anni un pilastro importante della rosa. Con l'Atletico Catania ha vinto un campionato in prima Categoria e conquistato una salvezza incredibile all'ultima giornata lo scorso anno. Ripercorriamo con lui questi due anni passati in maglia atletista, in un intervista al portierone atletista: Complimenti per la riconferma, sei felice di rimanere? "Si decisamente, devo dire che questa riconferma l'ho meritata nel campo, sono comunque felice di rimanere perchè conosco la società, sono brave persone e soprattutto precise. Un elogio speciale lo mando al DS Santo Palma che ha un entusiasmo particolare quest'anno e di questo ne sono felice". Sono passati due anni, e ti appresti ad affrontare il terzo.. "Due anni intensi, ricchi di soddisfazioni. In Prima categoria dominammo tutto il campionato e lo vincemmo lo scorso anno raggiungemmo una salvezza incredibile.. due anni ricchi di emozioni". Proprio lo scorso anno c'è stata la voglia di tutti di fare bene e recuperare una classifica che a dicembre era drammatica.. "Esatto, è uscito fuori il gruppo, sono arrivati dei rinforzi e alla fine ci siam salvati. Io ho vinto molti campionati nella mia carriera, ma mai avevo lottato per la salvezza e devo dire che salvarsi è ancor più bello di vincere un campionato. L'Atletico è diventata una famiglia, sia quando allenava mister Pecorino che con Contarino, questa è stata la forza in più di questa squadra. L'Atletico mi ha fatto ritrovare la voglia di giocare a calcio, voglia che altri club mi avevano fatto passare". Adesso ti prepari ad affrontare una nuova stagione, la terza.. come vadi la rosa? "Abbiamo fatto acquisti mirati e importanti, sicuramente il nostro punto di forza maggiore è l'attacco, con Ventura, Passanisi e Spadaro abbiamo un attacco da 40 gol, a centrocampo con Merola e Calì siamo ok, in difesa dispiace che non ritroveremo Benny Cascio, ma con l'acquisto di Saro Sciuto non ci dovrebbero essere molti problemi a rimpiazzarlo". E quest'anno Mario Noto dove pensa di arrivare? "Facendo un analisi con lo scorso campionato direi che i play off sono alla nostra portata, e credo che possiamo raggiungerli tranquillamente se giochiamo come sappiamo". Un ultima parentesi per i tifosi.. "Devono stare tranquilli, ho saputo di qualche critica a inizio stagione, ma spero che non appena iniziamo possano darci una mano. Noi abbiamo bisogno di loro e avranno una particolare importanza specie nelle gare interne". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 09/07/09 - Altro difensore: preso Di Stefano. L'Atletico Catania ufficializza l'acquisto del giovane Nunzio Di Stefano, che andrà a rinforzare il reparto difensivo. Di Stefano classe 1988, difensore che sa adattarsi in posizione centrale o in fascia, arriva all'Atletico dopo le esperienze all'Acicastello in I Categoria, e Viagrande, Virtus e Scordia in Promozione. Il neo-acquisto della società esprime i suoi obiettivi e le sue aspettative per la nuova stagione: Benvenuto all'Atletico, o per lo meno.. buon ritorno all'Atletico.. "grazie, sono felice di entrar a far parte di questa squadra, anche se già a Dicembre scorso ero entrato a farne parte ma ho dovuto lasciare per motivi universitari, ho subito accettato di venire all'Atletico Catania perchè c'è sicuramente un progetto importante e ambizioso per costruire qualcosa di serio. La Società mi ha fatto un ottima impressione, rispetto allo scorso anno ho notato più organizzazione e credo che questo sia un fattore determinante per la crescita dell'Atletico Catania, inoltre ho trovato molto entusiasmo da parte del DS Santo Palma che sta lavorando parecchio per creare una squadra molto competitiva". Cosa significa per te giocare nell'Atletico? "Giocare all'Atletico per me significa tanto, solo il nome mi da l'impressione di una squadra importante e certamente da un passato glorioso. Tra le proposte ricevute da altre squadre ho deciso di sposare questa, perchè mi sembra la più ambiziosa". Il tuo ruolo in campo? "Io ho sempre giocato nel reparto difensivo, sia come centrale che come terzino destro o sinistro. Posso ricoprire sicuramente più ruoli. Quest'anno c'è molta competitività in questo reparto con Giuffrida, LEonardi, Aliquò, Sciuto.. ci sarà da lavorare per ritagliarmi qualche spazio.." Conosci già qualche giocatore in Rosa? "Si, con molti di loro eravamo compagni di squadra, conosco mister Contarino che l'ho gia avuto come allenatore, poi Giuffrida, Sciuto, Merola, Noto ecc.." Cosa ti aspetti da questa stagione? "Spero sicuramente di fare bene come giocatore e che l'Atletico possa disputare una stagione tranquilla. A campionato in corso speriamo di poter andare oltre" Un ultimo pensiero ai tifosi.. "Sicuramente per noi è un piacere avere dei tifosi così calorosi, questo è determinante in queste categorie perchè ti aiutano a vincere le partite. Avranno un ruolo determinante quest'anno specialmente in casa". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 08/07/09 - Calì: altro colpo in casa Atletico. Il DS Santo Palma lo seguiva da molti anni e finalmente è riuscito ad accostarlo all'Atletico Catania; Il forte centrocampista Salvatore Calì, classe 1982 è ufficialmente il terzo acquisto della società. Calì fortemente voluto dalla società può vantare un curriculum abbastanza importante; nasce nelle giovanili del Messina per poi disputare campionati di Allievi Nazionali e Berretti con l'Acireale, allenandosi anche in prima squadra, quando ancora l'Acireale giocava in serie C; Ebbe una breve parentesi a Sciacca in serie D, per poi disputare 7 anni in Eccellenza, esattamente col Viagrande, Leonzio, Scordia e Valguarnera, infine lo scorso anno in Promozione con il Linguaglossa, dopo una brevissima parentesi a Zafferana. Ecco le prime parole del neo-acquisto Calì in un intervista con il nostro Addetto Stampa Alessio Di Mauro: Calì, benvenuto all'Atletico Catania, cosa ti ha spinto a sposare questo progetto? "Grazie sono felicissimo di arrivare all'Atletico, sinceramente non conosco la società, quindi non esprimo pareri, ma conosco con certezza chi mi ha contattato, ovvero il DS Santo Palma; nutro una stima particolare nei suoi confronti, mi ha sempre cercato fin dai tempi in cui giocavo con l'Acireale. Il suo entusiasmo per questa squadra mi ha convinto a seguirlo in questa avventura, rifiutando molte altre soluzioni". Il tuo ruolo originario è mediano di centrocampo.. "Si in questi ultimi anni mi sono adattato a questo ruolo, che sembri sfruttare di più le mie abilità calcistiche, anche se in passato ho anche giocato come esterno di centrocampo". Nell'Atletico ritrovi giocatori che sono stati tuoi compagni di squadra in passato... "Si, ci sono molti giocatori che fa piacere ritrovare in squadra. Tra cui Alessio Ventura che lo conosco bene, Mario Noto, Sciuto che giocava con me a Linguaglossa, Merola che spesso giocavamo contro, ecc..". Arrivi in una squadra che comunque ha un passato importante.. "Si fa sicuramente piacere giocare in una squadra dal passato glorioso come quello dell'Atletico Catania. Sicuramente l'Atletico meriterebbe palcoscenici migliori e spero che la società riesca nel raggiungere obiettivi importanti". Cosa ti aspetti da questo campionato? "Io spero davvero di non disputare un campionato anomalo, il mio obiettivo personale è quello di cercare di raggiungere posizioni alte di classifica. Spero che la dirigenza e giocatori abbiano il presupposto per puntare in alto". Un pensiero ai tifosi.. "So che l'Atletico ha un seguito di tifosi, e questa è una cosa bella. Questi ragazzi hanno mostrato tanta umiltà in questi anni, sono riusciti a ripartire dalla terza categoria toccando il fondo e adesso stanno costruendo qualcosa di importante. Spero che comunque ci stiano vicini soprattutto nei momenti difficili". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 06/07/09 - Seby Giuffrida: "contento di rimanere". L'Atletico Catania riparte da un altra certezza nel reparto difensivo, ai vari Leonardi, Aliquò e Sciuto si aggiunge anche l'ormai veterano Seby Giuffrida. Giuffrida, arrivato a Dicembre della scorsa stagione, contava già un esperienza nella squadra etnea, in terza Categoria (stagione 2005-2006). Ripercorriamo col giocatore, in un intervista, le tappe che l'hanno portato al ritorno in squadra e la riconferma per la nuova stagione: Complimenti innanzi tutto per la riconferma.. "Grazie, per me è importantissimo rimanere all'Atletico, sono contento che società e mister abbiano creduto in me e mi abbiano confermato per un altra stagione. Ringrazio Presidente e Società per questa opportunità. Tu, sei stato un pilastro importante nel 2006, quando l'Atletico giocava in terza Categoria, cosa ricordi di quell'esperienza? "Quella della Terza Categoria è stata un bella avventura, mi sono divertito un mondo sia all'interno dello spogliatoio, sia con i tifosi, che gran parte facevano parte della rosa, sia con Mister Barbagallo che si è rivelato un grande uomo. Per giocare con l'Atletico in terza categoria rifiutai offerte importanti ma alla fine ne valse la pena". Dopo la parentesi "Zafferana" ritorni all'Atletico in Promozione, che effetto ti fa? "Sicuramente positivo, ritorno all'Atletico più carico di prima, già lo scorso anno, anche se ho giocato poco, ho cercato di dare il mio contributo, quest'anno sicuramente cercherò di migliorarmi e giocare partite con prestazioni maiuscole. Che ambiente hai trovato nello spogliatoio? "Non credevo sinceramente di trovare uno spogliatoio così unito, e non credevo soprattutto di trovare degli amici all'interno di uno spogliatoio. Ho legato maggiormente con Benny Cascio, che per me rimarrà sempre un grande capitano, e poi con i vari Passanisi, Merola, ecc.. Quest'anno come vedi la squadra in ottica "campionato"? "Devo dire che la società sta facendo grandi manovre di mercato, con gli acquisti di Spadaro e Sciuto già la squadra è notevolmente rinforzata. Adesso arriverà sicuramente qualche altro ritocco e saremo pronti per dare battaglia. Il DS sta lavorando bene e sta mettendo su una buona squadra equilibrata e capace di far divertire il nostro pubblico. Sono sicuro che ci toglieremo tante soddisfazioni. Nel reparto difensivo c'è molta competitività quest'anno, pensi di avere più spazio rispetto alla scorsa stagione? "Io ci metterò i mezzi per lavorare bene e mettere in difficoltà il mister. Io, Leonardi e Sciuto ce la giocheremo ogni domenica per guadagnarci la maglia da titolare, poi starà al mister decidere. Un ultimo pensiero per i tifosi.. "Sono ragazzi splendidi, li ritrovo dopo la terza Categoria, ma la loro passione rimane sempre immutata. Il loro tifo è uno spettacolo e il loro calore ti fa sentire un vero giocatore, un gran giocatore dell'Atletico Catania". La società comunica che l'attaccante Gaetano Tomaselli non farà più parte dell'organico. La società ringranzia il giocatore per l'operato in questi anni trascorsi all'Atletico augurando le migliori fortune in futuro. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 04/07/09 - Sciuto ingaggiato dall'Atletico Catania. Nei giorni passati correvano voci su un suo possibile arrivo, oggi è stata data l'ufficialità: il trentatreenne difensore Rosario Sciuto è dell'Atletico Catania. Sciuto classe 1976, 33 anni, arriva all'Atletico Catania dopo le esperienze alla Ragazzini Generali e a Linguaglossa in Promozione, il ruolo che andrà a ricoprire in campo sarà quello di centrale difensivo, valido sostituto dell'ex capitano Benny Cascio. Sciuto contento dell'ingaggio si concede ad un intervista esclusiva: Benvenuto all'Atletico, cosa l'ha spinto a lasciare il Linguaglossa per trasferirsi all'Atletico? "Grazie, a Linguaglossa ho avuto alcuni problemi societari che mi hanno costratto a lasciare la squadra, quindi quando sono stato chiamato all'Atletico ho subito accettato, proprio perchè per me l'Atletico Catania rappresenta la squadra più importante di Catania in queste categorie e poi ho anche un passato da atletista, non come giocatore ma come tifoso". E' sicuramente importante giocare oggi in una squadra di cui sei stato tifoso, non credi? "Si sono pienamente d'accordo, io ricordo qualche anno fa che ero un tifosissimo dell'Atletico, quando l'Atletico era all'apice, ricordo particolarmente due trasferte all'epoca della C1, quella al San Paolo di Napoli nei play off con il Savoia per andare in B e la trasferta di Roma con la Lodigiani". Sicuramente non ritrovi la società di cui eri tifoso, sono cambiate molte cose.. "Si, devo dire però che ho trovato una società molto organizzata e vogliosa di fare bene, una società solida e questo è molto importante in queste categorie, molte volte se non c'è la solidità della Società si va in contro a stagioni fallimentari, ma questo non credo che succederà all'Atletico. Il ruolo che ricopri è Difensore centrale, andrai a sostituire Benny Cascio.. "Si ho giocato con Benny in passato e devo dire che è una persona fantastica, credo che comunque sarà felice che al posto ci sarò io. Io cercherò di dare un grosso contributo alla squadra soprattutto per far tornare l'Atletico ad alti livelli e per far tornare la gente allo stadio. Ogni anno che passa cerco sempre di migliorarmi e quest'anno voglio fare bene, e sono sicuro che faremo bene. Conosco parte dei giocatori in rosa e devo dire che la squadra è ben organizzata. I tifosi saranno felici di avere un tifoso Atletista in squadra, cosa dici loro? "Sono felice di ritrovarli, molti di loro li conosco già da tempo, dall'epoca della C1, e adesso dico loro di starci sempre vicini e sarà fondamentale il loro apporto. In queste categorie i tifosi hanno un ruolo determinante sia per le partite casalinghe che per i campi ostici in trasferta. Mi sembra banale dire che io giocherò per la maglia che indosso, che ho cucita nel cuore, e che qui all'Atletico è come se fossi a casa mia. Spero di fare bene e di poter regalare soddisfazioni a tifosi e società". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 02/07/09 - Una importante conferma: Passanisi. Come già anticipato nei giorni scorsi, un importante riconferma nel reparto offensivo atletista è sicuramente Lele Passanisi, autore di ben 7 reti solo nel girone di ritorno. L'Attaccante contento della riconferma,in un intervista, ci parla dei motivi che l'hanno spinto a rimanere in maglia atletista: Passanisi, cosa pensi della riconferma? "Sono felicissimo di rimanere all'Atletico Catania e continuare la mia avventura in questo club. Ho avuto la fortuna di trovare una società splendida, che ha stima in me e crede molto nelle mie potenzialità, oltre a un gruppo di giocatori molto affiatati. Quando il DS mi ha contattato qualche settimana fa non ci ho pensato due volte a giocare di nuovo nell'Atletico, anche perchè considero il progetto societario molto interessante".  Lo scorso anno sei stato a dir poco "decisivo", cercherai di riconfermare questo score? "L'Anno scorso arrivai all'Atletico nel mese di Dicembre e siglai 7 reti, praticamente solo nel girone di ritorno, l'anno prima a Viagrande ne segnai 14 in Promozione. Questa è la mia media gol, sicuramente ogni anno che passa cerco di migliorarmi e cercare di fare meglio" In quale altri club hai militato? Sono stato tanti anni a Viagrande, come ho accennato prima, poi ho giocato ad Acicatena in eccellenza, raggiungendo i play off, e ad Aciplatani dove ho vinto il campionato di I Categoria. Cosa ti aspetti quest'anno dal campionato? "Sicuramente non andremo a giocarci la salvezza all'ultima giornata, sono convinto che la società possa allestire una squadra capace di far divertire e capace di regalare qualche soddisfazione un po a tutti". Penso sai dell'addio di Benny Cascio, cosa ti senti di dire? " Benny è il capitano, con la sua assenza perdiamo un gran giocatore ma soprattutto un grande uomo. E' sicuramente una grande perdita, ma sicuramente la società saprà rimediare a tutto ciò. Comunque faccio tanti auguri a Benny per il suo avvenire".I Tifosi si aspettano grandi cose da te, che messaggio gli mandi? "Io mi auguro di fare il meglio per poter regalare grandi soddisfazioni a questa gente che segue l'atletico da tanti anni, mi auguro che i tifosi ci stiano vicini soprattutto nei momenti difficili e che possano gioire con noi quando vinciamo. In questi pochi mesi di permanenza all'Atletico sono sempre stato fiero e degno di indossare questa maglia, anche perchè giocare in questa squadra è sicuramente un onore". Per concludere, la società ha puntato nuovamente su di te, segno di grande fiducia e stima... "Si ringrazio il presidente per quello che ha fatto e tutta la società. Sono felicissimo di rimanere. La società si sta muovendo bene sul mercato e sta facendo acquisti mirati a rafforzare i reparti più deboli. Sicuramente con me, Alessio Ventura e Spadaro i gol non mancheranno e cercheremo di portare l'Atletico più in alto possibile". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 30/06/09 - Il Saluto di Benny Cascio al popolo Atletista. La notizia trapelava già da qualche giorno e in giornata odierna è stata definitivamente confermata: Benny Cascio saluta l'Atletico Catania e il calcio. A confermare la notizia è lo stesso Benny Cascio, in un intervista al sito mondoatletico, ad annunciare l'addio: " Purtroppo per motivi lavorativi sono costretto a lasciare l'Atletico Catania, per motivi di orari non riuscirei più a far conciliare lavoro e allenamenti. Ho avuto modo di parlare col Presidente e vedo che il progetto "Atletico Catania" di quest'anno è qualcosa di importante, e dispiace veramente tanto non poter esser partecipe. Ringrazio vivemente Società e Tifosi, perchè nel mio bagaglio calcistico non avevo mai visto tanto calore e passione da ambedue le parti, e sono fiero di aver giocato e lottato per questa maglia! Già l'anno scorso non ci ho pensato due volte a sposare questo progetto e venire a giocare in una società con un gran passato, e che meriterebbe categorie ben più alte, avevo proprio trovato la mia dimensione. Ma purtroppo quest'anno è andata così. Un saluto particolare lo mando ai tifosi atletisti che l'anno scorso hanno dimostrato di essere dei veri tifosi, criticando la squadra quando era giusto e applaudendola quando raggiungeva i risultati, si sono dimostrati maturi e la nostra salvezza è soprattutto merito loro. Infine ringrazio la società e il neo-presidente Orofino, al quale auguro un buon proseguo in quest'avventura e che possa un giorno portare l'Atletico dove più gli compete. L'Atletico Catania per me è e rimarrà un pezzo di cuore!". Pronta e immediata è stata la risposta del Presidente che dichiara: " A nome di tutta la società Atletista auguriamo a Benny Cascio tanti auguri per il nuovo lavoro, e siamo dispiaciuti per non avere più a disposizione le prestazioni del giocatore. Benny è stato il nostro capitano e anche molto più di un giocatore, infatti speriamo con tutto il cuore che possa ritornare nel nostro Staff tecnico, non come giocatore ma magari con un altro ruolo. Benny lo scorso anno è stato un uomo simbolo per la squadra e rimarrà tale perchè è entrato nella storia del nostro Club. Gli auguro i nostri più sentiti auguri e un arrivederci". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 29/06/09 - Il primo acquisto è Giovanni Spadaro. La società atletista lo cercava da tempo e ieri la trattativa è andata in porto; L'attaccante Giovanni Spadaro è dell'Atletico Catania. "Siamo molto contenti di aver portato a termine questa trattativa - afferma il DS Santo Palma - seguivamo il giocatore da Dicembre e finalmente siamo riusciti a fargli vestire questa maglia. Spadaro è stato fortemente voluto dal mister e la società ha deciso di accontentarlo ma non con pochi sforzi. Spadaro arriva per rafforzare il reparto offensivo, in modo da dare al mister una scelta più ampia in attacco. Adesso in settimana cercheremo di portare a termine altre due trattative importanti, per rafforzare il reparto difensivo e il centrocampo. Intanto ieri abbiamo confermato un altro tassello importante della scorsa stagione, ovvero il centrocampista Mattia Fontanot". Subito dopo l'approdo in maglia atletista, arriva puntuale l'intervista al nuovo attaccante atletista Spadaro: Spadaro, benvenuto nell'Atletico Catania, cosa pensa dell'approdo in maglia atletista? "Grazie, sono molto contento di esser approdato in questa squadra importante, la società mi cercava già da molto tempo e tutto quest'interesse nei miei confronti mi fa molto piacere e mi fa sentire stimato". Cosa si aspetta da questa stagione? "Ovviamente come ogni anno cercherò di dare il mio contributo, come ho fatto lo scorso anno a Misterbianco, segnando 11 reti che per me sono un bel bottino". Che ruolo ricopri in campo? "Io mi trovo bene come mezz'ala, in passato ho pure giocato come centrocampista ma ho scoperto da qualche anno a questa parte di poter dare di più come mezz'ala". Come mai tra le tante offerte ha scelto proprio l'Atletico Catania? "Quest'anno ho voluto cambiare squadra, perchè a Misterbianco non mi trovavo a mio agio, a risolvere questa situazione è intervenuta la società atletista che mi ha cercato e voluto; inoltre ci sono molti ragazzi che conosco nell'Atletico Catania e quindi non ci ho pensato due volte ad accettare l'offerta". Ha militato in altri club con un nome così importanti come quesllo dell'Atletico Catania, società da un passato glorioso? "A 18 anni giocavo in serie D, poi per motivi di lavoro sono sceso di categoria, prima in eccellenza, poi in promozione con la Virtus, dove ho vinto un campionato, e poi a Misterbianco". Credo che già sai che l'Atletico ha una tifoseria importante, tifosi che seguono dai tempi della serie C le vicende della squadra. Cosa ti senti di dire loro? "Anche se non sono un tifoso dell'Atletico Catania io dico ai tifosi che sono un lottatore nel campo e difendo la mia maglia fino all'ultima goccia di sudore. Lotto sempre per la mia maglia e spero di entrare nei cuori dei tifosi regalandogli tante soddisfazioni. Possono contare su Spadaro!". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 25/06/09 - Parla il mister Contarino. Come già anticipato nei giorni scorsi, società e DS hanno deciso di affidare la guida tecnica dell'Atletico Catania nuovamente a mister Alfio Contarino, per il secondo anno consecutivo, fresco di una salvezza raggiunta in extremis, che per molti sembrava quasi insperata. "Sono molto contento della riconferma -afferma mister Contarino in un intervista telefonica- e ringrazio di cuore la società per avermi dato questa possibilità di allenare una grande squadra. Questa è una società ambiziosa, che lavora con diligenza e senza premura di raggiungere risultati, e la mia esperienza mi fa dire che è il modo più corretto per raggiungere i risultati col tempo. So che la società su mie indicazioni ha riconfermato diversi giocatori dello scorso anno, e questo mi fa piacere perchè ho lavorato bene con i ragazzi e spero di affrontare un nuovo campionato che non ci faccia soffrire come lo scorso anno e che ci regali qualche soddisfazione in più. Purtroppo con molta probabilità non ritroveremo più il capitano Benny Cascio che per motivi di lavoro non so se ritornerà a giocare, ma comunque vada lo ringrazio moltissimo per il lavoro svolto lo scorso anno. Comunque sia il DS Santo Palma sta facendo un lavoro incredibile per portare in squadra nuovi elementi validi, per rafforzare i reparti più deboli. Come abbiamo già concordato, noi cerchiamo giocatori che siano attaccati alla maglia e che giochino solo per questa, io personalmente cerco l'uomo e non giocatori, e credo che questa sia la cosa più importante sia nel calcio che nella vita. Un ultimo pensiero va ai tifosi, che lo scorso anno sono stati splendidi e sempre vicini alla squadra, e spero lo saranno anche nella prossima stagione; loro meritano palcoscenici maggiori e credo che pian piano possono anche loro levarsi qualche soddisfazione". (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)


 20/06/09 - Atletico Catania in movimento. Nonostante sia ancora il 19 Giugno l'Atletico Catania è in pieno movimento in chiave mercato. In attesa di nuovi acquisti, nella settimana appena trascorsa, sono stati riconfermati diversi giocatori che lo scorso hanno, soprattutto nella s19econda metà, hanno fatto la differenza e raggiunto l'obiettivo salvezza all'ultima giornata. Oltre al mister Contarino sono stati riconfermati il centrocampista Merola, il portiere Mario Noto, i difensori Giuffrida, Leonardi e Aliquò e gli attaccanti Passanisi, Alessio Ventura e Tricomi. A confermare la notizia è intervenuto quest'oggi il DS Santo Palma dichiarando: "Sono contento che molti dei giocatori della passata stagione siano stati riconfermati, devo dire che questi ragazzi hanno dimostrato un attaccamento alla maglia esemplare. Non ci sono stati problemi ne di soldi, ne di altro, i ragazzi senza pensarci due volte hanno riconfermato la loro disponibilità anche per quest'anno. Il nostro progetto societario prevede di rippuntare sugli stessi giocatori dello scorso anno, ovviamente con qualche innesto che andrà a completare la rosa Atletista per rinforzarla. Settimana prossima ci incontreremo anche con capitan Cascio, che è molto legato alla squadra e società, l'accordo è stato quasi raggiunto, ma si aspetta l'ok del giocatore per liberarsi da impegni lavorativi. La società si sta muovendo per cercare giocatori validi ma nello stesso tempo vogliamo giocatori che presentano un attaccamento alla maglia esemplare, perchè la nostra è una squadra con un nome importante. Speriamo quindi di costruire un gruppo valido e ritrovare ad inizio Agosto dei ragazzi pronti a dare battaglia nella prossima stagione. Inoltre concludo dicendo che siamo l'unica società che già a Giugno ha confermato diversi giocatori e sta lavorando giorno e notte per concludere diverse situazioni". Nei giorni scorsi è stata inserita una nuova figura societaria, nonchè l'Addetto Stampa e responsabile delle Relazioni Esterne, ruolo ricoperto da Di Mauro Alessio, attuale web master del sito Mondoatletico. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 16/06/09 - L'Atletico Catania riparte da Orofino. Dopo la travagliata passata stagione e una salvezza raggiunta in extremis, l'Atletico Catania 2009-2010 sta già prendendo forma. Tutte le voci che portavano ad un passaggio di proprietà sono state smentite e da qualche giorno sono stati confermati Soci e Presidente, proprio quest'ultimo ruolo sarà ufficialmente ricoperto da Saro Orofino, con i vari soci che andranno a comporre l'organigramma societario, tra cui Crisafi, Di Stefano, Tricomi, Scardaci e Aloisi. Oltre le riconferme del DS Santo Palma. In un intervista telefonica proprio il neo-presidente Orofino ha chiarito alcuni punti su quello che saranno gli obbiettivi stagionali e il futuro atletista: Presidente, quali sono gli obbiettivi principali per la prossima stagione, e su cosa lavorerà la società per il futuro? Il nostro obiettivo principale è quello di far crescere la società e col tempo di raggiungere risultati importanti, capaci di far tornare l'Atletico a palcoscenici migliori e che più gli competono. L'obiettivo stagionale nel prossimo campionato sarà quello di una salvezza tranquilla, evitare le spiacevoli sorprese dello scorso anno e cercare di salvarci il prima possibile, poi se arriverà qualche sorpresa nella classifica finale non ci tireremo indietro. Nella prossima stagione quali volti nuovi troveremo in squadra e chi verrà confermato? Al momento l'intenzione è di confermare tutti i giocatori dello scorso anno, infatti a breve avremo un incontro con loro per definire il punto della situazione, inoltre arriverà sicuramente qualche rinforzo che andrà a colmare qualche lacuna dello scorso anno, ma ancora non sappiamo esattamente. Le conferme già consolidate sono comunque quella di mister Contarino e quella del centrocampista Merola. In quale campo giocherà l'Atletico ? L'Atletico giocherà con grossa probabilità a Catania, e anche alta è la probabilità che verrà assegnato un campo solo ed esclusivamente all'Atletico, ma per questo argomento aspettiamo riscontri. Che probabilità ci sono di essere inseriti nel girone Messinese? Noi abbiamo fatto domanda per inserirci nel girone di Messina, ma le probabilità che ci inseriscano in quello siracusano sono del 50 %. Quale futuro per quest'Atletico Catania? La nostra società non ama fare promesse che non può mantenere, noi stiamo costruendo una società che cercherà di crescere e che punterà a far crescere i giovani, soprattutto i Juniores, ma anche gli allievi e i ragazzi della scuola calcio. Io in prima persona vorrei vedere l'Atletico in palcoscenici migliori, e lavoreremo per arrivarci. Uno spazio ai tifosi, sempre calorosi e uniti a questo nome e questa maglia ormai da anni, cosa si sente di dire? I Tifosi li conosco bene, e credo che anche quest'anno saranno magnifici. In questi 2 anni sono stati sempre vicini alla squadra e non hanno mai fatto mancare il loro calore; credo che regaleremo loro qualche altra soddisfazione. (Di Mauro Alessio - Addetto Stampa - www.atleticocatania.it)

 

Home page